Suspiria (2018)

Suspiria recensione del film diretto da Luca Guadagnino

Quanto si è scritto e detto sul remake di Suspiria di Dario Argento? Molto, forse troppo. Finalmente arriva in anteprima alla Mostra la rivisitazione di Luca Guadagnino, ritenuto dai più uno dei registi di punta del cinema italiano, soprattutto in seguito alla consacrazione con Chiamami col tuo nome.

Una scelta non facile la sua, perché l’originale è diventato negli anni un vero e proprio cult e ha, a suo modo, cambiato le regole del genere horror con un’attenzione sempre più marcata all’aspetto formale e alle coreografiche sequenze di morte. Guadagnino sceglie volontariamente di discostarsene, di rendere più personale questa versione, operando una serie di cambiamenti non indifferenti.

Suspiria
Dakota Johnson in Suspiria di Guadagnino

Prima di tutto l’ambientazione, che si sposta da Friburgo a Berlino, con tanto di cornice storico-politica ad effetto (per la verità piuttosto appiccicata). Rispetto al film di Argento, il remake di Guadagnino mette subito le cose in chiaro, svelando la natura del collegio docente della scuola di danza e lavorando più sulla creazione dell’atmosfera che non sulla suspense. Infine, il regista di Io sono l’amore amplia il numero dei personaggi e la durata, suddivide la narrazione in 6 capitoli più un epilogo e si concentra sulle tematiche che hanno contraddistinto il suo modo di fare cinema.

Suspiria
Tilda Swinton in Suspiria

Tutto positivo, sulla carta. Qualcuno vi dirà che il suo non vuole essere un horror (e allora perché intitolarlo Suspiria?); qualcuno apprezzerà le numerose sequenze visionarie, che però non hanno mai il coraggio di sbattere in faccia allo spettatore la vera violenza (non solo dell’originale ma del genere tout court); qualcuno ne apprezzerà il gusto cinefilo, con rimandi a Fassbinder e ad altri grandi autori. Spogliato di questi vezzi, Suspiria è semplicemente un film pretenzioso, sgangherato e irritante.

Suspiria
La danza di Suspiria

Le lunghe sequenze di danza, la presentazione dei personaggi e la sostanziale vacuità della prima ora sono un tratto distintivo di un regista che utilizza il cinema per mostrarsi (e non per mostrare). Più che in passato, talvolta riesce, almeno a livello stilistico, a creare momenti di qualità, ma sono irrilevanti all’interno di un caleidoscopio di immagini disconnesse, visioni vagamente trash e una generale confusione tra psicoanalisi, magia ed esoterismo.

Sicuramente il nuovo Suspiria è un film che pone al centro il ruolo della donna e che parla più di amore che di morte. Ma, in generale, prevale la sensazione della non necessità di questa operazione che, anche post visione, appare più di marketing che di reale omaggio. Recuperatevi il cult di Dario Argento.

Sergio

Sintesi

Luca Guadagnino talvolta riesce, almeno a livello stilistico, a creare momenti di qualità, ma sono irrilevanti all'interno di un caleidoscopio di immagini disconnesse, visioni vagamente trash e una generale confusione tra psicoanalisi, magia ed esoterismo.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...