Tutti per Uma

Tutti per Uma recensione film di Susy Laude con Lillo Petrolo e Pietro Sermonti [Anteprima]

Tutti per Uma recensione film di Susy Laude con Lillo Petrolo, Pietro Sermonti, Laura Bilgeri, Antonio Catania, Dino Abbrescia e Carolina Rey

Tutti per Uma: la recensione in anteprima

Esplorare i confini della realtà si sta rivelando una chimera per il cinema italiano. Le radici di questa difficoltà sono diverse e nascoste in piena vista: un sistema produttivo che privilegia, attraverso fondi e finanziamenti pubblici, storie lineari e prevedibili; un’estetica standard e patinata che si è appropriata della locuzione all’italiana; una sudditanza economico-culturale all’immaginario americano mainstream.

Ci sono, ovviamente, le mosche bianche che puntualmente rappresentano la svolta e/o la rinascita del movimento italiano ma in quanto casi del giorno, del mese, dell’anno finiscono per bruciarsi con il resto.

Laura Bilgeri in Tutti per Uma
Laura Bilgeri in Tutti per Uma
Tutti per Uma recensione film di Susy Laude con Lillo Petrolo e Pietro Sermonti
Pietro Sermonti, Antonio Catania e Lillo Petrolo con Valerio Bartocci e Gabriele Ansanelli (Credits: Vision Distribution)

Tutti per Uma, pur essendo un family movie, rientra perfettamente nella categoria. Susy Laude, al debutto come regista, ha scelto di realizzare un film dove realtà e sogno si confondono in una famiglia strampalata di viticoltori alle prese con principesse, contest di danza e contesse invadenti.

Ha un cast immediatamente riconoscibile (su tutti Lillo e Pietro Sermonti e subito dietro Antonio Catania) e un mix di bambini e volti meno noti. C’è uno scenografia bislacca ricercata con cura, alla pari dei costumi e degli oggetti di scena, eppure qualcosa non va.

Lillo Petrolo e Carolina Rey
Lillo Petrolo e Carolina Rey (Credits: Vision Distribution)
Dino Abbrescia, Laura Bilgeri e Antonio Catania
Dino Abbrescia, Laura Bilgeri e Antonio Catania (Credits: Vision Distribution)

C’è una sensazione di posticcio che accompagna tutto il film che non è necessariamente legata all’estraneità al target di riferimento. C’è più attenzione al mostrare le cose che alle tematiche messe sul piatto. Ci si ricorderà della verve comica dei Ferliga piuttosto che il discorso sulla libertà e il bullismo portato avanti. Si discuterà magari del grossolano momento musical invece che dei cliché e degli stereotipi apparentemente inevitabili.

C’era bisogno di un family movie italiano? Tremendamente. Ma era proprio necessario che Tutti per Uma fosse schiavo di tutto quello che cercava di evitare virando verso il surreale? Assolutamente no. Ed è un peccato enorme, per il pubblico per cui questo film era pensato e per l’evasione potenziale dalle griglie cui siamo assuefatti.

Carolina Rey e Pietro Sermonti
Carolina Rey e Pietro Sermonti in una scena del film diretto da Susy Laude (Credits: Vision Distribution)

Sintesi

Tutti per Uma finisce per essere schiavo di tutti i cliché e gli stereotipi che cercava di evitare virando verso il surreale: la pellicola di Susy Laude prova a giocare con la realtà senza troppa convinzione rimanendo sempre sul punto di dire qualcosa di nuovo, mostrando più attenzione all'immagine che non alle tematiche e depauperando il potenziale senso di evasione dalle griglie cui siamo assuefatti.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Tutti per Uma recensione film di Susy Laude con Lillo Petrolo e Pietro Sermonti [Anteprima]Tutti per Uma finisce per essere schiavo di tutti i cliché e gli stereotipi che cercava di evitare virando verso il surreale: la pellicola di Susy Laude prova a giocare con la realtà senza troppa convinzione rimanendo sempre sul punto di dire qualcosa di nuovo, mostrando più attenzione all'immagine che non alle tematiche e depauperando il potenziale senso di evasione dalle griglie cui siamo assuefatti.