E noi come stronzi rimanemmo a guardare

E noi come stronzi rimanemmo a guardare recensione film di Pierfrancesco Diliberto con Fabio De Luigi [Sky Anteprima]

La nuova pellicola di Pif ci trasporta in un futuro ormai prossimo, in cui le app e gli algoritmi controllano la vita di tutti, persino tra le strade di Roma. La recensione di E noi come stronzi rimanemmo a guardare

E noi come stronzi rimanemmo a guardare recensione film Sky di Pierfrancesco Diliberto con Fabio De Luigi, Ilenia Pastorelli, Pif e Eamon Farren

Siamo diventati una società veramente strana, legata a doppio filo con un progresso tecnologico che soprattutto negli ultimi anni ha fatto passi da gigante in un arco di tempo breve. Quella che abbiamo di fronte è un’era dell’informazione impensabile prima dell’avvento del nuovo millennio, fantasie legate ai racconti di fantascienza o a film sci-fi con ambientazioni futuristiche e quant’altro.

MadMass.it consiglia by Amazon

Ci siamo arrivati anche noi e continuiamo a percorrere questa strada verso una maggiore automatizzazione della nostra esistenza, grazie a nuovi strumenti come gli smartphone, ormai diventati parte integrante della nostra quotidianità. Grazie alle nuove multinazionali del digitale e dell’informazione andiamo sempre più incontro ad una società che si muove attraverso i tasti di uno schermo luminoso sempre a portata di mano. Davvero, però, tutto questo progresso ci ha resi una società migliore?

Pif e Fabio De Luigi
Pif e Fabio De Luigi (Credits: Sky/Wildside/Vision Distribution)

lenia Pastorelli e Fabio De Luigi
lenia Pastorelli e Fabio De Luigi (Credits: Sky/Wildside/Vision Distribution)

La terza fatica del regista palermitano Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, si discosta dalle produzioni precedenti in primo luogo per l’ambientazione. E noi come stronzi rimanemmo a guardare è ambientato in un ipotetico futuro, in cui oramai la vita delle persone è controllata da algoritmi e app estremamente machiavelliche e rigide. Lo sa bene il protagonista Arturo Giammarresi (Fabio De Luigi), che dalla sua azienda viene licenziato proprio per aver creato uno di questi fantomatici codici che migliorano la vita delle persone. Disoccupato e lasciato dalla fidanzata, trova lavoro come rider per Fuuber, nuova app che con i suoi dubbi slogan sta spopolando a livello mondiale e propone servizi di qualsiasi genere. Tra questi un sistema avanzato di ologrammi a cui il povero Arturo, squattrinato e solitario, si affida per lenire il suo stato esistenziale: Stella (Ilenia Pastorelli), rappresentazione della sua donna ideale e sempre a portata di mano.

Pif ha deciso di non guardarsi indietro questa volta, rinunciando alle ambientazioni siciliane e più familiari al regista per guardare avanti verso un domani non troppo distante, in una Roma trasposta sul grande schermo come un luogo multiculturale e apparentemente avanti nel tempo e nella tecnologia. Ciononostante il regista di Palermo non abbandona il suo stile mordente e sagace: se con La mafia uccide solo d’estate e In guerra per amore la Storia, intesa come racconto di un paese che cambia, diventa un mezzo per metterci in guardia su come viva l’Italia adesso, con E noi come stronzi rimanemmo a guardare si guarda ad una Storia che ancora non esiste, ma che in parte possiamo constatare noi adesso perché in questo strano e claustrofobico futuro ci siamo immersi e iniziamo a viverlo.

Ilenia Pastorelli
Ilenia Pastorelli (Credits: Sky/Wildside/Vision Distribution)

Valeria Solarino e Fabio De Luigi
Valeria Solarino e Fabio De Luigi (Credits: Sky/Wildside/Vision Distribution)

Rispetto ai film precedenti, però, la componente comica è accentuata, lasciando maggiore spazio a siparietti divertenti e a battute ben congeniate, contestualizzate in maniera simpatica ed efficace. In alcuni momenti, però, si respira un certo eccesso nella sdrammatizzazione, alleggerendo un tema di fondo che non avrebbe bisogno di freni nell’essere trattato. Forse proprio perché per la prima volta Pif si muove verso un terreno inesplorato, lontano dalle tragiche e tristemente note azioni di Cosa Nostra o le strane e discutibili manovre attuate dagli americani in Sicilia nel Secondo Dopoguerra.

E noi come stronzi rimanemmo a guardare si pone con grande ironia una domanda lecita sui limiti che dovrebbe avere il nostro consenso ad un progresso tecnologico così sfrenato, una commedia irriverente quella di Pif che perde un po’ del suo fascino proprio nella parte drammatica, che invece contraddistingueva la sua produzione precedente. Un film comunque estremamente godibile, una divertente critica ad una ipotetica società futura che, in fondo, è più vicina di quanto si possa credere.

E noi come stronzi rimanemmo a guardare recensione film Sky di Pif con Fabio De Luigi
Fabio De Luigi e Ilenia Pastorelli (Credits: Sky/Wildside/Vision Distribution)

E noi come stronzi rimanemmo a guardare recensione film Sky di Pif con Fabio De Luigi
lenia Pastorelli e Fabio De Luigi (Credits: Sky/Wildside/Vision Distribution)

Sintesi

E noi come stronzi rimanemmo a guardare è una commedia divertente che risulta tuttavia incastrata in una componente drammatica un po’ legnosa. Rispetto ai film precedenti, in cui era la riflessione storica ad aver maggior peso, Pif mette in scena un’idea originale e una critica personale sulla società moderna ed il progresso tecnologico. Esperimento interessante in cui permane comunque lo stile divertente e graffiante che contraddistingue il regista palermitano.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli