Il ballo delle pazze

Il ballo delle pazze recensione film di Mélanie Laurent con Lou de Laâge [Amazon Prime Video]

Il ballo delle pazze (Le Bal des Folles), la recensione del quinto film diretto, co-interpretato e co-sceneggiato da Mélanie Laurent per Amazon Prime Video

Il ballo delle pazze recensione film di Mélanie Laurent con Lou de Laâge, Emmanuelle Bercot, Benjamin Voisin, Grégoire Bonnet e Lomane de Dietrich

Chiusa l’esperienza nella giuria di Cannes, Mélanie Laurent torna dietro la macchina da presa un anno dopo Galveston. La regista e attrice francese resa nota al grande pubblico con il ruolo di Shoshanna in Bastardi senza gloria di Tarantino, continua il suo viaggio nel cinema arrivando su Amazon Prime Video con il suo quinto film da regista. Scritto da Laurent e Christophe Deslandes, Il ballo delle pazze è tratto dall’omonimo romanzo di Victoria Mas, Le Bal des Folles. Ambientato all’interno della clinica psichiatrica di Salpêtrière nella Parigi di fine Ottocento, guidata dal neurologo Jean-Martin Charcot (Grégoire Bonnet), porta sullo schermo la storia di Eugénie e Geneviève.

Eugénie (ottima interpretazione di Lou de Laâge), giovane donna di una famiglia altolocata parigina, mal sopporta le imposizioni patriarcali che minano la sua libertà. Apparentemente dotata della possibilità di contattare gli spiriti, si ritrova contro la sua volontà a essere internata al Salpêtrière, dove incontrerà l’infermiera capo Geneviève (interpretata dalla regista stessa). Qui le loro storie si intrecciano, insieme a quelle di tutte le donne ricoverate per motivi differenti. Figlie di un’epoca in cui la non conformazione alle regole sociali le portava a essere definite “isteriche”, a essere considerate fuori posto e quindi da escludere e curare. Una caccia alla streghe più tipica di età medievali che mostra come la mentalità della società dell’epoca fosse intrinsecamente arretrata.

Lou de Laâge e Mélanie Laurent
Lou de Laâge e Mélanie Laurent (Credits: CHRISTINE TAWALET/Amazon)
Lomane de Dietrich
Lomane de Dietrich (Credits: CHRISTINE TAWALET/Amazon)

Un ospedale che diventa prigione, metodi e trattamenti che diventano spesso torture. Idroterapia, magnetoterapia, isolamento, ipnosi sono tecniche al limite delle barbarie al servizio dell’equipe medica. Salpêtrière che diventa un macabro palcoscenico personale per l’ego di Charcot, un suo personale laboratorio. Culmine finale “il ballo delle pazze”, serata di gala e di esibizione per raccontare alla città di Parigi i progressi della sua scienza.

All’interno dell’ospedale, la regista dà ampio spazio alle storie delle donne che vi sono recluse, anche a costo di toglierlo alla narrazione della protagonista. Si rivela essere una scelta felice per l’interessante spaccato che viene mostrato, aiutato dalle ottime interpretazioni dei personaggi secondari, ma anche rischia di mangiare la narrazione interna del film. Questa visione collettiva riduce il minutaggio delle storie di Eugenie e Genevieve, che a lungo andare iniziano a perdersi nelle pagine della sceneggiatura. Perdendo il focus si perde anche lentamente il ritmo del film, arrivando a un finale scontato, che in parte vanifica l’ottimo lavoro svolto precedentemente. 

Lou de Laâge
Lou de Laâge (Credits: CHRISTINE TAWALET/Amazon)
Il ballo delle pazze recensione film di Mélanie Laurent con Lou de Laâge
Il ballo delle pazze di Mélanie Laurent con Lou de Laâge e Grégoire Bonnet (Credits: CHRISTINE TAWALET/Amazon)

Riuscire a viaggiare a cavallo tra psicodramma e melodramma senza mai eccedere non è facile, ma Mélanie Laurent vi riesce alla perfezione. Con una regia ben salda e mai esagerata, sguardo crudo ma essenziale, Laurent racconta tante storie differenti, grazie alla sceneggiatura e alle potenti inquadrature. Il ballo delle pazze permette di mettere in luce le condizioni disumane in cui le pazienti venivano trattate, gettando interessanti spunti di riflessione critici sui lavori del dottor Charcot e più in generale sul ruolo della donna nella storia della medicina. I comparti tecnici lavorano in perfetta armonia: da menzionare l’ottimo lavoro di Asaf Avidan con una colonna sonora che accompagna impeccabilmente il ritmo e l’emozione delle scene. La prima produzione di Amazon Original France si rivela essere un ottimo film, con un’anima profondamente francese ma perfetta per il panorama internazionale.

Sintesi

Melanie Laurent riesce a destreggiarsi bene tra macchina da presa e recitazione, portando sullo schermo un ottimo film in costume che viaggia a cavallo tra psicodramma e melodramma, grazie ad una regia potente e ben salda e ad uno sguardo crudo ma essenziale che racconta storie d'impatto impreziosite da ottime interpretazioni corali e personali. Nonostante con l'avanzare dei minuti perda la sua freschezza, Il ballo delle pazze soddisfa compiutamente nel suo intento critico e sociale.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Melanie Laurent riesce a destreggiarsi bene tra macchina da presa e recitazione, portando sullo schermo un ottimo film in costume che viaggia a cavallo tra psicodramma e melodramma, grazie ad una regia potente e ben salda e ad uno sguardo crudo ma essenziale che racconta storie d'impatto impreziosite da ottime interpretazioni corali e personali. Nonostante con l'avanzare dei minuti perda la sua freschezza, Il ballo delle pazze soddisfa compiutamente nel suo intento critico e sociale.Il ballo delle pazze recensione film di Mélanie Laurent con Lou de Laâge [Amazon Prime Video]