Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Tre manifesti a Ebbing, Missouri recensione

Recensione di Tre manifesti a Ebbing, Missouri di Martin McDonagh con Frances McDormand, Woody Harrelson, Sam Rockwell, John Hawkes e Peter Dinklage.

Una rapida successione di inquadrature mostrano tre recinti abbandonati in mezzo a un paesaggio nebbioso in una strada deserta del Midwest americano. Tre fantasmi che sembrano tornare dal passato, tre strutture scheletriche su cui persiste una pubblicità di prodotti dimenticati, prodotti che si appellavano al desiderio invocando una probabile felicità.

I nuovi manifesti invece hanno lo sfondo rosso e caratteri enormi, neri. Tre avvertimenti, tre minacce sui tre tabelloni pubblicitari. Il primo chiarisce cosa è successo: Stuprata mentre moriva; il secondo segna il contesto: E ancora nessun arresto?, il terzo punta al principale responsabile: Come mai, sceriffo Willoughby?.

Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Tre manifesti a Ebbing, Missouri di Martin McDonagh

Niente consola Mildred Hayes per la tragedia che ha portato via sua figlia e se c’è qualcosa che la fa infuriare è il fatto che la polizia si sia arresa. Ecco perché spende tutti i suoi risparmi per affiggere Tre manifesti a Ebbing nel Missouri, almeno così farà sapere a tutti quello che è successo e quello che non è successo. E se ne sono accorti tutti, dal festival di Venezia (miglior sceneggiatura) ai Golden Globe (film, sceneggiatura, attrice e attore) a giudicare dai premi e dalla reazione del pubblico e della critica.

La strada desolata dei cartelli ci accompagna verso svariati luoghi che diventano piccoli teatri di follia, di vendetta, ma anche di riconciliazione. Sinistri scenari di odio e di paura si intrecciano nel cuore dell’America più nascosta, da dove si sviluppa un intero arsenale di personaggi e di situazioni che ricordano i fratelli Coen e l’intera tradizione del cinema americano.

Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Woody Harrelson e Frances McDormand in Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Un lungometraggio compiuto, con una regia classica supportata nella sua interezza da un’ottima sceneggiatura e con personaggi che non hanno altri strumenti se non quelli di dialoghi taglienti e piccole dosi di cinismo. Martin McDonagh, regista e sceneggiatore, costruisce una storia perfetta.

La vicenda, come se fosse una grande tela, delinea lo sviluppo di ciascuno dei personaggi, della loro motivazione e della loro capacità di avere una propria storia all’interno del film. Il sentimento crescente, contenuto dall’odio e dalla rabbia irrazionale, sposta i personaggi verso la propria evoluzione. E se il messaggio è intenso, nulla sarebbe stato possibile senza un cast straordinario.

Frances McDormand, forse in uno dei suoi ruoli migliori, interpreta Mildred Hayes una donna che soffre per l’omicidio e lo stupro di sua figlia mentre la polizia locale si rivela assolutamente incompetente. Una donna che ha sperimentato la paura, che accumula un’eccessiva frustrazione nella sua vita e lo dimostra in ognuna delle sue parole cariche di veleno verso tutti. Tuttavia, ogni volta che McDormand sorride, ogni volta che diventa umana, ci emoziona. Il cast magistrale non finisce qui; Sam Rockwell, uno psicopatico irrecuperabile, è un personaggi più delineati e al tempo stesso carico di sfumature. E infine l’ottima interpretazione di Woody Harrelson, lo sceriffo malinconico.

Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Sam Rockwell in Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Lo spettatore simpatizza con Mildred la donna contro tutti che chiede giustizia, ma che ben presto si rende conto che la sua testardaggine è più l’incapacità di capire che il mondo fa il suo corso piuttosto che la legittima richiesta di verità e la smania di espiare il senso di colpa che la travolge. Mildred risponde sempre con astio mentre riceve lezioni di pietà dagli altri personaggi.

Il male di Dixon (Sam Rockwell) è l’odio, il male di Mildred la mancanza di fede e il disprezzo verso il mondo, ma il dolore e la rabbia non ci rendono migliori e questo sembra chiaro a tutti. Anche a Mildred.

Gabriela

Sintesi

Un lungometraggio compiuto, con una regia classica supportata nella sua interezza da un’ottima sceneggiatura e con personaggi che non hanno altri strumenti se non quelli di dialoghi taglienti e piccole dosi di cinismo. Martin McDonagh, regista e sceneggiatore, costruisce una storia perfetta.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman, Jean-Louis Trintignant, Catherine Spaak, Claudio Gora e Luciana Angiolillo Il cinema italiano del dopoguerra, si sa,...

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova, Filipp Yankovskiy, Ignat Daniltsev, Oleg Yankovskiy e Alla Demidova Lo specchio, il regalo di Tarkovskij all’umanità...

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...