L'ultima ora

L’ultima ora recensione

L’ultima ora recensione del film diretto da Sébastien Marnier con Laurent Lafitte, Emmanuelle Bercot, Luàna Bajrami, Victor Bonnel e Pascal Greggory

Realizzato in un periodo storico in cui la consapevolezza sulla pericolosità del cambiamento climatico si sta diffondendo sempre di più anche tra i ragazzi, Sebastien Marnier ne L’ultima ora sfrutta questo tema per realizzare un interessante thriller psicologico.

Tutto comincia con l’improvviso suicidio di un professore durante una lezione: al suo posto viene chiamato il supplente Pierre, incaricato di insegnare in una delle classi migliori dell’istituto. Egli viene colpito dall’intelligenza di un gruppo di studenti ma, allo stesso tempo, dai loro atteggiamenti ambigui che lasciano intendere stiano nascondendo qualcosa. Pierre comincia così ad indagare e si ritrova a fare parte di un gioco più grande di lui.

Laurent Lafitte
L’ultima ora di Sébastien Marnier con Laurent Lafitte, Emmanuelle Bercot, Luàna Bajrami, Victor Bonnel e Pascal Greggory

L'ultima ora di Sébastien Marnier
L’ultima ora di Sébastien Marnier

La caratteristica fondamentale su cui si basa la pellicola è la tensione continua, dovuta al fatto che Pierre viene catapultato in un ambiente elitario a cui lui è totalmente estraneo. Sembra quasi non ci siano regole, perché gli alunni credono di essere più intelligenti degli insegnanti e lo ammettono apertamente senza paura delle ripercussioni che un atteggiamento altezzoso può portare, mentre i professori sono i primi ad essere omertosi, distanti dai ragazzi che dovrebbero proteggere e distaccati dai loro problemi. Il disagio di Pierre, la sua fatica nel comprendere le dinamiche che muovono la realtà del liceo e il desiderio di scoprire fino in fondo cosa nascondono i suoi alunni sono palpabili attraverso lo schermo.

L'ultima ora di Sébastien Marnier
L’ultima ora di Sébastien Marnier

Laurent Lafitte
L’ultima ora di Sébastien Marnier

Questa atmosfera misteriosa è guidata da un unico filo conduttore, quello della preoccupazione per il cambiamento climatico, che nel film interessa solo i ragazzi, gli unici realmente allarmati per il loro futuro. Lo fanno però in modo morboso, quasi ossessivo, e lottare per fare crescere la consapevolezza riguardo questo problema diventa il loro unico scopo. Sebbene il gruppo dei sei si chiuda in sé stesso, gli adulti non cercano dialogo e confronto con loro, ma rimangono spettatori distanti, creando così una invalicabile barriera tra le due generazioni.

Il thriller si conclude con un colpo di scena coerente con la storia, che lancia un messaggio importante: per fronteggiare con successo problemi che minacciano l’umanità intera è fondamentale superare le divergenze e ritrovare l’unità.

Marta

Sintesi

Sebastien Marnier realizza un interessante thriller psicologico stimolando la consapevolezza sulla pericolosità del cambiamento climatico, tra barriere generazionali e necessità di fare fronte comune dinanzi ad un'emergenza non più procrastinabile.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli