Sorry We Missed You

Sorry We Missed You recensione

Sorry We Missed You recensione del film di Ken Loach con Kris Hitchen, Debbie Honeywood, Rhys Stone e Katie Proctor scritto da Paul Laverty

Fresco della sua seconda Palma d’Oro a Cannes 2016 per Io, Daniel Blake, il grande regista inglese Ken Loach, classe 1936, torna a raccontare una storia di sfruttamento ed emarginazione con Sorry We Missed You, presentato lo scorso maggio a Cannes.

Sorry We Missed You ruota intorno una famiglia di Newcastle messa in ginocchio dalla crisi del 2008; ancora dieci anni dopo, il padre famiglia Ricky ancora si muove fra un lavoretto e un altro, mentre la madre Abbie lavora sottopagata come badante a domicilio: il figlio sedicenne Seb marina la scuola e si dà ad atti di vandalismo in giro per la città, mentre la preadolescente Liza Jane pur soffrendo per la situazione si sforza di fare da paciere. Quando il padre inizia a lavorare come corriere per una ditta in franchise, quella che sembrava essere un’opportunità di arricchimento per tutta la famiglia si rivelerà l’inizio di una spirale di eventi destinata a strozzare il piccolo nucleo famigliare.

Sorry We Missed You recensione
Kris Hitchen, Debbie Honeywood, Rhys Stone e Katie Proctor

Sorry We Missed You di Ken Loach
Sorry We Missed You di Ken Loach

Priva di sostegno sindacale o di una chiara situazione dei contratti, la situazione della famiglia di Ricky non è per nulla diversa da quella di migliaia di altre famiglie sparse in tutta Europa, quasi schiavizzate dai colossi del commercio elettronico per fare arrivare a casa pacchetti di ogni genere e dimensione.

Sorry We Missed You è il tipico film di Ken Loach: profondamente politico, attentissimo e lucidissimo nel mostrare i meccanismi economici e sociali che portano allo sfruttamento dei lavoratori, trova molta della sua forza dalla scelta del cast, interamente composto da non professionisti che hanno realmente vissuto situazioni analoghe a quelle dei loro personaggi. Girato in digitale senza che gli attori conoscessero dall’inizio la concatenazione degli eventi, Sorry We Missed You è caratterizzato da uno stile di regia che, per stare vicino ai personaggi, alle situazioni e alla realtà sociale in cui essi si muovono, deve purtroppo rinunciare a marcare fino in fondo l’aspetto etimologicamente “tragico” che forse inquadrature più geometriche e meccaniche avrebbero ulteriormente evidenziato.

Kris Hitchen e Katie Proctor
Kris Hitchen e Katie Proctor

Sorry We Missed You di Ken Loach
Sorry We Missed You di Ken Loach

La sceneggiatura si muove per paratassi, mai per ipotassi: vale a dire che segue una molteplicità di storie senza mai dare, a livello di struttura, maggiore importanza all’una o all’altra; laddove questa scelta inizialmente può non permettere una perfetta empatia con i personaggi, nel finale fa emergere da più parti il drammatico meccanismo che, a tratti imprevedibile, a tratti lampante nelle sue implicazioni fin dall’inizio, imprigiona la famiglia nel bisogno continuo e implacabile di lavorare, sempre di più, sempre più in fretta.

Forse uno stile di regia più fosco avrebbe fatto emergere i protagonisti: ma non sarebbe stato autentico, cristallino e “sociologico” quanto un film di Ken Loach.

Ludovico

Sintesi

Sorry We Missed You è il tipico film di Ken Loach: profondamente politico, attentissimo e lucidissimo nel mostrare i meccanismi economici e sociali che portano allo sfruttamento dei lavoratori, attraverso lo stile autentico, cristallino e sociologico che contraddistingue il regista britannico.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi [TFF 38]

Regina recensione film di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi, Barbara Giordano e Max Mazzotta al Torino Film Festival 38 Unico alfiere a rappresentare l’Italia...

Strange Days recensione film di Kathryn Bigelow [Flashback Friday]

Strange Days recensione del film di Kathryn Bigelow con Ralph Fiennes, Angela Bassett, Juliette Lewis, Vincent D'Onofrio, William Fichtner e Tom Sizemore Dopo Point Break -...

Cinema News del 27 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a Daria Nicolodi I progetti di Alex Garland Álex de la Iglesia e la Veneciafrenia La Radioscopie di Claire Denis Les promesses...

Pixar: i migliori film da vedere assolutamente [Throwback Thursday]

Le opere Pixar fanno parte della nostra infanzia ed adolescenza, grazie ai molti lungometraggi che ci hanno scaldato il cuore. Vediamo i cinque migliori...

Black Friday Amazon 2020: LEGO offerte Avengers, Jurassic World, Star Wars, Disney e Batman

Black Friday Amazon 2020: in offerta i set LEGO di Avengers, Jurassic World, Star Wars, Disney, Batman, The Mandalorian, Harry Potter e Fast &...

Cinema News del 26 novembre [Rassegna Stampa]

Mads Grindelwald Clifford il grande cane rosso The Mauritanian Amore e malattia in Life in a Year Amore e malattia in Little Fish ...

Botox recensione film di Kaveh Mazaheri con Sussan Parvar [TFF 38]

Botox recensione film di Kaveh Mazaheri con Sussan Parvar, Mahdokht Molaei, Soroush Saeidi, Mohsen Kiani e Morteza Khanjani al Torino Film Festival 38 Il cinema iraniano...

Breeder recensione film di Jens Dahl con Sara Hjort Ditlevsen [TFF 38]

Breeder recensione film di Jens Dahl con Sara Hjort Ditlevsen, Anders Heinrichsen, Morten Holst, Signe Egholm Olsen e Eeva Putro al Torino Film Festival 38 L'immortalità...

Black Friday Amazon 2020: Disney Marvel offerte film Blu-ray steelbook e cofanetti

Black Friday Amazon 2020: le offerte Disney e Marvel in Blu-ray steelbook e cofanetti, da Avengers: Endgame a Frozen 2, Toy Story 4 e...