The New Pope

The New Pope recensione episodi 2 e 7 [Venezia 76 Fuori Concorso]

The New Pope recensione degli episodi 2 e 7 della serie TV diretta da Paolo Sorrentino con Jude Law, John Malkovich, Silvio Orlando, Cécile de France, Javier Cámara, Ludivine Sagnier

Abbiamo già detto, da qualche parte, come la nuova serialità televisiva sia una delle forme espressive dell’audiovisivo più importanti, degli anni Dieci e dei prossimi anni Venti: bene ha fatto allora Barbera ad intercettare le nuov(issim)e tendenze e, contrariamente a Cannes, aprire le porte del Festival più bello del mondo alle serie TV, annoverandole implicitamente – e legittimamente – come Cinema.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Jude Law
Jude Law a Venezia per The New Pope

The Young Pope era stato l’esplosivo esordio di Paolo Sorrentino, uno dei migliori registi italiani di ultima generazione, salutato proprio in laguna un paio di anni fa, prima del trionfale approdo su Sky: era allora quasi inevitabile che The New Pope, la seconda stagione che prosegue a stretto giro cronologico le vicende della prima, fosse inaugurato sempre al Lido. Leggermente straniante (leggi, deludente) la scelta di mostrare gli episodi 2 e 7: che se dal punto di vista logico e strettamente artistico può essere una scelta comprensibile, non lo è da quello narrativo, che è poi quello che si dovrebbe privilegiare quando si tratta di racconto su trame orizzontali e verticali insieme.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Nonostante queste considerazioni a latere, The New Pope continua e arricchisce il sentiero che Sorrentino aveva tracciato con i suoi primi dieci episodi: un confine tra grande e piccolo schermo sempre più smarcato, e la chiusura di un cerchio per uno sguardo (quello di Paolo come regista) immenso e geniale ma che trova il suo compimento proprio nella narrazione a lungo termine.

The New Pope recensione
Silvio Orlando, Ramon Garcia e Antonio Petrocelli in The New Pope (Gianni Fiorito)

Il respiro più ampio dà infatti modo al regista di ammorbidire le sue ossessioni visive – che si muovono su coordinate sempre più felliniane, sempre più intransigenti, sempre più geometriche – all’interno di un film lungo dieci ore, che permette di allungare a dismisura i tempi ma anche di dare il giusto ritmo ad un racconto che vuole essere astratto e contemporaneo allo stesso tempo. Le vicende dei tre (…) Papi del serial Sky ricalcano in maniera fin troppo aderente la storia vaticana recente e non: ma Sorrentino punta al rialzo, e innesta altre trame e sottotrame colorando la storia di nuovi e appassionanti misteri.

The New Pope recensione
The New Pope (Gianni Fiorito)

Incorniciato dalla fotografia, come sempre splendida, di Luca Bigazzi, e preceduto da sigle che sembrano pigiare l’acceleratore su una leggera blasfemia e che probabilmente saranno una diversa dall’altra per ogni episodio, The New Pope cambia in parte la direzione testuale del primo capitolo: dove là si indagava la Chiesa nell’ottica di un’istituzione del potere, piena di personaggi accentratori di egemonia, catalogo di depravazioni morali (traccia distintiva all’interno della produzione sorrentiniana), questo nuovo sembra farsi più introspettivo, come se dopo aver aperto i cancelli dell’inferno morale si andasse adesso ad indagarne le cause, le ombre, gli anfratti, scoperchiando segreti e paure mai confessate.

Fellini, certo, ma anche Peter Greenaway e Ken Russell: il citazionismo del regista si fa sfrenato ma viene contenuto all’interno di uno studio accurato sulle arti figurative del cinema. Sacro e profano, volgarità ed eleganza, tutto inestricabilmente fuso in un fluido magmatico e ipnotico che vuole essere insinuante e appassionante, dissimulando le sue tracce mentre rompe ogni convenzione, morale e artistica.

Senza rinunciare, mai, ad un’indecifrabilità impenetrabile.

Gianlorenzo

Sintesi

Incorniciato dalla splendida fotografia di Luca Bigazzi, The New Pope cambia in parte la direzione testuale del primo capitolo: dove là si indagava la Chiesa nell’ottica di un’istituzione del potere, piena di personaggi accentratori di egemonia e catalogo di depravazioni morali, questo nuovo sembra farsi più introspettivo, come se dopo aver aperto i cancelli dell’inferno morale si andasse adesso ad indagarne le cause, le ombre, gli anfratti, scoperchiando segreti e paure mai confessate. Tra sacro e profano, volgarità ed eleganza, The New Pope rompe ogni convenzione, morale e artistica.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Mio zio recensione [Flashback Friday]

Mio zio recensione del film diretto e interpretato da Jacques Tati con Alain Bécourt, Jean-Pierre Zola e Adrienne Servantie Il cinema di Jacques Tati (Giorno di...

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto: i trailer di Sto pensando di finirla qui di Charlie Kaufman e di Judas and the Black Messiah...

Coffee and Cigarettes recensione (versione restaurata)

Coffee and Cigarettes recensione film di Jim Jarmusch in edizione restaurata con Roberto Benigni, Steven Wright, Joie Lee, Tom Waits, Cinqué Lee, Steve Buscemi,...

Buon compleanno M. Night Shyamalan: i suoi migliori film [Throwback Thursday]

M. Night Shyamalan compie 50 anni: ripercorriamo i migliori successi del regista dai finali a sorpresa Il 6 agosto del 1970 nasceva M. Night Shyamalan,...

Cine Rassegna Stampa del 6 agosto

Cine Rassegna Stampa del 6 agosto: Tom Hanks Geppetto per Pinocchio di Robert Zemeckis, Ryan Reynolds a caccia di mostri in Everyday Parenting Tips,...

Il dottor Stranamore recensione

Il dottor Stranamore - Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba recensione del film di Stanley Kubrick con Peter...

Burning – L’amore brucia recensione

Burning - L'amore brucia recensione film di Chang-dong Lee con Ah-In Yoo, Steven Yeun, Jong-seo Jun, Soo-Kyung Kim e Seong-kun Mun Nel panorama letterario contemporaneo...

Cine Rassegna Stampa del 5 agosto

Cine Rassegna Stampa del 5 agosto: Mulan esce direttamente in streaming su Disney+, il trailer di Ratched, la serie Netflix di Ryan Murphy spin-off...

Cine Rassegna Stampa del 4 agosto

Cine Rassegna Stampa del 4 agosto: La donna alla finestra di Joe Wright con Amy Adams passa a Netflix, le prime immagini di The...

Gretel e Hansel recensione [Anteprima]

Gretel e Hansel recensione film di Oz Perkins con Sophia Lillis, Alice Krige, Samuel Leakey, Jessica De Gouw, Fiona O'Shaughnessy e Charles Babalola Trasformare la...