Evil Eye

Evil Eye recensione film Welcome to the Blumhouse [Amazon Prime Video Anteprima]

Evil Eye, film della collezione Welcome to the Blumhouse di Amazon Prime Video, non riesce a catturare lo spettatore come vorrebbe fare. La recensione.

Evil Eye recensione film di Elan Dassani e Rajeev Dassani con Sarita Choudhury, Sunita Mani, Omar Maskati e Bernard White per il ciclo Welcome to the Blumhouse su Amazon Prime Video

A chiudere il ciclo Welcome to the Blumhouse delle pellicole realizzate in collaborazione tra Amazon e Blumhouse Television troviamo Evil Eye, film diretto da Elan e Rajeev Dassani con Sarita Choudhury, Sunita Mani e Omar Maskati, disponibile in streaming su Prime Video.

Evil Eye, realizzato negli Stati Uniti ma principalmente composto da un cast di origine indiana, propone una storia molto semplice e lineare sulle divergenze tra tradizione e innovazione, passata e futuro, due condizioni rese evidenti dalla discordante messa in scena tra le sequenze ambientate a New Orleans e quelle ambientate a Delhi.

Sunita Mani e Omar Maskati in una scena del film
Sunita Mani e Omar Maskati in una scena del film
Sunita Mani e Sarita Choudhury
Sunita Mani e Sarita Choudhury

Da un lato troviamo una madre iperprotettiva (Sarita Choudhury), costantemente preoccupata per il destino della figlia. Dall’altro una giovane donna (Sunita Mani), assillata dalla madre e dalla sua incessante necessità di farla sistemare con l'”uomo giusto”. Questo dialogo tra due mentalità agli antipodi è il filo rosso che cerca di collegare una vicenda con del potenziale, ma che si perde proprio nel prediligere la “tradizione”.

Infatti, il film non porta nulla di nuovo sul piano del thriller psicologico o delle narrazioni basate su dubbi e misteri. Si capisce già dai primi minuti quale sarà il risvolto della storia e la narrazione non cerca in alcun modo di depistarci o capovolgere completamente la situazione. Si limita a scorrere in modo lento e banale fino alla sua ovvia conclusione.

Evil Eye recensione film Welcome to the Blumhouse
Sunita Mani Omar Maskati
Sarita Choudhury
Sarita Choudhury è Usha, la madre iperprotettiva di Pallavi

Anche a livello visivo Evil Eye non brilla. Il mezzo cinematografico rimane solo un pretesto per raccontare una vicenda apatica, che sul finale riesce anche a scadere nella didascalica asserzione di tematiche sociali superficialmente gettate nel calderone. La macchina da presa si limita a inquadrare gli interpreti in modo scolastico, senza un minimo di grinta aggiuntiva, mentre dialogano per minuti al telefono.

A livello recitativo la pellicola è più convincente, ma non riesce a lasciare il segno proprio a causa del modo con il quale sono stati trattati i personaggi, sia a livello visivo che narrativo.

Evil Eye: il poster
Evil Eye: il poster

Sintesi

Evil Eye è una pellicola problematica, ma non perché non sia interessante il soggetto al quale si ispira. La debolezza è insita nella pigra e svogliata messa in scena, che lo rende un film che non solo non riesce a coinvolgere, ma porta anche a pensare che le immagini siano superflue. Un pessimo risultato se si considera che Evil Eye si basa proprio sull'omonimo audiolibro, per natura medium che fa a meno delle immagini per narrare una storia.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Evil Eye recensione film Welcome to the Blumhouse [Amazon Prime Video Anteprima]Evil Eye è una pellicola problematica, ma non perché non sia interessante il soggetto al quale si ispira. La debolezza è insita nella pigra e svogliata messa in scena, che lo rende un film che non solo non riesce a coinvolgere, ma porta anche a pensare che le immagini siano superflue. Un pessimo risultato se si considera che Evil Eye si basa proprio sull'omonimo audiolibro, per natura medium che fa a meno delle immagini per narrare una storia.