One night

One night recensione [FEFF 22]

One night recensione film di Kazuya Shiraishi con Takeru Satoh, Ryôhei Suzuki, Mayu Matsuoka, Kuranosuke Sasaki, Yūko Tanaka e Megumi

La notte nasconde, protegge, dà coraggio o lo toglie. È proprio nell’oscurità notturna che si svolge l’inizio e la fine di One night, film diretto dall’istrionico Kazuya Shiraishi, che dopo essersi cimentato in vari generi cinematografici come il noir di The Blood of Wolves, la commedia di A Gambler’s Odyssey 2020 e il biopic di Dare to Stop Us, regala questo spiazzante family drama che tocca diverse corde emotive attraverso tematiche delicate.

Durante una notte buia e tempestosa Koharu (Yūko Tanaka) decide di eliminare per sempre le pene e i dolori della sua famiglia uccidendo il marito, ubriaco e violento. Prima di confessare l’omicidio alla polizia, decide di raccontare tutto ai propri figli, promettendo loro che d’ora in poi avrebbero avuto una vita migliore, senza soprusi e percosse. Il padre-padrone manesco, infatti, non avrebbe mai permesso che affermassero la loro personalità, quindi la coraggiosa donna decide di sacrificarsi per fare in modo che i suoi figli diventino ciò che realmente vogliono.

Yūko Tanaka
Yūko Tanaka

Dopo aver terminato i quindici anni di pena detentiva Koharu torna dai tre figli, ormai cresciuti e cambiati, ma si rende conto che non sono riusciti a realizzare i loro sogni. Daiki (Ryôhei Suzuki), il più grande, è un ragazzo balbuziente che svolge un lavoro che odia e sta sull’orlo del divorzio, Sonoko (Mayu Matsuoka), unica figlia femmina che sognava di fare la parrucchiera, si ubriaca ogni sera e fa la escort, e Yuji (Takeru Satoh), l’unico talentuoso dei tre sin da bambino, invece di diventare un affermato scrittore come desiderava, si ritrova a scrivere per uno squallido giornaletto scandalistico.

Takeru Satoh, Mayu Matsuoka e Ryôhei Suzuki
Takeru Satoh, Mayu Matsuoka e Ryôhei Suzuki

L’incontro tra la madre e i tre figli non è affatto fluido e sereno, anzi è il motivo d’innesco di discussioni e accesi chiarimenti che porteranno alla luce verità nascoste dure da accettare per Koharu.

Bravissimo Shiraishi a descrivere, attraverso un climax emozionale, l’accettazione da parte dei figli dell’atto estremo compiuto dalla madre, vessata da un marito violento. L’apice emotivo si tocca proprio nell’epilogo melodrammatico, anch’esso svolto di notte, in cui emergono le conseguenze delle colpe dei genitori e i fardelli che ricadono sui figli in una scena finale che ha il sapore della riconciliazione.

Mayu Matsuoka e Ryôhei Suzuki
Mayu Matsuoka e Ryôhei Suzuki

One night di Kazuya Shiraishi recensione [FEFF 22]
One night di Kazuya Shiraishi

Sintesi

Toccante family drama di Kazuya Shiraishi, One night racconta, con un crescendo di stati emotivi, la storia della famiglia Inamura, il coraggio di una madre disposta a sacrificare la propria vita per il futuro dei propri figli e le conseguenze delle colpe dei genitori che ricadono come fardelli sui figli.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articolo precedenteEdward recensione [FEFF 22]
Articolo successivoI WeirDO recensione [FEFF 22]

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli