Sophia Antipolis

Sophia Antipolis – la recensione [International Film Festival Rotterdam]

Sophia Antipolis è un film di Virgil Vernier, parte della selezione di film proiettati all’International Film Festival Rotterdam che Festival Scope mette a disposizione per la visione online fino al 24 febbraio.

Sophia Antipolis è un ‘parco tecnologico’, la cosiddetta ‘Silicon Valley europea’ costruita negli anni ’70 nell’entroterra di Antibes, sulla riviera della Costa Azzurra. Un agglomerato che comprende uffici ma anche zone residenziali e servizi, per un totale di circa novemila abitanti. In questa cittadina artificiale, più una serie di strade che un vero centro abitato, vivono lavoratori e ricercatori altamente specializzati, ma anche persone di diversa estrazione sociale. Sophia Antipolis esplora le vite di queste ultime: ragazze che ripongono le loro speranze in un’operazione di mastoplastica, stranieri arrivati in Francia da strade diverse, agenti di sicurezza con tendenze autoritarie. Persone sole, eppure collegate a loro insaputa.

Vernier, regista parigino, ha iniziato come documentarista per poi passare, nel 2014 con Mercuriales, a film a metà tra fatto e finzione, nei quali il limite tra documentario e narrativa si confonde, grazie anche alla collaborazione con attori non professionisti. Sulla stessa linea, Sophia Antipolis è un film straniante, nel quale i personaggi sembrano protagonisti e comparse allo stesso tempo: ripresi in silenzio in attività quotidiane, finché non raccontano le loro storie in monologhi che danno un contesto alle scene appena viste, per poi sparire e lasciare spazio ad un nuovo protagonista, e non ricomparire mai più.

Il film racconta così la società che gravita attorno al parco tecnologico e alle spalle del le luci della Costa Azzurra, e che potrebbe essere quella alla periferia di qualunque città: vite moderne, ognuna con una quotidianità deludente, ognuna alla ricerca di un modo di sfuggirne, che sia sfogando le proprie frustrazioni, oppure cercando qualcosa di sovrannaturale, o sperando in un cataclisma che metta fine a tutto.

Ma Sophia Antipolis, con il suo stile distaccato e spezzettato, non coinvolge lo spettatore: c’è un tenue filo conduttore in tutte queste storie, ma viene svelato solo alla fine, come un mistero al quale viene fornita una risposta prima ancora di sapere che c’era una domanda, e quando ormai non c’è più spazio per una partecipazione emotiva. A momenti (da lontano) si riecheggiano alcune le atmosfere di David Lynch e Mulholland Drive, ma, senza un nucleo narrativo, e privo di immagini che restino impresse, Sophia Antipolis resta, come la località eponima, un luogo senz’anima e artificiale.

Sintesi

Un film che esplora le vite dei suoi protagonisti come fosse di passaggio, freddo e distaccato come il luogo da cui prende il nome

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

I migliori film ambientati a New York da vedere [Throwback Thursday]

Sono stati tanti i registi che hanno scelto New York come sfondo delle loro storie. Riscopriamo insieme 5 film ambientati nella Grande Mela da vedere...

Cinema News: Spider-Man No Way Home, Loki, Ryan Gosling e il trailer di The Mauritanian con Jodie Foster

Cinema News by Day su MadMass.it Spider-Man 3: rivelato il titolo del nuovo capitolo della saga con Tom Holland Tom Holland dichiara che con questo...

Buon compleanno Pinocchio: l’81esimo anniversario del capolavoro Disney

Buon compleanno Pinocchio: l'81esimo anniversario del capolavoro dell'animazione di Walt Disney tratto dal romanzo di Carlo Collodi Buon compleanno Pinocchio non è il solito articolo...

Tutta colpa di Freud recensione del film di Paolo Genovese con Marco Giallini [Netflix]

Tutta colpa di Freud recensione film di Paolo Genovese con Marco Giallini, Alessandro Gassmann, Claudia Gerini, Anna Foglietta e Vittoria Puccini Inizia così Tutta colpa...

Cinema News: il cast di The Outfit, i trailer di Natural Light e di A Week Away e Il grande Gatsby serie animata

Cinema News by Day su MadMass.it The Outfit: il cast del film di Graham Moore Natural Light: il trailer del film di Dénes Nagy...

Hanno crocifisso Jared Leto: nuove foto di Gal Gadot & Co. da Zack Snyder’s Justice League e il cameo segreto di un supereroe

Zack Snyder ci mostra alcuni nuovi scatti del dietro le quinte dei reshoot di Justice League, con Gal Gadot, Amber Heard, Ben Affleck e...

Alien recensione film di Ridley Scott con Sigourney Weaver [Disney+ Star]

Alien recensione del film di Ridley Scott, con Sigourney Weaver, Tom Skerritt, John Hurt, Ian Holm, Harry Dean Stanton, Yaphet Kotto e Veronica Cartwright "In...

Cinema News: Ethan Hawke spiega perché ha scelto Moon Knight e Gillian Anderson entra nel cast di First Lady

Cinema News by Day su MadMass.it Ethan Hawke spiega perché ha accettato di girare Moon Knight, la nuova serie Marvel Anche Gillian Anderson si...

Città invisibile recensione serie TV di Carlos Saldanha con Alessandra Negrini e Marco Pigossi [Netflix]

Città invisibile recensione serie TV di Carlos Saldanha con Alessandra Negrini, Marco Pigossi, Jéssica Córes, Julia Konrad, Wesley Guimarães e Fábio Lago Disponibile su Netflix, Città...

Your Honor recensione serie TV di Peter Moffat con Bryan Cranston [Sky Anteprima]

Your Honor recensione serie TV di Peter Moffat con Bryan Cranston, Michael Stuhlbarg, Hope Davis, Hunter Doohan, Carmen Ejogo, Isiah Whitlock Jr., Sofia Black-D'Elia e...