La casa in fondo al lago

La casa in fondo al lago recensione film di Julien Maury e Alexandre Bustillo

La casa in fondo al lago recensione film di Julien Maury e Alexandre Bustillo con Camille Rowe, James Jagger, Eric Savin e Carolina Massey

La casa in fondo al lago, scritto e diretto da Julien Maury e Alexandre Bustillo – che nel 2017 avevano diretto Leatherface, ottavo film della saga Non aprite quella porta e prequel dell’omonimo film del 1974 di Tobe Hooper – racconta la storia di Tina (interpretata dalla modella Camille Rowe) e Ben (James Jagger, figlio del famoso Mick dei Rolling Stones), due giovani YouTuber che, viaggiando nell’entroterra francese, decidono di visitare una casa completamente intatta in fondo ad un lago per poi condividere il video di questa loro esplorazione sui rispettivi canali social.

Tuttavia, i due ragazzi si accorgono ben presto che la casa è stata il triste scenario di crimini efferati e violenti e che la loro visita ha risvegliato un’oscura presenza determinata a tenerli intrappolati in fondo al lago mentre le loro riserve di ossigeno cominciano lentamente ad esaurirsi.

James Jagger e Camille Rowe
James Jagger e Camille Rowe (Credits: Notorious Pictures)

La casa in fondo al lago recensione film di Julien Maury e Alexandre Bustillo
La casa in fondo al lago di Julien Maury e Alexandre Bustillo (Credits: Notorious Pictures)

Seguendo le orme dei mockumentary più conosciuti come The Blair Witch Project (Daniel Myrick ed Eduardo Sánchez, 1999) e Rec (Jaume Balagueró e Paco Plaza, 2007), La casa in fondo al lago si presenta con un montaggio che alterna agli sguardi in soggettiva dei protagonisti le classiche inquadrature in terza persona. L’espediente narrativo inedito però va ricercato nella scelta di ambientare un film horror sott’acqua; aspetto che certamente potrebbe elettrizzare i più curiosi del genere ma che ha comunque già dei predecessori: tra questi sicuramente va ricordato Sanctum del 2011 diretto da Alister Grierson e prodotto da James Cameron o il più recente 47 metri (2017) di Johannes Roberts.

Sebbene l’ambientazione a primo impatto possa presentarsi insolita, nuova e originale, ciò che ne soffre di più è sicuramente una sceneggiatura priva di slanci che, anteponendo agli sviluppi narrativi una spasmodica attenzione all’esplorazione della casa da parte dei protagonisti, comincia a rivelarsi banale e prevedibile sotto molti aspetti. Ad azione avviata, infatti, Maury e Bustillo si ritrovano intrappolati nella loro stessa materia: l’acqua, oltre a limitare i movimenti dei protagonisti, rallenta la trama e, al contempo, spinge ai limiti della leggibilità alcune scene che risultano o troppo cupe o eccessivamente frenetiche.

James Jagger, Camille Rowe e Eric Savin
James Jagger, Camille Rowe e Eric Savin (Credits: Notorious Pictures)

La casa in fondo al lago recensione film di Julien Maury e Alexandre Bustillo
La casa in fondo al lago di Julien Maury e Alexandre Bustillo (Credits: Notorious Pictures)

Di conseguenza, la forma viene a prevalere sul contenuto ed è in questa precisa circostanza che il film trova una seppur debole via di riscatto: la fotografia di Jacques Ballard, escluse le sequenze d’azione, sembra voler raccontare di più, soffermandosi sui dettagli e su quelle storie nascoste racchiuse come un piccolo tesoro all’interno degli oggetti che vengono diligentemente inquadrati dal suo obiettivo.

Tutto ciò però non riesce a riscattare un’opera che, nel complesso, è priva di vigore e debole nella costruzione dei personaggi; rimangono impresse nella retina solo quelle immagini suggestive e surreali create dall’atmosfera sottomarina e la sensazione di aver partecipato ad uno spettacolo visivo fine a se stesso.

Sintesi

L'ambientazione horror sottomarina, insolita, nuova e originale, intrappola i registi Julien Maury e Alexandre Bustillo nella loro stessa materia, portando la forma a prevalere sul contenuto, privo di vigore e debole nella costruzione dei personaggi. La casa in fondo al lago ci lascia impresse soltanto le immagini suggestive e surreali create dalla fotografia di Jacques Ballard, e la sensazione di aver partecipato ad uno spettacolo visivo fine a se stesso.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli