Una classe per i ribelli

Una classe per i ribelli recensione film di Michel Leclerc con Leïla Bekhti [Anteprima]

Una classe per i ribelli è la nuova commedia di Michel Leclerc che racconta il pregiudizio sociale e l'integrazione. La recensione

Una classe per i ribelli recensione film di Michel Leclerc con Leïla Bekhti, Edouard Baer, Ramzy Bedia, Tom Levy, Baya Kasmi e Eye Haidara

L’ultimo lavoro di Michel Leclerc (Le nom des gens) è Una classe per i ribelli, commedia francese fresca e godibile che lascia ampio respiro per temi di spessore quali il pregiudizio sociale, la diversità, le ideologie politiche e l’istruzione scolastica.

Sofia (Leïla Bekhti) e Paul (Eduard Baer) sono una coppia brillante e anticonvenzionale, lei di origini magrebine diventa un avvocato a Parigi, lui batterista punk in perenne lotta con il sistema, decidono di trasferirsi nella banlieue parigina, precisamente a Bagnolet, per crescere loro figlio Corentin (Tom Levy) a contatto con la diversità culturale.

Leïla Bekhti e Edouard Baer
Leïla Bekhti e Edouard Baer

Tutto procede secondo i piani finché i suoi compagni lasciano la scuola pubblica per iscriversi ad un istituto privato, lamentano le condizioni pessime sia strutturali che didattiche nelle quali si trova la scuola di Jean Jaurès. Sofia e Paul, da ottimi genitori quali sono, fanno di tutto per rendere più facile la vita di Corentin a scuola ma purtroppo si sa, anche i ragazzi sanno essere cattivi.

Una classe per i ribelli è uno spaccato di vita quotidiana che, in base al punto di vista, può toccare qualsiasi spettatore. Ciò che rende interessante il film è proprio la sua capacità di trattare un argomento come la diversità sociale senza cadere nel banale; non parliamo di un bambino nero bullizzato dalla sua classe di WASP, Corentin è figlio di un francese e una magrebina ma viene insultato e deriso dai suoi compagni di colore per essere “sbiadito” e destinato all’inferno visto che non crede in Dio.

Leïla Bekhti, Edouard Baer e Tom Levy
Leïla Bekhti, Edouard Baer e Tom Levy
Una classe per i ribelli recensione film di Michel Leclerc con Leïla Bekhti
Una classe per i ribelli di Michel Leclerc

Il razzismo non è a senso unico, e Michel Leclerc e Baya Kasmi (compagna di Michel, sceneggiatrice del film e interprete) ce lo raccontano benissimo perché l’hanno vissuto sulla propria pelle. C’è tanto di vero in Una classe per ribelli. Accadeva nel 2015, ai tempi dell’attentato a Charlie Hebdo, Michel e Baya hanno affrontato questo problema con il loro bambino riuscendo poi a crearne una commedia che trasmette il messaggio uscendo dagli schemi del realismo.

Il lavoro a quattro mani fra regia e sceneggiatura, come già accaduto per Le nom de gens, è stato naturale, la sceneggiatura è nata proprio dalle discussioni e basata su due ideologie della sinistra: la difesa delle minoranze e la lotta contro l’autorità.

Una classe per i ribelli è un film capace di far sorridere e intenerire ma lascia grandi spunti di riflessione politica e sociale.

Una classe per i ribelli: il poster
Una classe per i ribelli: il poster

Sintesi

Una classe per i ribelli è una commedia francese fresca e godibile che lascia ampio respiro per temi di spessore quali il pregiudizio sociale, la diversità, le ideologie politiche e l’istruzione scolastica. Michel Leclerc e Baya Kasmi scrivono la storia a quattro mani ispirandosi alla loro esperienza di vita.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Una classe per i ribelli è una commedia francese fresca e godibile che lascia ampio respiro per temi di spessore quali il pregiudizio sociale, la diversità, le ideologie politiche e l’istruzione scolastica. Michel Leclerc e Baya Kasmi scrivono la storia a quattro mani ispirandosi alla loro esperienza di vita.Una classe per i ribelli recensione film di Michel Leclerc con Leïla Bekhti [Anteprima]