Soldado

Soldado recensione

Soldado: recensione del sequel di Sicario diretto da Stefano Sollima con Benicio Del Toro e Josh Brolin.

Prendere il timone di una nave precedentemente capitanata da Denis Villeneuve è un compito arduo, cionondimeno si può affermare che il nocchiero Stefano Sollima sia riuscito nell’impresa.

Il pregio più grande del regista di Soldado è la sincerità verso il pubblico e il desiderio di non deludere i fan di Sicario che, anche se con inevitabili differenze nello stile, hanno fatto modo di mantenere un legame con la storia precedente.

Questo “secondo capitolo” ha lo stesso sceneggiatore (Taylor Sheridan) ma è proprio nella sceneggiatura che troviamo le maggiori differenze e, onestamente, è qualcosa per cui essere grati. Abbiamo sempre assistito a numerosi sequel che tendono a ripetere gli schemi dei predecessori, Soldado è intelligente, ci inserisce in un terreno familiare – quello del confine tra il Messico e gli Stati Uniti, della guerra senza fine e della lotta contro i cartelli della droga – per infilarci poi in una storia diversa.

Soldado
Josh Brolin, Jeffrey Donovan e Benicio Del Toro in Soldado

Soldado
Isabela Moner e Benicio Del Toro

Anche se la questione del traffico di droga è ancora presente, qui si concentra, con grande attualità, sugli immigrati che, privi di documenti, vogliono entrare negli Stati Uniti per inseguire un sogno per poi ritrovarsi in un incubo. Anche qui il tema della “frontiera”, vista da un’altra angolazione.

Sollima propone un film diretto in cui l’economia narrativa ha la precedenza su tutto, che offre un’evoluzione più semplice e che, seppure riposiziona i personaggi nell’universo costruito da Villeneuve, opta per un approccio un po’ più torbido.

Anche questa volta i protagonisti devono decidere il proprio confine tra l’essere uomini o macchine da guerra, ma tra sparatorie e torture lo sceneggiatore riesce a trasmettere un pizzico di umanità ed è qui che la storia trova uno dei suoi grandi punti di forza ed è ciò che conquista davvero: la grande interpretazione del suo cast, un team guidato da Benicio Del Toro e Josh Brolin in stato di grazia.

Soldado
Josh Brolin, Jeffrey Donovan e Benicio Del Toro sul set del sequel di Sicario

Il lavoro fotografico e l’aspetto visivo in Soldado rappresentano un aspetto essenziale e fondamentale all’interno della storia e le perfette atmosfere riflettono la tensione di ciascun personaggio, con scene di alta qualità con primi piani e sequenze che non hanno bisogno di parole.

Sicario ritorna con Soldado e non delude. Dopo un film di grande livello questo secondo non è da meno, Sollima è riuscito a reinventarsi e a raccontarci una nuova storia senza perder di vista il lavoro precedente.
In conclusione, è uno dei migliori sequel degli ultimi anni che lancia un “j’accuse” e che nell’epilogo si lascia “sfuggire” un ritorno, un probabile terzo capitolo.

Gabriela

Sintesi

Il pregio più grande del regista di Soldado è la sincerità verso il pubblico e il desiderio di non deludere i fan di Sicario. Stefano Sollima riesce nell’impresa e tra sparatorie e torture trasmette un pizzico di umanità. Benicio Del Toro e Josh Brolin in stato di grazia.
Articolo precedenteMacchine Mortali trailer italiano
Articolo successivoRambo 5: il nuovo look

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

i-Documentary of the Journalist recensione [FEFF 22]

i-Documentary of the Journalist recensione documentario di Tatsuya Mori presentato al Far East Film Festival 2020 "Isoko Mochizuki sono io. Isoko Mochizuki è tutti noi. Un po'...

Cry recensione [FEFF 22]

Cry recensione film di Hirobumi Watanabe con Hirobumi Watanabe, Misao Hirayama e Riko Hisatsugu presentato in anteprima internazionale al Far East Film Festival 2020 Quanti...

Rassegna stampa 3 luglio

Rassegna stampa 3 luglio: il nuovo trailer di The Old Guard con Charlize Theron, Jonathan Nolan e Lisa Joy trasformano Fallout in una serie...

I 5 migliori biopic su personaggi controversi [Throwback Thursday]

Il biopic è un genere molto sfruttato nel cinema, ma cosa succede quando il protagonista è controverso? Vediamo i 5 migliori biopic su personaggi controversi Nel cinema...

Rassegna stampa 2 luglio

Rassegna stampa 2 luglio: Jason Momoa sarà il pupazzo di neve Frosty, Shia LaBeouf esattore in The Tax Collector di David Ayer Ci sono giorni...

Colorless recensione [FEFF 22]

Colorless recensione film di Takashi Koyama con Daichi Kaneko, Ruka Ishikawa, Kenta Maeno, Shuntaro Yanagi e Sakurako Konishi Nella maggior parte dei drammi romantici giapponesi, i...

The Man Standing Next recensione [FEFF 22]

The Man Standing Next recensione film di Min-ho Woo con Byung-hun Lee, Sung-min Lee, Do-won Kwak, Hee-joon Lee, So-jin Kim e Hyun-woo Seo Se uno...

Impetigore recensione [FEFF 22]

Impetigore recensione film di Joko Anwar con Tara Basro, Ario Bayu, Marissa Anita, Christine Hakim, Asmara Abigail e Faradina Mufti Una nuova anteprima italiana presentata...

Rassegna stampa 1 luglio

Rassegna stampa 1 luglio: addio a Carl Reiner, Pedro Almodóvar e Penelope Cruz per Madres Paralelas, Beautiful Ruins di Niki Caro, Liam Neeson è Made...

I WeirDO recensione [FEFF 22]

I WeirDO recensione film di Liao Ming-yi con Nikki Hsin-Ying Hsieh e Austin Lin in anteprima mondiale al Far East Film Festival 2020 Dio ci...