Tre volti

Tre volti recensione

Tre volti recensione film di Jafar Panahi con Behnaz Jafari, Jafar Panahi, Marziyeh Rezaei, Maedeh Erteghaei e Narges Delaram

Ostacolata dalla famiglia nell’inseguire il suo sogno di diventare attrice, Marziyeh, giovane ragazza dell’Iran rurale, decide di togliersi la vita: riprende il gesto con uno smartphone e fa recapitare il video alla famosa attrice Behnaz Jafari (qui nei panni di se stessa).
E’ tutto vero?
Sconvolta, Behnaz parte alla volta del villaggio della ragazza per indagare sull’accaduto, accompagnata dal regista Jafar Panahi (anch’egli nei panni di se stesso in Tre volti).
Lungo il tragitto, i due incontrano personaggi originali e pittoreschi e, una volta giunti al villaggio, scoprono che s’è trattato di una messa in scena, estremo tentativo della ragazza di ottenere aiuto per poter frequentare l’accademia.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Behnaz Jafari e Jafar Panahi
Behnaz Jafari e Jafar Panahi

Dopo il bel Taxi Teheran, Jafar Panahi torna a indossare i panni dell’autista in una docu-fiction in salsa road-movie diretta nella campagna persiana povera e intrisa di cultura patriarcale; quella stessa che scatena la disapprovazione sociale nei confronti di Marziyeh, colpevole di voler studiare ed emanciparsi.
Ciononostante, il regista iraniano evita accuratamente ogni forma di giudizio e, restando fedele allo spirito umanista e antropologico che da sempre ne caratterizza la poetica, si limita a osservare la realtà dando voce agli abitanti del luogo, di cui è attento a rimarcare anche gli aspetti più lievi e poetici. I suoi personaggi, perciò, nonostante il maschilismo imperante, appaiono perlopiù teneri, innocenti; anche quando il fratello di Marziyeh, disperato, aggredisce i due artisti rei, a suo modo di vedere, di fuorviare la sorella.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Behnaz Jafari e Marziyeh Rezaei
Behnaz Jafari e Marziyeh Rezaei

È come se Panahi, in tal modo, intenda sottolineare il senso di ineluttabilità di un retaggio sub-culturale inestirpabile dal basso, cui, forse, l’arrivo dei nuovi mezzi di comunicazione (lo smartphone usato da Marziyeh per chiedere aiuto) potrebbe imprimere un cambiamento in positivo.
Ma l’elemento che maggiormente permea il racconto è costituito da un quesito: qual è il ruolo dell’artista nella società? Come può egli imprimere un cambiamento volto a superare le antiche regole sociali?
Panahi non dà risposte ed anzi, richiamandosi al dualismo mito-realtà, rimarca il quesito attraverso la contraddizione più evidente: perché Behnaz Jafari, star del cinema e della TV, che non è altro se non ciò per cui Marziyeh subisce lo stigma sociale, viene accolta con deferenza e ammirazione, anziché con disprezzo?

Tre volti recensione film di Jafar Panahi
Tre volti di Jafar Panahi

Narrato in stile asciutto e con consistenti piani-sequenza, Tre volti appare disseminato di numerosi elementi simbolici, simultanei emblemi del controllo sociale e della repressività del regime iraniano: la strada d’ingresso al villaggio troppo stretta per circolare liberamente; l’attrice Shahrzad, celebre nel regime pre-rivoluzionario, ora caduta in disgrazia; e soprattutto l’uso delle grandezze scalari nelle inquadrature.
Dopo aver fatto ricorso all’uso di primi piani e di campi medi per l’intera durata del racconto, Panahi, infatti, decide di stravolgere il linguaggio interno alla narrazione chiudendo con un campo lunghissimo (ottenuto grazie alla tecnica del montaggio interno) che, offrendo uno sguardo più ampio ed esteso, metaforicamente infrange e supera gli stessi vecchi retaggi e riapre verso orizzonti più vasti.

Marziyeh Rezaei
Marziyeh Rezaei

Premiato a Cannes 2018 col Prix du scénario per la miglior sceneggiatura, Tre volti è un’opera sobria e potente; un racconto che, come quasi tutto il cinema di Panahi, sferza delicatamente.
Non manca l’omaggio al maestro Kiarostami e al suo meraviglioso Il sapore della ciliegia, evocato nella scena dell’anziana donna distesa nella sua tomba in attesa della morte.
Simbolo del coraggio e dell’amore per il cinema che non si ferma dinanzi ad alcun ostacolo, il regista originario di Mianeh è stato costretto per l’ennesima volta a girare il film in clandestinità a causa del divieto ricevuto delle autorità iraniane.
Nonostante ciò, Tre volti è una bellissima opera che conferma che Panahi, tra i massimi esponenti della New Wave iraniana, è e resta una pietra miliare della cinematografia mondiale. Un maestro assoluto che è già entrato a far parte della storia della settima arte.

Pierpaolo

Sintesi

Premiato a Cannes 2018 col Prix du scénario per la miglior sceneggiatura, Tre volti è una bellissima opera, sobria e potente, che sferza delicatamente infrangendo metaforicamente i vecchi retaggi del regime iraniano e riaprendo verso orizzonti più vasti. Simbolo del coraggio e dell'amore per il cinema che non si ferma dinanzi ad alcun ostacolo, Jafar Panahi si conferma maestro assoluto e pietra miliare della cinematografia mondiale.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articolo precedenteThe Hunt recensione
Articolo successivoEmma recensione

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Uomini contro recensione

Uomini contro recensione film di Francesco Rosi con Gian Maria Volonté, Alain Cuny, Mark Frechette, Pier Paolo Capponi, Franco Graziosi e Mario Feliciani Prima guerra mondiale....

Cine Rassegna Stampa del 13 luglio

Cine Rassegna Stampa del 13 luglio: i trailer del biopic Tesla con Ethan Hawke e Kyle McLachlan nel ruolo di Edison e dell'horror di...

The 100 recensione stagione 7 episodi 6-7 6 7×6 Nakara 7×7 La mossa della regina

The 100 recensione 7x6 7x7 episodi 6-7 stagione 7 Nakara e La mossa della regina con Eliza Taylor, Marie Avgeropoulos, Lindsey Morgan e Richard Harmon Riprendiamo...

Messaggi da Elsewhere recensione serie TV [Amazon Prime Video]

Messaggi da Elsewhere recensione serie TV Amazon Prime Video di Jason Segel con Jason Segel, Sally Field, Eve Lindley, Richard E. Grant e André Benjamin Voi...

Ashfall recensione [FEFF 22]

Ashfall recensione film di Byung-seo Kim e Hae-jun Lee con Byung-hun Lee, Jung-woo Ha, Dong-seok Ma, Hye-jin Jeon e Suzy Bae Ecco perché il capitalismo...

The Old Guard recensione [Netflix]

The Old Guard recensione film di Gina Prince-Bythewood con Charlize Theron, Matthias Schoenaerts, KiKi Layne, Chiwetel Ejiofor, Marwan Kenzari, Luca Marinelli e Harry Melling Continuare...

My Sweet Grappa Remedies recensione [FEFF 22]

My Sweet Grappa Remedies recensione film di Akiko Ohku con Yasuko Matsuyuki, Haru Kuroki, Hiroya Shimizu, Kanji Furutachi e Katsuya Koiso Mi chiedo se la...

A Beloved Wife recensione [FEFF 22]

A Beloved Wife recensione film di Shin Adachi con Gaku Hamada, Asami Mizukawa, Chise Niitsu, Kaho e Eri Fuse presentato al Far East Film...

Rassegna stampa 10 luglio

Rassegna stampa 10 luglio: Michelle Williams e Oscar Isaac protagonisti di Scenes From a Marriage, Zendaya e John David Washington sono Malcolm & Marie,...

Life Finds a Way recensione [FEFF 22]

Life Finds a Way recensione film di Hirobumi Watanabe con Hirobumi Watanabe, Takanori Kurosaki, Marika Matsumoto, Minori Hagiwara, Yako Koga, Sakiko Kato e Honoka Nel corso...