Rambo: Last Blood

Rambo: Last Blood recensione

Rambo: Last Blood recensione del film di Adrian Grunberg con Sylvester Stallone, Paz Vega, Yvette Monreal, Sergio Peris-Mencheta e Óscar Jaenada

Può il 73enne Sylvester Stallone tornare a vestire i panni del soldato perfetto? È la domanda che molti si sono fatti dopo l’annuncio di Rambo: Last Blood, quinto capitolo della saga. Ma, si sa, Sly ama le sfide e ancora una volta è pronto a sorprendere il pubblico, tant’è che il film è stato anche presentato allo scorso festival di Cannes.

Sono ormai passati i tempi del Vietnam e delle guerre e Rambo si è ritirato a vita privata in Arizona gestendo il vecchio ranch del padre. Stallone da sempre ci ha abituati ad una vena autobiografica nei suoi due personaggi più famosi – l’altro è naturalmente Rocky – ed ora che è arrivato all’età della saggezza interpreta un Rambo più assennato ed umano; dopo quattro capitoli molto più tendenti all’action, Last Blood esplora anche la mente del reduce di guerra.

Rambo: Last Blood recensione
Sylvester Stallone è John Rambo in Rambo: Last Blood (Yana Blajeva)

Il quinto capitolo del mito di Rambo
Sylvester Stallone nel quinto capitolo della saga di Rambo

John Rambo è ancora il duro che abbiamo imparato a conoscere, ma quel carattere così spigoloso col tempo si è un po’ ammorbidito dimostrandogli che anche lui ha bisogno di affetto e di calore umano: non a caso stavolta è lui ad essere salvato, moralmente e fisicamente, da una donna. È proprio questo uno dei temi centrali di Rambo: Last Blood, scopriamo che la giovane ed innocente Gabrielle (Yvette Monreal), ospitata nel ranch, è riuscita a far nascere in lui uno spiraglio di positività, ed ora che è lei ad essere in pericolo viene fuori l’istinto protettivo di Rambo, che non vuole perdere l’unica persona a lui cara.

Yvette Monreal è Gabrielle in Rambo: Last Blood
Yvette Monreal è Gabrielle in Rambo: Last Blood

Adrian Grunberg alla regia e la coppia Sylvester Stallone / Matthew Cirulnick alla sceneggiatura riescono a mettere in scena i drammi del protagonista senza risultare banali, sia attraverso il rapporto paterno con Gabrielle sia attraverso la scelta visiva dei tunnel: Rambo ha costruito dei cunicoli sotterranei che rappresentano la sua vera safe zone. Se in superficie la vita scorre normalmente, è in quei tunnel sporchi e bui che scorgiamo l’anima irrimediabilmente corrotta del personaggio. Sottoterra troviamo i ricordi del Vietnam e rivediamo quell’aspetto un po’ animalesco che il nostro protagonista ha sempre portato con sé, “non sono cambiato, cerco di contenermi” afferma Rambo in un passaggio chiave di Last Blood.

John Rambo è tornato
Sylvester Stallone nel quinto capitolo della saga di Rambo

Quel contenimento però non riesce a limitare la rabbia del protagonista che quando sta per perdere l’unico barlume di speranza torna ad essere la spietata macchina da guerra che tutti conosciamo. Ed ecco che nella seconda parte della pellicola l’azione esplode: sparatorie, accoltellamenti, combattimenti a mani nude, ce n’è per tutti e Rambo conferma di non aver minimamente dimenticato come si uccide. L’adrenalina è alta e le scene action non tradiscono le aspettative, nonostante alcune trovate forse un po’ troppo anni ’80 che viste con gli occhi di oggi risultano un po’ datate; il regista inoltre non lascia nulla all’immaginazione mettendo in scena alcune sequenze che sfiorano lo splatter e che lo rendono il film il più crudo della saga.

Sylvester Stallone
Sylvester Stallone

Rambo: Last Blood fin dal titolo si lega al primo capitolo (che in originale si chiama First Blood) e anche questa volta la guerra è personale, non più contro una società che lo ha dimenticato ma contro la criminalità messicana. È una battaglia all’ultimo sangue in cui un uomo accecato dall’odio tira fuori il suo animo bestiale: Stallone dichiara di non essere interessato a raccontare i contrasti attuali tra Stati Uniti e Messico e di fatto non c’è nessun sottotesto politico, cosa che invece era presente nel secondo e nel terzo capitolo della saga e che rappresentava il difetto maggiore di quei film.

Rambo: Last Blood non nasconde la sua anima dichiaratamente action e soddisfa il pubblico portando avanti la saga quando ormai sembrava morta. Nonostante l’età, Stallone non perde un colpo e riconferma il suo feeling con questo ruolo attraverso un’interpretazione dinamica ed avvincente che continua a tenere vivo il suo mito.

Andrea P.

Yvette Monreal è Gabrielle in Rambo: Last Blood
Yvette Monreal è Gabrielle in Rambo: Last Blood

John Rambo è tornato
John Rambo è tornato

Sintesi

Sly ama le sfide e sorprende ancora una volta il pubblico tornando a vestire per la quinta volta i panni del soldato perfetto. Stallone da sempre ci ha abituati ad una vena autobiografica nei suoi personaggi più famosi e, mostrandoci Rambo più assennato ed umano, Last Blood esplora anche la mente del reduce di guerra. Stavolta è Rambo ad essere salvato dalla sua anima irrimediabilmente corrotta, nell'avvincente storia di guerra personale che continua a tenere vivo il suo mito.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman, Jean-Louis Trintignant, Catherine Spaak, Claudio Gora e Luciana Angiolillo Il cinema italiano del dopoguerra, si sa,...

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova, Filipp Yankovskiy, Ignat Daniltsev, Oleg Yankovskiy e Alla Demidova Lo specchio, il regalo di Tarkovskij all’umanità...

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...