Scream

Scream (2022) recensione film con Neve Campbell e Courteney Cox [Anteprima]

Scream (2022) recensione film di Matt Bettinelli-Olpin e Tyler Gillett con Neve Campbell, Courteney Cox, David Arquette, Melissa Barrera e Kyle Gallner

L’incubo di Scream è tornato. Venticinque anni dopo i brutali omicidi avvenuti a Woodsboro, in California, un nuovo assassino è tornato. Usando la stessa maschera di Ghostface, il nuovo aggressore inizia ad attaccare un gruppo di adolescenti per far emergere i segreti della cittadina.

L’età d’oro di questo tipo di storie la troviamo tra la fine degli anni ’70 e la fine degli ’80, tuttavia, nel 1996 uscì un film che, in qualche modo, presentava una storia che avrebbe mantenuto gli spettatori in tensione. Durante la visione del film lo scopo principale del killer era solo uno: far urlare le vittime.

La saga di Scream è una delle più amate dagli amanti degli horror. Il maestro Wes Craven iniziò con il rivoluzionario primo capitolo negli anni 90 e, dopo il grande successo ottenuto, seppe riconfigurare il genere slasher adattandolo alle correnti moderne.

Neve Campbell e Courteney Cox
Neve Campbell e Courteney Cox (Credits: Paramount Pictures/Spyglass Media Group)

Scream (2022) recensione film con Neve Campbell e Courteney Cox
David Arquette (Credits: Paramount Pictures/Spyglass Media Group)

Scream (2022) è il quinto dei film ed i registi Matt Bettinelli-Olpin e Tyler Gillett, per rispettarne la legacy, riportano sullo schermo il cast originale – Neve Campbell, David Arquette e Courteney Cox – che si amalgama perfettamente con i nuovi protagonisti.
La trama non è molto diversa dalle precedenti. Una giovane donna torna nella sua città natale e scopre una serie di morti legate ad un assassino che già anni prima aveva terrorizzato la popolazione.

Il genere horror generalmente funziona meglio con una storia unica che con le saghe, ma con le dovute eccezioni. Se l’opera colpisce sia il pubblico che la critica c’è la tendenza, sempre più in voga, di realizzare sequel, spin-off e prequel. Ideare un nuovo capitolo può assicurare un certo successo tra gli spettatori ma non garantisce sempre un prodotto di qualità. Scream (2022) ci è riuscito.

Melissa Barrera
Melissa Barrera (Credits: Paramount Pictures/Spyglass Media Group)

Mikey Madison
Mikey Madison (Credits: Paramount Pictures/Spyglass Media Group)

La sceneggiatura di James Vanderbilt e Guy Busick pone in perfetto equilibrio paure e commenti esilaranti sugli horror moderni. Si prende gioco di se stesso perché i personaggi discutono sulle regole di comportamento su cosa fare o non fare in un horror per poter sopravvivere.

Oltre a umorismo ed ironia siamo dinanzi ad un film con calibrati momenti di agitazione e qualche spavento ben gestito. Non mancano colpi di scena e morti violente. Anche questa volta il mistero è scoprire chi è il nuovo assassino che segue lo stesso modus operandi, sempre vestito con la caratteristica maschera ispirata a L’urlo di Edward Munch.

La pellicola trae molta ispirazione dall’originale con battute autoreferenziali che attutiscono, in determinati momenti, la tensione. Ma, nonostante qualche scontatezza, onora magnificamente l’eredità del primo film. Porta un nuovo tono fresco e violento alla saga con una carica di amore e nostalgia verso l’originale. Non mancano sorprese, terrore e soprattutto sangue in abbondanza. Cosa chiedere di più ad un seguito?

Un omaggio volto soprattutto ai fan. E Wes Craven ne sarebbe orgoglioso.

Sintesi

Il maestro Wes Craven con Scream ha riconfigurato il genere slasher adattandolo alle correnti moderne: l'incubo adesso ritorna con una pellicola in perfetto equilibrio tra horror, umorismo ed ironia, che onora magnificamente l'eredità dell'originale con una carica di amore e nostalgia, portando un nuovo tono fresco e violento alla saga. Non mancano sorprese, terrore e soprattutto sangue in abbondanza. Cosa chiedere di più ad un seguito?

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli