Pour la France

Pour la France recensione film di Rachid Hami [Venezia 79]

Pour la France recensione film di Rachid Hami con Hugo Becker, Lubna Azabal, Laurent Lafitte, Vivian Sung, Slimane Dazi, Karim Leklou e Samir Guesmi

Quarto lungometraggio di Rachid Hami, Pour la France è la rappresentazione cinematografica di un tragico lutto familiare del giovane regista algerino, sbarcato a Venezia 79 in concorso per la sezione Orizzonti. Bastano poche inquadrature per farci immediatamente scaturire una doverosa riflessione: in Francia, persino il film di un giovane regista, con un budget relativamente risicato, riesce con sorprendente facilità a far impallidire, sul fronte tecnico e interpretativo, gran parte dell’odierna filmografia nostrana.

Una volta terminata questa fugace e amara considerazione ci siamo trovati davanti ad un vero e proprio dramma: Aïssa Saïdi – un giovane militare dell’esercito francese – è vittima di un episodio di nonnismo all’interno dell’accademia militare di Saint-Cyr e, fratello e familiari, tenteranno di comprenderne la morte ed elaborarne il lutto.

Hugo Becker
Hugo Becker (Credits: Gophoto/Mizar Films)
Pour la France recensione film di Rachid Hami
Pour la France di Rachid Hami con Hugo Becker, Lubna Azabal, Laurent Lafitte e Vivian Sung (Credits: Gophoto/Mizar Films)

Accantonata la componente prettamente formale, che non conosce né particolari difetti né sorprendenti eccellenze, soffermiamoci sulla costruzione narrativa e drammaturgica della vicenda, su cui abbiamo maturato più di una perplessità. Pur non conoscendo la versione originale dei fatti narrati, l’impressione è che, paradossalmente, il film sia fin troppo aderente ai ritmi di un avvenimento reale, risultando alle volte eccessivamente dilatato e spoglio di particolari evoluzioni narrative.

Ambientato in pochi giorni, la pellicola si avvale di numerosi flashback per definire il rapporto tra i due fratelli, che fungerà da poderosa spina dorsale della vicenda. A lasciare l’amaro in bocca, oltre ai ritmi eccessivamente blandi, è la scarsa quantità di minuti riservatati alla tematica più interessante della vicenda, che, oltretutto, da anche il titolo all’opera: l’affascinante contraddizione che caratterizza il fervente patriottismo di Aïssa è appena accennata, a differenza delle prevedibili dinamiche familiari che non eccellono per originalità.

Pour la France è un film che, a prescindere dalle ottime interpretazioni e da un comparto tecnico coerente e corretto, ci dimenticheremo fin troppo in fretta ma, grazie al quale, abbiamo potuto riflettere su quanto sia complicato per un autore narrare una storia realmente accaduta, piegandola alle esigenti regole del racconto cinematografico.

Sintesi

Il quarto lungometraggio di Rachid Hami, oltre ad essere un dolce omaggio ad una tragedia personale, non riesce mai veramente a raggiungere quella costruzione emotiva necessaria a segnare davvero lo spettatore ma, soprattutto, si dimentica del tutto di analizzare una tematica davvero attuale e ricca di spunti drammaturgici.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Pour la France recensione film di Rachid Hami [Venezia 79]Il quarto lungometraggio di Rachid Hami, oltre ad essere un dolce omaggio ad una tragedia personale, non riesce mai veramente a raggiungere quella costruzione emotiva necessaria a segnare davvero lo spettatore ma, soprattutto, si dimentica del tutto di analizzare una tematica davvero attuale e ricca di spunti drammaturgici.