Suspiria (2018)

Suspiria recensione del film diretto da Luca Guadagnino

Quanto si è scritto e detto sul remake di Suspiria di Dario Argento? Molto, forse troppo. Finalmente arriva in anteprima alla Mostra la rivisitazione di Luca Guadagnino, ritenuto dai più uno dei registi di punta del cinema italiano, soprattutto in seguito alla consacrazione con Chiamami col tuo nome.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Una scelta non facile la sua, perché l’originale è diventato negli anni un vero e proprio cult e ha, a suo modo, cambiato le regole del genere horror con un’attenzione sempre più marcata all’aspetto formale e alle coreografiche sequenze di morte. Guadagnino sceglie volontariamente di discostarsene, di rendere più personale questa versione, operando una serie di cambiamenti non indifferenti.

Suspiria
Dakota Johnson in Suspiria di Guadagnino

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Prima di tutto l’ambientazione, che si sposta da Friburgo a Berlino, con tanto di cornice storico-politica ad effetto (per la verità piuttosto appiccicata). Rispetto al film di Argento, il remake di Guadagnino mette subito le cose in chiaro, svelando la natura del collegio docente della scuola di danza e lavorando più sulla creazione dell’atmosfera che non sulla suspense. Infine, il regista di Io sono l’amore amplia il numero dei personaggi e la durata, suddivide la narrazione in 6 capitoli più un epilogo e si concentra sulle tematiche che hanno contraddistinto il suo modo di fare cinema.

Suspiria
Tilda Swinton in Suspiria

Tutto positivo, sulla carta. Qualcuno vi dirà che il suo non vuole essere un horror (e allora perché intitolarlo Suspiria?); qualcuno apprezzerà le numerose sequenze visionarie, che però non hanno mai il coraggio di sbattere in faccia allo spettatore la vera violenza (non solo dell’originale ma del genere tout court); qualcuno ne apprezzerà il gusto cinefilo, con rimandi a Fassbinder e ad altri grandi autori. Spogliato di questi vezzi, Suspiria è semplicemente un film pretenzioso, sgangherato e irritante.

Suspiria
La danza di Suspiria

Le lunghe sequenze di danza, la presentazione dei personaggi e la sostanziale vacuità della prima ora sono un tratto distintivo di un regista che utilizza il cinema per mostrarsi (e non per mostrare). Più che in passato, talvolta riesce, almeno a livello stilistico, a creare momenti di qualità, ma sono irrilevanti all’interno di un caleidoscopio di immagini disconnesse, visioni vagamente trash e una generale confusione tra psicoanalisi, magia ed esoterismo.

Sicuramente il nuovo Suspiria è un film che pone al centro il ruolo della donna e che parla più di amore che di morte. Ma, in generale, prevale la sensazione della non necessità di questa operazione che, anche post visione, appare più di marketing che di reale omaggio. Recuperatevi il cult di Dario Argento.

Sergio

Sintesi

Luca Guadagnino talvolta riesce, almeno a livello stilistico, a creare momenti di qualità, ma sono irrilevanti all'interno di un caleidoscopio di immagini disconnesse, visioni vagamente trash e una generale confusione tra psicoanalisi, magia ed esoterismo.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Gamberetti per tutti recensione

Gamberetti per tutti recensione film di Cédric Le Gallo e Maxime Govare con Nicolas Gob, Alban Lenoir, Michaël Abiteboul, David Baïot e Romain Lancry Commedia francese...

Giffoni 50: programma ospiti e film in concorso. Premio a Sergio Castellitto

Giffoni Film Festival 50esima edizione: programma e ospiti delle prime due fasi dal 18 al 22 e dal 25 al 29 agosto 2020. A...

Crash recensione (versione restaurata 4K integrale)

Crash recensione film di David Cronenberg edizione restaurata 4K integrale con James Spader, Deborah Kara Unger, Holly Hunter, Elias Koteas e Rosanna Arquette Il 16...

Cine Rassegna Stampa del 14 luglio

Cine Rassegna Stampa del 14 luglio: addio a Kelly Preston, The Card Counter di Paul Schrader con Oscar Isaac e Tye Sheridan, il trailer...

L’anno che verrà recensione

L'anno che verrà recensione film di Grand Corps Malade e Mehdi Idir con Zita Hanrot, Liam Pierron, Soufiane Guerrab, Moussa Mansaly, Alban Ivanov, Antoine...

Uomini contro recensione

Uomini contro recensione film di Francesco Rosi con Gian Maria Volonté, Alain Cuny, Mark Frechette, Pier Paolo Capponi, Franco Graziosi e Mario Feliciani Prima guerra mondiale....

Cine Rassegna Stampa del 13 luglio

Cine Rassegna Stampa del 13 luglio: i trailer del biopic Tesla con Ethan Hawke e Kyle McLachlan nel ruolo di Edison e dell'horror di...

The 100 recensione stagione 7 episodi 6-7 6 7×6 Nakara 7×7 La mossa della regina

The 100 recensione 7x6 7x7 episodi 6-7 stagione 7 Nakara e La mossa della regina con Eliza Taylor, Marie Avgeropoulos, Lindsey Morgan e Richard Harmon Riprendiamo...

Messaggi da Elsewhere recensione serie TV [Amazon Prime Video]

Messaggi da Elsewhere recensione serie TV Amazon Prime Video di Jason Segel con Jason Segel, Sally Field, Eve Lindley, Richard E. Grant e André Benjamin Voi...

Ashfall recensione [FEFF 22]

Ashfall recensione film di Byung-seo Kim e Hae-jun Lee con Byung-hun Lee, Jung-woo Ha, Dong-seok Ma, Hye-jin Jeon e Suzy Bae Ecco perché il capitalismo...