Tredici 4

Tredici recensione quarta stagione [Netflix]

Tredici recensione quarta stagione serie TV Netflix creata da Brian Yorkey con Dylan Minnette, Katherine Langford, Alisha Boe e Christian Navarro

È tempo di dire addio alla Liberty High, a Clay e ai suoi amici. Affrontare una nuova stagione è sempre difficile, sia per chi la realizza che per chi la segue; a maggior ragione se la stagione è quella finale per Tredici.

Dopo una bellissima prima stagione che ci aveva conquistato – suscitando per di più diverse controversie per il fatto di aver affrontato argomenti come il suicidio adolescenziale, il bullismo o l’abuso sessuale – ed una seconda abbastanza valida, dalla terza stagione Tredici ha iniziato a perdere il suo abbrivio con un approccio sempre meno interessante fino ad arrivare alla quarta (già disponibile su Netflix) in cui le trame precipitano senza raggiungere il grado di profondità immaginato ed atteso.

Dylan Minnette, Christian Navarro, Alisha Boe e Brandon Flynn
Dylan Minnette, Christian Navarro, Alisha Boe e Brandon Flynn

Tredici recensione quarta stagione serie TV Netflix
Dylan Minnette in Tredici

Uno dei motivi è che questa ultima stagione è irregolare, affronta troppi temi in soli dieci episodi ed il risultato è una mancanza di pathos con i personaggi ed una narrazione senza quell’impatto emotivo che avevamo trovato all’inizio della serie.

Le prime puntate si concentrano molto su Clay e sulla sua sofferenza. La pressione di mantenere un segreto lo colpisce in diversi modi: presenta comportamenti autolesionistici, soffre di disturbi d’ansia, episodi di paranoia, allucinazioni, attacchi di panico attraversando una profonda depressione derivata da una bassa autostima. Il modo di affrontare tutto ciò è, tuttavia, abbastanza estremo perché sebbene Clay abbia sempre dimostrato di avere una prodigiosa immaginazione dialogando con la defunta Hannah Baker, ora i “fantasmi” e i suoi incubi con Bryce e Monty si materializzano eccessivamente, spezzando molto il tono che la serie aveva sin qui mantenuto.

Grace Saif e Alisha Boe
Grace Saif e Alisha Boe

Troviamo dialoghi enigmatici, mancanza di fiducia tra i personaggi e, in generale, un approccio deprimente nell’ultimo anno del liceo. Tutto si rivela triste in questa stagione, il che lascia poco spazio alla speranza, soltanto verso la fine il messaggio si concentra sull’amicizia e che è possibile perdonare le persone che ci hanno fatto del male in passato. Della serie… domani è un altro giorno e andrà tutto bene.

Onestamente spiace che abbiano dilatato l’idea originale di Jay Asher e ingarbugliato una trama quasi perfetta che affrontava problematiche e conflitti adolescenziali, che mirava a mettere in comunicazione il pubblico adulto con i propri figli per discutere ed affrontare gli interessanti temi offerti dalla serie.

Dylan Minnette e Ross Butler
Dylan Minnette e Ross Butler

L'ultimo episodio di Tredici
L’ultimo episodio di Tredici

Purtroppo, poco a poco, abbiamo perso l’empatia che avevamo con i protagonisti e che ci coinvolgevano in prima persona mentre ascoltavamo le cassette registrate da Hannah. Le ultime due stagioni sono un groviglio di segreti, bugie e paranoie mentre la sceneggiatura ed i personaggi risultano sproporzionati e tolgono coerenza ad una storia che si mostra debole e poco stimolante.

Se la terza stagione era inutile, la quarta si dimostra senza senso, con un finale assai poco interessante, lasciando trapelare, sempre più chiaramente, che con la prima stagione – forse anche con la seconda – Tredici doveva chiudere definitivamente i battenti.

L’ennesima riprova che bisogna capire quando è il momento di fermarsi: l’accanimento terapeutico non giova a nessuno, tanto meno allo share.

Sintesi

Tredici ha perso il suo pathos trasformandosi in una serie come tante con un approccio sempre meno interessante - soprattutto in questa ultima stagione - in cui le trame precipitano senza raggiungere il grado di profondità immaginato ed atteso.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Better Days recensione [FEFF 22]

Better Days recensione film di Derek Kwok-cheung Tsang con Zhou Dongyu, Jackson Yee, Yin Fang, Huang Jue, Wu Yue, Zhou Ye e Zhang Yifan Vincitore del...

Far East Film Festival 2020 vincitori: Better Days vince #FEFF22

Far East Film Festival 2020: vince Better Days (Cina) di Derek Kwok-cheung Tsang, secondo Victim(s) (Malaysia) di Layla Zhuqing Ji, terzo I WeirDO (Taiwan)...

Beasts Clawing at Straws recensione [FEFF 22]

Beasts Clawing at Straws recensione film di Young-hoon Kim con Do-yeon Jeon, Woo-sung Jung, Sung-woo Bae, Yeo-jeong Yoon e Man-sik Jeong Premiere italiana anche per il...

#HandballStrive recensione [FEFF22]

#HandballStrive recensione film di Daigo Matsui con Seishiro Kato, Kotaro Daigo, Himi Sato, Ryota Bando, Fuku Suzuki, Seimu Iwamoto e Miku Tanaka Daigo Matsui ha una...

The President’s Last Bang recensione [FEFF 22]

The President’s Last Bang recensione film di Sang-soo Im con Yoon-sik Baek, Suk-kyu Han, Jae-ho Song, Eung-soo Kim e Won-joong Jeong Per il bene della...

The Closet recensione [FEFF 22]

The Closet recensione film di Kwang-bin Kim con Jung-woo Ha, Nam-gil Kim, Yool Heo, Si-ah Kim, Hyun-bin Shin e Soo-jin Kim Prendendo The Closet come...

Dance with Me recensione [FEFF 22]

Dance with Me recensione film di Shinobu Yaguchi con Ayaka Miyoshi, Akira Takarada, Takahiro Miura e Yū Yashiro al Far East Film Festival 2020 Nei...

Romance Doll recensione [FEFF 22]

Romance Doll recensione film di Yuki Tanada con Issey Takahashi, Yū Aoi, Yasuhiro Koseki e Taki Pierre al Far East Film Festival 2020 Fa il suo...

i-Documentary of the Journalist recensione [FEFF 22]

i-Documentary of the Journalist recensione documentario di Tatsuya Mori presentato al Far East Film Festival 2020 "Isoko Mochizuki sono io. Isoko Mochizuki è tutti noi. Un po'...

Cry recensione [FEFF 22]

Cry recensione film di Hirobumi Watanabe con Hirobumi Watanabe, Misao Hirayama e Riko Hisatsugu presentato in anteprima internazionale al Far East Film Festival 2020 Quanti...