Landscapers - Un crimine quasi perfetto

Landscapers – Un crimine quasi perfetto recensione miniserie TV con Olivia Colman e David Thewlis [Sky NOW Anteprima]

Landscapers – Un crimine quasi perfetto recensione miniserie TV Sky HBO di Ed Sinclair con Olivia Colman, David Thewlis, Kate O’Flynn, Dipo Ola, Samuel Anderson, David Hayman e Felicity Montagu

Arriva su Sky Atlantic una nuova miniserie crime in quattro puntate, Landscapers – Un crimine quasi perfetto,  co-produzione SkyHBO. Incentrata sulla storia reale dell’omicidio dei coniugi Wycherley avvenuto nel Nottinghamshire nel 1998. Crimine rimasto irrisolto per oltre quindici anni. Fino a quando, scavando nel retro della loro casa a Mansfield, sono stati rinvenuti i corpi sepolti. 

Unici indiziati degli omicidi: la figlia Susan Wycherley e il suo marito Chris, amabile coppia di mezza età inglese trasferitasi da tempo in Francia. Un dramma sperimentale che gioca con i limiti del genere true crime, in perfetto equilibrio tra tragedia e dolcezza. Senza dimenticare una sana dose di humor inglese.

Olivia Colman
Olivia Colman (Credits: Sky/HBO)

Susan (Olivia Colman), è una bibliotecaria amante del cinema, in particolare dei classici western americani. Passione che condivide con il marito Chris (David Thewlis), contabile disoccupato, con una profonda fascinazione per le grandi stelle del cinema. Tra cui Cary Grant e Gérard Depardieu, riuscendo con quest’ultimo ad intraprendere una strana amicizia epistolare. Una vita di coppia normale, che vive nella quiete e nell’amore, semplice e dolce. Ed è però proprio in questo silenzio che si nasconde il dramma profondo da cui nasce la storia.

La sceneggiatura di Landscapers – Un crimine quasi perfetto è scritta da Ed Sinclair, che sapientemente decostruisce il genere spostando l’attenzione non più sulla ricerca del criminale ma sulla comprensione dei motivi di tali efferati omicidi. Dialoghi incredibili ed una perfetta costruzione della tensione attraverso una narrazione sperimentale che rompe più volte la quarta parete, punti forti di una sceneggiatura che tentenna solo nel momento in cui tutte le carte sono state scoperte. Arriva un po’ lunga sul finale, divagando tra universi metacinematografici come per cercare di coprire il tempo mancante, riuscendo però, nell’arco delle quattro puntate, a mantenere un’ elevata qualità di insieme. 

David Thewlis
David Thewlis (Credits: Sky/HBO)

Se il primo episodio serve da introduzione alla storia ed alle tematiche, sono il secondo ed il terzo a rimanere nel cuore e nella mente dello spettatore. Narrazione che raggiunge vette altissime, aiutata e sorretta da una interpretazione magistrale del cast di attori. Olivia Colman conferma il talento ed il giusto successo che negli anni è riuscita a costruirsi. Qualsiasi persona al suo fianco avrebbe faticato, tutti tranne David Thewlis, che regge l’altissimo livello di recitazione. Creando così una accoppiata perfetta, capace di far trasparire tutta l’intesa e le sfaccettature di due personaggi complessi.

Da menzionare anche il resto del cast, dal team di investigatori (in particolare Kate O’ Flynn), all’avvocato di Susan (Dipo Ola). Landscapers riesce a far vacillare lo spettatore, in bilico sul dilemma morale tra giustizia e realtà. L’oggettività è difficile da trovare così come anche la verità, in un racconto ricco di diversi livelli di lettura che porta ad empatizzare fortemente con la coppia indagata. 

David Thewlis e Olivia Colman
David Thewlis e Olivia Colman (Credits: Sky/HBO)

Ricchezza anche visiva, grazie ad un’ottima regia di Will Sharpe: comprende il racconto ed aumenta il senso di astrazione e sperimentazione, vaga nella storia del cinema e porta la serie a sconfinare in mondi inattesi. Man mano che la narrazione prosegue questa astrazione diventerà sempre più preponderante, a tratti diventando troppo pomposa ma al tempo stesso rimanendo visivamente appagante ed originale. Il vero merito è proprio da ricercare in questa originalità e freschezza del racconto. A tratti teatrale, come a voler spiazzare lo spettatore e renderlo partecipe della recita.

Si entra nella mente della coppia, protagonisti di una storia tutta loro. Fonte di fuga necessaria per alimentare il loro amore; amore epico come le storie dei classici Western. Landscapers riesce dove molte serie falliscono, vivere in un suo spazio personalissimo ed innovativo, proprio come Susan e Chris

Sintesi

Moderna ed innovativa, Landscapers - Un crimine quasi perfetto gioca con i limiti del true crime attraverso una narrazione originale e sperimentale che cerca di decostruire il genere di partenza in bilico tra realtà e fantasia, alla ricerca di verità e di una giustizia che diventa sempre più offuscata tra dramma ed inaspettata dolcezza. La sceneggiatura di alto livello di Ed Sinclair divaga in mondi metacinematografici che Olivia Colman e David Thewlis riescono a riempire con incredibile talento e regalando interpretazioni magistrali.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli