Nocturne

Nocturne recensione film Welcome to the Blumhouse [Amazon Prime Video Anteprima]

Nocturne, film della collezione Welcome to the Blumhouse di Amazon Prime Video, è un horror non solo convincente, ma anche esaltante. La nostra recensione.

Nocturne recensione film di Zu Quirke con Sydney Sweeney, Madison Iseman, Jacques Colimon, Julie Benz e Ivan Shaw per il ciclo Welcome to the Blumhouse su Amazon Prime Video

La collaborazione tra Amazon Prime Video e Blumhouse Television continua con Nocturne, horror con Sydney Sweeney, Madison Iseman, Jacques Colimon e Ivan Shaw che arriva sulla piattaforma streaming di Amazon sotto l’egida della collezione Welcome to the Blumhouse.

La strada che Blumhouse sta intraprendendo a livello produttivo è estremamente interessante. Infatti, si sta distaccando sempre più dall’horror incentrato sul mero spavento per dirigersi verso lidi più particolari, articolati, dove è l’atmosfera a farla da padrone; dove la messa in scena è al servizio della narrazione, e non viceversa.
La storia dietro a Nocturne non è particolarmente complessa, ma lascia comunque spazio a diverse riflessioni, che vanno dalla mania del successo alla condizione dell’arte e della musica in relazione con la contemporaneità.

Sydney Sweeney
Sydney Sweeney è Juliet, una ragazza gelosa del successo della sorella gemella Vivian
Nocturne recensione film Welcome to the Blumhouse
Un misterioso suicidio nella scuola di Juliet e Vivian darà inizio a un effetto a catena inspiegabile

La particolarità della pellicola è quella di non rivelarsi un horror adolescenziale, nonostante i protagonisti siano proprio dei diciassettenni, studenti di un conservatorio americano.
Zu Quirke, al suo debutto alla regia e autrice anche della sceneggiatura, riesce a valorizzare una narrazione a tratti banale e che, per molti versi, potrebbe ricordare altre pellicole di successo ambientate nel mondo dell’arte, prima su tutte Suspiria.

Nonostante risulti a tratti eccessivamente didascalica, la regia si accosta perfettamente alle necessita del cinema horror odierno, dove la componente visiva diventa fondamentale per creare e mantenere quel senso di inquietudine e sconforto che potrebbe facilmente sfociare in una mediocre messa in scena di sequenze orrorifiche date in pasto al pubblico come se stesse facendo un giro in una casa stregata da fiera di paese.

Sydney Sweeney
Sydney Sweeney
Sydney Sweeney
Sydney Sweeney in una scena del film

Altro grande plauso va fatto al modo in cui la musica si lega inscindibilmente con la narrazione cinematografica. Pur essendo sostanzialmente la protagonista del film, non era scontata un’enfasi così marcata sulla sua “presenza scenica”, fondamentale per scandire l’incedere delle sequenze più ansiogene (altro tema valorizzato nella pellicola).

Non è solo una sfumatura narrativa, ma è anche il pilastro che sorregge tutta la costruzione filmica, senza il quale quest’ultima crollerebbe rovinosamente nelle oscure e intricate valli della mediocrità.

Sydney Sweeney è Juliet
Degli strani eventi sconvolgono la vita riservata di Juliet (Sydney Sweeney)
Sydney Sweeney
Sydney Sweeney in una scena del film
Nocturne: il poster
Nocturne: il poster

Sintesi

Nocturne non è una pellicola perfetta in ogni sua sfumatura. A volte si perde in alcune banalità, altre cerca di spingersi più lontano di quanto possa sperare di arrivare. Ma, nonostante ciò, ritrova sempre la giusta intonazione, ritornando sui suoi passi e proponendo una narrazione per immagini non solo convincente, ma a tratti anche esaltante.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Nocturne recensione film Welcome to the Blumhouse [Amazon Prime Video Anteprima]Nocturne non è una pellicola perfetta in ogni sua sfumatura. A volte si perde in alcune banalità, altre cerca di spingersi più lontano di quanto possa sperare di arrivare. Ma, nonostante ciò, ritrova sempre la giusta intonazione, ritornando sui suoi passi e proponendo una narrazione per immagini non solo convincente, ma a tratti anche esaltante.