The Nest (Il nido)

The Nest (Il nido) recensione

The Nest (Il nido) recensione del film di Roberto De Feo con Justin Korovkin, Francesca Cavallin, Ginevra Francesconi e Maurizio Lombardi

Qui non mi manca niente, è il posto migliore del mondo! (Samuel, Justin Korovkin)

Siamo a Villa dei Laghi, nella folta tenuta vive Samuel (Justin Korovkin), un adolescente paraplegico, con la madre Elena (Francesca Cavallin). Madre e figlio vivono un legame “indissolubile”. Ma l’arrivo di Denise (Ginevra Francesconi) sarà l’inizio di un nuovo rapporto tra madre e figlio.

Ginevra Francesconi e Francesca Cavallin
Ginevra Francesconi e Francesca Cavallin in The Nest

Elena: Credi che la felicità non costi niente? Qual è il tuo compito?
Samuel: Seguire il programma!
Elena: Qual è lo scopo del programma?
Samuel: Governare la tenuta!
Elena: Che cosa stiamo creando nella tenuta?
Samuel: Una nuova società!

Ci si chiede se la relazione tra madre e figlio, determinante nella vita, sia un legame sano o tossico. Elena dice: “Lui vuole essere felice ed è questo quello che conta!”. Ma è davvero la felicità che una mamma vuole per il suo Samuel o la felicità per se stessa? L’imprinting che nasce tra un figlio e una madre è certamente istintivo e naturale tanto tra gli animali quanto tra gli esseri umani.

Ed il prendersi cura è il creare il “nido” nel quale permettere al bambino di “conoscere”, scoprire profondamente anche le proprie personali caratteristiche nel corso del tempo, al fine di poter volare via libero e indipendente.

The Nest (Il nido)
The Nest (Il nido)
The Nest (Il nido)
The Nest (Il nido)

Ma Elena crea un nido puro e tossico, in cui solo un pizzico di follia rappresentata da Denise, interpretata da Ginevra Francesconi, riuscirà a tagliare il cordone ombelicale di un perverso ed egoistico programma di vita horror di cui non si conosce il finale.

The Nest (Il nido) è una visione coinvolgente e meditativa: citando le parole di Jeanette Winterson, il rapporto tra Elena e Samuel può essere ricondotto alla prima storia d’amore, che diviene rabbia se nasce l’odio, ma che si trasforma in mancanza con la perdita.

Angela

Sintesi

The Nest (Il nido) è una visione coinvolgente e meditativa sul rapporto tra madre e figlio, sulla creazione di un nido puro e tossico in cui solo un pizzico di follia riuscirà a tagliare il cordone ombelicale di un perverso ed egoistico programma di vita horror di cui non si conosce il finale.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

The Nest (Il nido) recensioneThe Nest (Il nido) è una visione coinvolgente e meditativa sul rapporto tra madre e figlio, sulla creazione di un nido puro e tossico in cui solo un pizzico di follia riuscirà a tagliare il cordone ombelicale di un perverso ed egoistico programma di vita horror di cui non si conosce il finale.