Sophia Antipolis

Sophia Antipolis – la recensione [International Film Festival Rotterdam]

Sophia Antipolis è un film di Virgil Vernier, parte della selezione di film proiettati all’International Film Festival Rotterdam che Festival Scope mette a disposizione per la visione online fino al 24 febbraio.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Sophia Antipolis è un ‘parco tecnologico’, la cosiddetta ‘Silicon Valley europea’ costruita negli anni ’70 nell’entroterra di Antibes, sulla riviera della Costa Azzurra. Un agglomerato che comprende uffici ma anche zone residenziali e servizi, per un totale di circa novemila abitanti. In questa cittadina artificiale, più una serie di strade che un vero centro abitato, vivono lavoratori e ricercatori altamente specializzati, ma anche persone di diversa estrazione sociale. Sophia Antipolis esplora le vite di queste ultime: ragazze che ripongono le loro speranze in un’operazione di mastoplastica, stranieri arrivati in Francia da strade diverse, agenti di sicurezza con tendenze autoritarie. Persone sole, eppure collegate a loro insaputa.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Vernier, regista parigino, ha iniziato come documentarista per poi passare, nel 2014 con Mercuriales, a film a metà tra fatto e finzione, nei quali il limite tra documentario e narrativa si confonde, grazie anche alla collaborazione con attori non professionisti. Sulla stessa linea, Sophia Antipolis è un film straniante, nel quale i personaggi sembrano protagonisti e comparse allo stesso tempo: ripresi in silenzio in attività quotidiane, finché non raccontano le loro storie in monologhi che danno un contesto alle scene appena viste, per poi sparire e lasciare spazio ad un nuovo protagonista, e non ricomparire mai più.

Il film racconta così la società che gravita attorno al parco tecnologico e alle spalle del le luci della Costa Azzurra, e che potrebbe essere quella alla periferia di qualunque città: vite moderne, ognuna con una quotidianità deludente, ognuna alla ricerca di un modo di sfuggirne, che sia sfogando le proprie frustrazioni, oppure cercando qualcosa di sovrannaturale, o sperando in un cataclisma che metta fine a tutto.

Ma Sophia Antipolis, con il suo stile distaccato e spezzettato, non coinvolge lo spettatore: c’è un tenue filo conduttore in tutte queste storie, ma viene svelato solo alla fine, come un mistero al quale viene fornita una risposta prima ancora di sapere che c’era una domanda, e quando ormai non c’è più spazio per una partecipazione emotiva. A momenti (da lontano) si riecheggiano alcune le atmosfere di David Lynch e Mulholland Drive, ma, senza un nucleo narrativo, e privo di immagini che restino impresse, Sophia Antipolis resta, come la località eponima, un luogo senz’anima e artificiale.

Sintesi

Un film che esplora le vite dei suoi protagonisti come fosse di passaggio, freddo e distaccato come il luogo da cui prende il nome

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

C’era una volta il West recensione

C'era una volta il West recensione del primo capitolo della Trilogia del Tempo di Sergio Leone con Henry Fonda, Charles Bronson, Claudia Cardinale e Jason...

Cine Rassegna Stampa del 14 agosto

Cine Rassegna Stampa del 14 agosto: il trailer de Le strade del male con Tom Holland, Robert Pattinson, Jason Clarke, Riley Keough e Mia...

Bob & Carol & Ted & Alice recensione [Flashback Friday]

Bob & Carol & Ted & Alice recensione del film di Paul Mazursky con Natalie Wood, Elliott Gould, Dyan Cannon e Robert Culp Nel pieno...

Le migliori coppie artistiche del cinema [Throwback Thursday]

Ci sono coppie di attori che sembrano fatte per recitare insieme e che rendono un film ancora più intenso. Scopriamo le migliori coppie artistiche...

Cine Rassegna Stampa del 13 agosto

Cine Rassegna Stampa del 13 agosto: Elisabeth Moss nel thriller psicologico Mrs. March per Blumhouse, Jonathan Pryce sarà il principe Filippo in The Crown,...

Kidding 2 recensione serie TV [Sky Anteprima]

Kidding 2 - Il fantastico mondo di Mr. Pickles recensione della seconda stagione della serie ideata da Dave Holstein con Jim Carrey, Frank Langella,...

Siberia recensione film di Abel Ferrara [Anteprima]

Siberia recensione film di Abel Ferrara con Willem Dafoe, Dounia Sichov, Simon McBurney, Cristina Chiriac e Valentina Rozumenko Voglio vedere se possiamo raffigurare cinematograficamente...

Il re di Staten Island recensione

Il re di Staten Island recensione film di Judd Apatow con Pete Davidson, Marisa Tomei, Steve Buscemi, Bill Burr, Bel Powley, Maude Apatow e...

Cine Rassegna Stampa del 12 agosto

Cine Rassegna Stampa del 12 agosto: il prequel drammatico di Willy il Principe di Bel-Air, la trilogia Fear Street sbarca su Netflix, il trailer...

Lovecraft Country recensione serie TV Episodi 1-5 [Anteprima]

Lovecraft Country recensione della serie TV di Misha Green con Jurnee Smollett, Jonathan Majors, Courtney B. Vance, Aunjanue Ellis, Abbey Lee, Jada Harris, Wunmi Mosaku,...