…E tu vivrai nel terrore! - L'aldilà

…E tu vivrai nel terrore! – L’aldilà recensione film di Lucio Fulci [Trilogia della Morte]

…E tu vivrai nel terrore! – L’aldilà recensione del film di Lucio Fulci scritto da Dardano Sacchetti con Catriona MacColl, David Warbeck e Cinzia Monreale

E TU VIVRAI NEL TERRORE! Ogni volta che si parla del grande horror all’italiana si tende quasi sempre a tessere panegirici sui capolavori di Dario Argento (quando ancora azzeccava i film) e Mario Bava (uno che invece, sì, non ha mai sbagliato un colpo).
Giustamente, visto che si parla di due titani del genere, ma non del tutto. Infatti, tra questi due maestri del terrore di casa nostra si mosse pure una figura più piccola, spesso ostracizzata, rivalutata post-mortem come solitamente avviene con i grandi incompresi, ma ancora oggi sottovalutata dai più: Lucio Fulci.

Spesso considerato più un artigiano che un autore, Fulci si è fatto largo nel fermento creativo dell’industria filmica italiana degli Anni Sessanta a suon di commedie e musicarelli, passando per generi diametralmente opposti quali lo spaghetti western e il giallo hitchcockiano, con una versatilità invidiata da molti nell’ambiente e divenuta negli anni oggetto di studio. Tracce di un discorso critico verso l’essere umano e le contraddizioni della civiltà sono ravvisabili in tutti i suoi lavori, anche quelli meno avvincenti, ma ciò che ancora oggi lascia a bocca aperta è la dote di Fulci nel confezionare prodotti di elevatissima qualità artistica pur essendo tirati al risparmio e girati quasi sempre con il “buona la prima”.

Catriona MacColl
Catriona MacColl

La Trilogia della Morte, chiave di volta della lunga trasferta fulciana nell’horror, può essere considerata la vetta e il definitivo lascito di un artista che nel cinema vedeva per prima cosa una fonte di sostentamento grazie alla quale poteva sbarcare il lunario. Combattendo il più delle volte con ingerenze dei produttori e budget più ridotti del dovuto, il lavoro artigianale di Fulci (e del geniale effettista Giannetto De Rossi) decretò la vittoria del mestiere e dell’ingegno sull’effimero valore del soldo. Già il magnifico Paura nella città dei morti viventi (1980) brillava di un tangibilissimo senso per il sanguinolento e per il terrore puro che gli effetti speciali caserecci sapevano incrementare, ma è con …E tu vivrai nel terrore! – L’aldilà (1981) che si sintetizza la summa massima dell’estetica di quello che in Francia era denominato “il poeta del macabro”.

Una scena di …E tu vivrai nel terrore! - L'aldilà
Una scena di …E tu vivrai nel terrore! – L’aldilà

…E tu vivrai nel terrore! – L’aldilà: sinossi

Louisiana degli Anni Venti. Un pittore accusato di praticare la stregoneria viene torturato, crocifisso e coperto con la calce viva nella sua stanza d’albergo. Mentre si consuma il linciaggio, la giovane Emily (Cinzia Monreale) si imbatte nel libro maledetto noto come Eibon, che subito prende fuoco tra le sue mani, lasciandola cieca.

Cinquant’anni più tardi, l’intraprendente Liza Merill (Catriona MacColl) ottiene in eredità l’hotel Sette Porte e decide di ristrutturarlo. Scoprirà a sue spese e di tutti quelli con cui viene a contatto che l’albergo è stato edificato su uno dei sette portali dell’inferno, e scatena sulla Louisiana un’invasione di morti viventi assetati di sangue.

…E tu vivrai nel terrore! - L'aldilà recensione film di Lucio Fulci
David Warbeck

La concretezza del terrore

Con uno splendido e violentissimo incipit dalle immagini color seppia, che omaggia esplicitamente La maschera del demonio di Mario Bava, …E tu vivrai nel terrore! – L’aldilà mette al centro di tutto la paura della morte e della solitudine, evidente nelle insistite riprese su spazi aperti e isolati, nell’isolamento dell’uomo processato e torturato per stregoneria nel prologo, e in tutte quelle scene dove la presenza di un singolo personaggio solitario catalizza l’attenzione dello spettatore in scenari di vuoto assordante.

Lo splatter tocca in questo film vertici che persino il Dario Argento più folle si sognava, esplicando così il lato concreto della morte e della disgregazione della psiche di fronte a un orrore troppo grande per la mente umana. Particolare rilievo assume la cecità, non più un handicap ma, come nella mitologia greca, fonte di un potere più grande, ovvero la percezione extra-sensoriale del male con cui l’uomo profana il mondo nella sua volontà capitalistica (ed egoistica) di arrivare alla vetta ad ogni costo. Il senso della vista e gli occhi non sono mai stati tanto importanti nel cinema di Fulci come in …E tu vivrai nel terrore! – L’aldilà. Il film è pieno scene in cui i bulbi oculari sono protagonisti più degli attori stessi, specchio dell’anima e metafora dell’occhio della camera da presa che viene trafitto e annientato, coerentemente alla poetica del regista romano che “distruggeva” i generi per innovarli e rivestirli di nuova carne.

In tutto ciò si inserisce la figura dello zombie, ancora più purulento di quanto già non fosse nelle sue vesti romeriane. Il morto vivente di Fulci non ha più nulla di umano, nemmeno i ricordi di una vita passata che lo conducevano a trascinarsi tra i corridoi di un centro commerciale; è solo una macchina di morte che uccide mossa solo dai suoi istinti bestiali. Fulci non cela nulla, mostra con schiettezza sangue e frattaglie perché ben consapevole che il macabro fa parte della vita di tutti i giorni e non può essere mascherato da ellissi o autocensure; l’essere umano può provare a reagire all’orrore, ma il bene non trionfa sempre sul male né la redenzione vale per tutti, e ciò che resta è solo l’oscurità della follia.

David Warbeck e Catriona MacColl
David Warbeck e Catriona MacColl

…E tu vivrai nel terrore! - L'aldilà
…E tu vivrai nel terrore! – L’aldilà

Avere stomaco per il grande cinema

L’atmosfera di …E tu vivrai nel terrore! – L’aldilà, trascendente ogni logica della realtà, è la più inquietante mai respirata in un horror di Fulci. Nulla di ciò che accade sullo schermo è concepito per divertire, immerso tutto com’è in un turbinio di crudeltà che gli effetti speciali sanguinolenti, l’uso disturbante del sonoro (memorabile lo stridio delle tarantole che divorano vivo il personaggio interpretato da Michele Mirabella) e la colonna sonora non fanno che amplificare. Fabio Frizzi aveva già deliziato le orecchie con temi memorabili come quello di Sette notte in nero, ma per …E tu vivrai nel terrore! – L’aldilà firma un capolavoro musicale che non ha nulla da invidiare con le partiture dei Goblin di Claudio Simonetti.

Il finale evocativo e pessimista del film cesella e riassume tutta la grandiosità del cinema granguignolesco di Fulci in un’esperienza orrorifica che va vissuta per davvero comprenderne sfaccettature drammatiche. Sebbene Fulci non sia più stato in grado di ripetere un tale risultato artistico, …E tu vivrai nel terrore! – L’aldilà è stato un demiurgo importante per lo splatter degli Anni Ottanta e Novanta, senza il quale non avremmo avuto probabilmente quei genietti di Sam Raimi o Peter Jackson.

Sintesi

Con il secondo film della Trilogia della Morte, Fulci ha realizzato il suo horror migliore, un film di zombie che ammicca alla non linearità narrativa di Lovecraft per sospendere ogni schema razionale dello spettatore, che si ritroverà immedesimato in un racconto di pura inquietudine e angoscia. Il tutto con litri di splatter e zombie marcescenti che tolgono il sonno.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi [TFF 38]

Regina recensione film di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi, Barbara Giordano e Max Mazzotta al Torino Film Festival 38 Unico alfiere a rappresentare l’Italia...

Strange Days recensione film di Kathryn Bigelow [Flashback Friday]

Strange Days recensione del film di Kathryn Bigelow con Ralph Fiennes, Angela Bassett, Juliette Lewis, Vincent D'Onofrio, William Fichtner e Tom Sizemore Dopo Point Break -...

Cinema News del 27 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a Daria Nicolodi I progetti di Alex Garland Álex de la Iglesia e la Veneciafrenia La Radioscopie di Claire Denis Les promesses...

Pixar: i migliori film da vedere assolutamente [Throwback Thursday]

Le opere Pixar fanno parte della nostra infanzia ed adolescenza, grazie ai molti lungometraggi che ci hanno scaldato il cuore. Vediamo i cinque migliori...

Black Friday Amazon 2020: LEGO offerte Avengers, Jurassic World, Star Wars, Disney e Batman

Black Friday Amazon 2020: in offerta i set LEGO di Avengers, Jurassic World, Star Wars, Disney, Batman, The Mandalorian, Harry Potter e Fast &...

Cinema News del 26 novembre [Rassegna Stampa]

Mads Grindelwald Clifford il grande cane rosso The Mauritanian Amore e malattia in Life in a Year Amore e malattia in Little Fish ...