Quella villa accanto al cimitero

Quella villa accanto al cimitero recensione film di Lucio Fulci [Trilogia della Morte]

Quella villa accanto al cimitero recensione del film scritto da Dardano Sacchetti e diretto da Lucio Fulci con Paolo Malco, Catriona MacColl e Giovanni Frezza

Quella villa accanto al cimitero è un film di genere horror del 1981, ultimo capitolo della Trilogia della Morte di Lucio Fulci, iniziata con Paura nella città dei morti viventi e proseguita con L’aldilà. Giunto a una delle sue ultime opere orrorifiche degne di nota, il regista capitolino e il suo fedele sceneggiatore Dardano Sacchetti hanno voluto riavvicinarsi alla loro prima incursione nel genere (Zombi 2), spostando il discorso sulla paura metafisica e volatile, lovecraftiana, a una dimensione ancor più fisica e bestiale.

Con uno schema narrativo che ricorda Shining (1980) di Stanley Kubrick, il film è una variazione tutta fulciana del tema della casa infestata. Conscio di non poter replicare la potenza visionaria dei due film precedenti, Fulci ha deciso di cambiare registro, sfoderando lo splatter solo quando strettamente necessario e puntando soprattutto sulla tensione e gli aspetti più ansiogeni.

Quella villa accanto al cimitero all’uscita è stato un enorme successo di botteghino malgrado il divieto ai minori di 18 anni, al punto da superare commercialmente i precedenti capitoli della Trilogia della Morte, e venendo acclamato da alcuna critica specializzata come l’horror più spaventoso e radicale filmato da Lucio Fulci, forte di un equilibrato scorrere parallelo di suspense e violenza, che racconta con un certo lirismo un deviato esempio “gotico italiano”.

Catriona MacColl e Giovanni Frezza
Catriona MacColl e Giovanni Frezza

Quella villa accanto al cimitero: sinossi

La famiglia Boyle ha terminato i preparativi per il trasferimento in una casa di Boston appartenuta al defunto dottor Petersen, deceduto in circostanze macabre e poco chiare. Il figlio Bob (Giovanni Frezza) sostiene però che un’inquietante bambina in foto sconsiglia loro il trasloco, e infatti, appena la famiglia giunge al nuovo domicilio, si scopre che il primo inquilino era il famigerato dottor Freudstein, un chirurgo radiato dall’ordine per essersi consacrato a raccapriccianti esperimenti.

Quello che i Boyle non si aspettano è che Freudstein è un non-morto che ha assunto un aspetto demoniaco e vive nell’oscurità della cantina, in attesa del momento giusto per colpire le sue vittime.

Quella villa accanto al cimitero recensione film di Lucio Fulci
Freudstein

Uno Shining all’italiana

Le similitudini tra Quella villa accanto al cimitero e la trasposizione del romanzo di King firmata Kubrick si sprecano tra allucinazioni spaventevoli e apparizioni soprannaturali. Tuttavia non sarà il protagonista, il capo-famiglia ricercatore Norman (Paolo Malco), a fare il verso all’eccentrico scrittore e padre frustrato interpretato da Jack Nicholson (la follia omicida proviene da un’entità esterna alla famiglia protagonista del film, un mostro purulento e irrazionale dai tratti antropomorfi), e le stesse allucinazioni differiscono in stile, molto più efferate e macabre.

Ancora una volta, Lucio Fulci ambienta la storia in una città capitalista di finzione per simboleggiare la presenza immanente del male, che ormai dilaga ovunque, indisturbato; e arricchisce la narrazione di eventi e personaggi, necessari per far sì che la tensione della trama accresca il clima di sospetto e mistero presente in essa. Fanno da contrappeso a tutto ciò la presenza violenta e ultraterrena di Freudstein, nonché il ritorno del cimitero e della tomba come allegorie della morte, sia spirituale sia carnale, che si è impadronita di una casa dove le logiche spazio/temporali sono andate a smarrirsi nel turbinio di sangue e terrore.

Una scena di Quella villa accanto al cimitero
Una scena di Quella villa accanto al cimitero

L’orrore allo stato d’arte

Da Shining di Kubrick derivano pure i temi della solitudine e disgregazione di un nucleo familiare, anche se lo stile con cui il tutto viene messo su schermo è decisamente più marcescente e meno elegante. I classici primi piani sugli sguardi permettono l’esplorazione dell’intimità degli attori per alimentare i sospetti e i dubbi, mossi dall’impianto giallo del plot, e per ricreare una visione fortemente influenzata dagli stati emotivi.

La fotografia del collaboratore storico di Fulci, Sergio Salvati, quasi esclusivamente giocata su toni cromatici autunnali, compone le immagini imprimendo la giusta dose di claustrofobia. L’adeguata colonna sonora di Walter Rizzati e gli ottimi trucchi pratici di Giannetto De Rossi sono ancora oggi capace di disturbare, sintonizzandosi perfettamente sul gusto fulciano per l’orrido tendente all’artistico.

Sintesi

Quella villa accanto al cimitero decreta una degna conclusione della Trilogia della Morte, in cui l'horror e lo splatter vanno a braccetto con un'ottima costruzione della tensione che predilige gli aspetti più carnali della vicenda.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Oscar Isaac sarà Solid Snake nel film Metal Gear Solid basato sul videogioco di Hideo Kojima

Oscar Isaac sarà Solid Snake in Metal Gear Solid nella trasposizione cinematografica del videogioco capolavoro di Hideo Kojima pubblicato da Konami Mentre abbiamo ancora negli...

Il futuro dei film e dei cinema tra sala e streaming

Warner Bros. rilascerà l'intero listino cinematografico 2021 contemporaneamente in sala e su HBO Max: il futuro dei film e dei cinema tra sala e...

The Wilds recensione serie TV di Sarah Streicher con Rachel Griffiths [Amazon Prime Video Anteprima]

The Wilds recensione serie TV di Sarah Streicher con Rachel Griffiths, Sophia Ali, Shannon Berry, Jenna Clause, Reign Edwards, Mia Healey e Sarah Pidgeon Quando un gruppo...

Kiss Kiss Bang Bang recensione film di Shane Black con Robert Downey Jr. e Val Kilmer [Flashback Friday]

Kiss Kiss Bang Bang recensione del film di Shane Black con Robert Downey Jr., Val Kilmer, Michelle Monaghan, Shannyn Sossamon e Corbin Bernsen Nel 1983, a...

Quarto potere recensione film di e con Orson Welles

Quarto potere recensione del film diretto e interpretato da Orson Welles con Joseph Cotten, Erskine Sanford, Dorothy Comingore, Ray Collins, Everett Sloane e William...

Cinema News del 4 dicembre [Rassegna Stampa]

Warner Bros. fa il grande passo La Fatale Hilary Swank Si arricchisce il cast di Hawkeye Cynthia Erivo e la Regina Vittoria La...

Il magico mondo della saga Harry Potter al cinema: origini storia e curiosità [Throwback Thursday]

La saga cinematografica di Harry Potter è sicuramente una delle più amate dai bambini (e dagli adulti). Ricordiamone insieme origini, storia e curiosità Ormai il...

Kadaver recensione film di Jarand Herdal con Gitte Witt [Netflix]

Kadaver recensione film di Jarand Herdal con Gitte Witt, Thomas Gullestad, Thorbjørn Harr, Maria Grazia Di Meo e Gjermund Gjesme disponibile su Netflix Nel futuro distopico...

Cinema News del 3 dicembre [Rassegna Stampa]

Emma Stone lascia Babylon Gal Gadot ha un cuore di pietra Jason Statham di nuovo spia Jason Statham di nuovo criminale Hawkeye ha...

Sebastian Jones: intervista al filmmaker e montatore di Terrence Malick

Intervista a Sebastian Jones, regista e montatore di Terrence Malick noto per Everybody's Everything, La vita nascosta - Hidden Life e Song to Song Sebastian...