Regina

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi [TFF 38]

Regina recensione film di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi, Barbara Giordano e Max Mazzotta al Torino Film Festival 38

Unico alfiere a rappresentare l’Italia all’interno del concorso della 38esima edizione del Torino Film Festival, Regina segna l’esordio nel lungometraggio di Alessandro Grande, che già si è fatto un nome vincendo il David di Donatello per il corto Bismillah. Per l’occasione, il regista originario di Catanzaro sceglie di ambientare il suo primo film proprio all’interno di una Calabria inedita, nella quale prevalgono atmosfere lacustri che si sposano perfettamente con lo stile del racconto. Il genere di elezione sembra infatti essere il noir, che si inserisce in una costruzione più articolata volta all’analisi delle dinamiche sociali e delle difficoltà nell’essere genitori e figli oggi.

C’è un prima e un dopo in Regina, un momento chiave che cambia di segno la narrazione e fa virare quello che parte come il classico film adolescenziale in qualcosa di più strutturato e atipico. Il rapporto tra la protagonista, 15enne orfana di madre che vorrebbe sfondare come cantante, e il padre, un uomo immaturo che riversa i suoi sogni in quelli della figlia, subisce un contraccolpo e tutte le certezze iniziali cominciano a vacillare. Alessandro Grande insiste sul tarlo del rimorso, sull’impossibilità di andare avanti, sulla difficoltà nel tracciare una linea. La macchina da presa indugia soprattutto su Regina, si insinua nella sua fragilità e cerca di arrivare al fondo della sua anima.

Ginevra Francesconi
Ginevra Francesconi

Francesco Montanari e Ginevra Francesconi
Francesco Montanari e Ginevra Francesconi

Quella del regista calabrese non è un’impresa facile, perché il racconto dei demoni interiori di un’adolescente si presta, il più delle volte, a una rappresentazione stereotipata basata sull’autodistruzione e sulla progressiva discesa negli Inferi. Sebbene con una regia acerba, Grande prova a smarcarsi da quei cliché, a prendere una via diversa e ad entrare in profondità nella psicologia di una ragazza che non riesce a perdonare se stessa. I limiti del film sono più legati all’approfondimento delle figure secondarie, che si stagliano monodimensionalmente ai margini della narrazione (le amiche, il fidanzato, in certi punti persino il padre). Anche il rapporto genitore-figlio viene analizzato con uno sguardo atipico, comprensivo ma allo stesso tempo severo. Pare che si siano invertiti i ruoli: la ragazza ha una maturità che la porta a vivere con sofferenza quello che è successo, mentre il padre reagisce con la fuga dalla realtà e un atteggiamento totalmente irresponsabile. Nonostante le semplificazioni a livello di scrittura, il film riesce a comunicare l’inadeguatezza in cui si trovano i due personaggi, appoggiandosi sulle prove convincenti della giovane Ginevra Francesconi (già vista in The Nest – Il nido) e di Francesco Montanari (Romanzo Criminale – La serie, Sole cuore amore).

Regina mostra tutti i difetti delle opere prime ma ha anche il pregio di non adeguarsi a una produzione con lo stampino, andando a cercarsi territori propri e inesplorati. Quello che non funziona a livello di intreccio, Alessandro Grande riesce a mascherarlo grazie all’attenzione al personaggio principale e alla scelta di non adagiarsi sugli stereotipi di molto cinema adolescenziale. Un film che non stona affatto all’interno del concorso e che rappresenta un buon punto di partenza per un regista che deve ancora affinarsi sulla lunga durata.

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi
Regina di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi e Barbara Giordano al Torino Film Festival 38

Sintesi

Noir che si inserisce in una costruzione più articolata volta all’analisi delle dinamiche sociali e delle difficoltà nell’essere genitori e figli oggi, l'opera prima di Alessandro Grande ha il pregio di cercarsi territori propri e inesplorati e di non adagiarsi sugli stereotipi di molto cinema adolescenziale.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

L’inferno di cristallo recensione film con Paul Newman e Steve McQueen

L'inferno di cristallo recensione del film diretto da John Guillermin e Irwin Allen con Paul Newman, Steve McQueen, Faye Dunaway, William Holden, Fred Astaire...

Cinema News del 21 gennaio [Rassegna Stampa]

Lei mi parla ancora Il primo giorno della mia vita meravigliosa Heartstopper Brevissime Cinema News 21 gennaio Lei mi parla ancora Arriva su Sky Cinema l’8...

Cinema News del 20 gennaio [Rassegna Stampa]

Wonka Quello che non ti uccide/Boss Level Fate: The Winx Saga Libra Nikolaj Coster-Waldau vs Il Ghiaccio The Walled City La miniserie su...

Cinema News del 19 gennaio [Rassegna Stampa]

La prima immagine di Luca James Gunn inizia le riprese di Peacemaker Matt Damon apparentemente in Thor: Love and Thunder Brevissime Il Martin Luther...

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain e John Malkovich [Netflix]

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain, John Malkovich, Colin Farrell, Common, Geena Davis, Jess Weixler, Diana Silvers e Joan Chen Non chiamare...

I cancelli del cielo recensione film di Michael Cimino con Kris Kristofferson e Isabelle Huppert

I cancelli del cielo recensione del film di Michael Cimino con Kris Kristofferson, Isabelle Huppert, Christopher Walken, Jeff Bridges, John Hurt e Sam Waterston Dalle stelle...

Intervista ad Alessandro Grande regista del film Regina

Intervista ad Alessandro Grande, regista di Regina, film in concorso al 38° Torino Film Festival Lo abbiamo visto e recensito in occasione della 38esima edizione...

Cinema News del 18 gennaio [Rassegna Stampa]

Jane in Love Il secondo film di Michele Vannucci La storia di Laila Bertheussen Flack Il trailer di Fear of Rain Brevissime Cinema News...

WandaVision recensione serie TV con Elizabeth Olsen e Paul Bettany [Disney+]

WandaVision recensione serie TV Disney+ diretta da Jac Shaeffer con Elizabeth Olsen, Paul Bettany, Kathryn Hahn, Teyonah Parris, Kat Dennings, Randall Park, Debra Jo Rupp...

Cinema News del 17 gennaio [Rassegna Stampa]

Heart of Stone con Gal Gadot su Netflix The Tragedy of Macbeth di Joel Coen con Denzel Washington e Frances McDormand Mortal Kombat:...