Woman of the Photographs

Woman of the Photographs recensione film di Takeshi Kushida [RNFF 20]

Woman of the Photographs recensione film di Takeshi Kushida con Hideki Nagai, Itsuki Otaki, Toshiaki Inomata e Toki Koinuma al Ravenna Nightmare 2020

Sempre, nel corso del tempo, si è riflettuto sul concetto di immagine. Il cinema ovviamente ha dedicato buona parte della sua produzione a questo tema, che è intrinseco nella sua stessa natura. Woman of the Photographs, opera prima di Takeshi Kushida presentata in concorso al Ravenna Nightmare Film Festival, elegge il concetto a elemento di indagine teorica. Com’è cambiata oggi l’immagine? Esiste ancora una rispondenza tra realtà e rappresentazione di essa?

MadMass.it consiglia by Amazon

Il film parte dall’incontro tra un fotografo, incapace di avere un contatto con una donna, e una giovane modella, che mostra i segni di una cicatrice procuratasi per un incidente su un albero. Tra i due si crea un legame, dettato inizialmente dalla necessità di coprire quella imperfezione proprio grazie all’utilizzo della correzione fotografica. Ben presto subentra però una lacerazione nell’animo della giovane, che recupera l’immagine reale di sé e la posta sui social, ottenendo un gradimento perso nel corso del tempo. Ma quindi i followers sono alla ricerca della verità?

Itsuki Otaki in Woman of the Photographs
Itsuki Otaki in Woman of the Photographs

Hideki Nagai
Hideki Nagai

Woman of the Photographs, come spesso accade nella tradizione orientale, è un film che predilige la domanda alla risposta. Quasi del tutto privo di dialoghi, si sviluppa utilizzando gli sguardi come raccordi e servendosi della musica e dell’amplificazione dei rumori (soprattutto quando si mangia) per coprire il vuoto lasciato dalle parole. La chiarezza narrativa lascia il più delle volte spazio alla rappresentazione metaforica: è come se tutto avesse una doppia chiave di lettura, un significato nascosto.

Come diceva Roland Barthes, “Le immagini fotografiche sono un messaggio senza un codice”. E così Takeshi Kushida fa sua questa massima per raccontarci come è cambiato il rapporto tra immagine e realtà in un contesto in cui tutto può essere modificato e può diventare artefatto. Sono i social media a dettare legge, l’unica cosa che conta è replicare quello che la gente si aspetta da noi, anche se si tratta di una forzatura del nostro io. In questo caso, il regista giapponese riesce quindi ad arrivare al cuore del suo messaggio, a dare forza al significato nascosto della sua opera.

Itsuki Otaki in Woman of the Photographs
Itsuki Otaki in Woman of the Photographs

Hideki Nagai
Hideki Nagai

Il film non funziona, invece, quando prova a raggiungere un gradino più alto e crea la metafora con la mantide religiosa. Nella seconda parte, la narrazione comincia a scricchiolare e si ingarbuglia in una serie di sequenze nonsense che hanno come riferimento il cinema di Tsukamoto o Cronenberg senza replicarne la forza. Il legame tra i due si caratterizza con una forma di sottomissione, assimilabile proprio a quella del maschio della mantide, che non ha però una reale rispondenza nel rapporto rappresentato dal regista. È come se Kushida si perdesse tra i vari piani del suo racconto, arrivando allo scopo solamente in alcuni di questo. Il tutto reso ancora più complicato da una progressiva caduta di ritmo nella parte finale e da un’esasperazione del concetto di autolesionismo, in verità molto comune a una certa tendenza del cinema giapponese.

Woman of the Photographs si perde gradualmente nella sua ambizione. È un film che affascina ma allo stesso tempo crea una distanza col suo spettatore. Ha coraggio ma forse eccede nella ricerca dell’eccentrico a ogni costo. Regala momenti di innegabile inquietudine ma li alterna con pericolosi giri a vuoto.
Un’opera che rimane vittima della sua stessa indagine teorica, dimostrando quanto sia importante nel cinema usare il cuore, oltre alla testa.

Itsuki Otaki in Woman of the Photographs
Itsuki Otaki in Woman of the Photographs

Itsuki Otaki
Itsuki Otaki

Hideki Nagai e la mantide religiosa
Hideki Nagai e la mantide religiosa

Woman of the Photographs recensione film di Takeshi Kushida
Woman of the Photographs di Takeshi Kushida

Sintesi

Woman of the Photographs si perde gradualmente nella sua ambizione. È un film che affascina ma allo stesso tempo crea una distanza col suo spettatore. Ha coraggio ma forse eccede nella ricerca dell’eccentrico a ogni costo. Regala momenti di innegabile inquietudine ma li alterna con pericolosi giri a vuoto. L'opera di Takeshi Kushida rimane vittima della sua stessa indagine teorica, dimostrando quanto sia importante nel cinema usare il cuore, oltre alla testa.    

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

The Wilds recensione serie TV di Sarah Streicher con Rachel Griffiths [Amazon Prime Video Anteprima]

The Wilds recensione serie TV di Sarah Streicher con Rachel Griffiths, Sophia Ali, Shannon Berry, Jenna Clause, Reign Edwards, Mia Healey e Sarah Pidgeon Quando un gruppo...

Kiss Kiss Bang Bang recensione film di Shane Black con Robert Downey Jr. e Val Kilmer [Flashback Friday]

Kiss Kiss Bang Bang recensione del film di Shane Black con Robert Downey Jr., Val Kilmer, Michelle Monaghan, Shannyn Sossamon e Corbin Bernsen Nel 1983, a...

Quarto potere recensione film di e con Orson Welles

Quarto potere recensione del film diretto e interpretato da Orson Welles con Joseph Cotten, Erskine Sanford, Dorothy Comingore, Ray Collins, Everett Sloane e William...

Cinema News del 4 dicembre [Rassegna Stampa]

Warner Bros. fa il grande passo La Fatale Hilary Swank Si arricchisce il cast di Hawkeye Cynthia Erivo e la Regina Vittoria La...

Il magico mondo della saga Harry Potter al cinema: origini storia e curiosità [Throwback Thursday]

La saga cinematografica di Harry Potter è sicuramente una delle più amate dai bambini (e dagli adulti). Ricordiamone insieme origini, storia e curiosità Ormai il...

Kadaver recensione film di Jarand Herdal con Gitte Witt [Netflix]

Kadaver recensione film di Jarand Herdal con Gitte Witt, Thomas Gullestad, Thorbjørn Harr, Maria Grazia Di Meo e Gjermund Gjesme disponibile su Netflix Nel futuro distopico...

Cinema News del 3 dicembre [Rassegna Stampa]

Emma Stone lascia Babylon Gal Gadot ha un cuore di pietra Jason Statham di nuovo spia Jason Statham di nuovo criminale Hawkeye ha...

Sebastian Jones: intervista al filmmaker e montatore di Terrence Malick

Intervista a Sebastian Jones, regista e montatore di Terrence Malick noto per Everybody's Everything, La vita nascosta - Hidden Life e Song to Song Sebastian...

Blackpink: Light Up the Sky recensione film documentario sulla K-pop band Blackpink [Netflix]

Blackpink: Light Up the Sky recensione documentario di Caroline Suh con Jennie Kim, Ji-soo Kim, Lalisa Manoban e Rosé dedicato alla K-pop band Blackpink Il...

Cinema News del 2 dicembre [Rassegna Stampa]

Il trailer di The Mauritanian Il making of de Il Padrino… Parte Seconda Jada Pinkett Smith in Redd Zone Il nuovo Van Helsing ...