L'ufficiale e la spia

L’ufficiale e la spia recensione [Venezia 76]

L’ufficiale e la spia recensione del film di Roman Polanski con Jean Dujardin, Louis Garrel, Emmanuelle Seigner e Grégory Gadebois

Cinema come terapia, storie per la catarsi, lo schermo per una richiesta di perdono: L’ufficiale e la spiaJ’accuse di Roman Polanski sbanca tutto, e si pone come una delle opere più riuscite e personali del genio polacco. Perché è purissimo cinema, sì, ma è anche e forse soprattutto una confessione personale che si traveste da ricostruzione storica. E proprio in questo sottile, profondissimo interstizio si inserisce la storia di Alfred Dreyfus, capitano di Stato Maggiore nella Francia della seconda metà dell’Ottocento, accusato di essere una spia tedesca e difeso dal solo Georges Picquart, ufficiale di carriera, che si vide travolgere carriera e vita pur di difendere un ideale, la strenua difesa della verità.

L'ufficiale e la spia di Roman Polanski
L’ufficiale e la spia di Roman Polanski

Polanski è stato autore eccellente di thriller metafisici, horror surreali, complotti internazionali e commedie grottesche: ma ha sempre messo al centro della sua ricerca filmica la Verità, o meglio quella verità che viene costantemente messa in discussione, perennemente inseguita e nascosta da un Mistero immanente, dall’enigma della vita. Le sue vicissitudini personali sono spesso tracimate nel cinema: i suoi dolori e i suoi errori hanno colorato le sue storie e riempito emotivamente le sue opere, ma raramente in passato è stato così lampante l’utilizzo del cinema come mezzo di confessione, raramente l’occhio del regista ha rivelato il suo sguardo personale su fatti oggettivamente narrati, un vestito che calza perfettamente, uno stile che sa farsi tutt’uno con la vita che racconta.

Emmanuelle Seigner e Jean Dujardin
Emmanuelle Seigner e Jean Dujardin in L’ufficiale e la spia di Roman Polanski

Jean Dujardin
Jean Dujardin in L’ufficiale e la spia – J’accuse

L’ufficiale e la spia – J’accuse parte con un lungo piano americano, uno dei migliori degli ultimi anni: una ricostruzione scenica maestosa si incastra perfettamente con lo stile plumbeo de L’inquilino del terzo piano, e gli sguardi, le espressioni, i volti e i movimenti degli attori in scena si fanno racconto. J’accuse è uno dei risultati più lampanti, luminosi, lucidi, della poetica di Polanski: duro e diretto, si snoda nelle sue varie fasi da detection rendendo appassionante una storia già nota, facendo partecipare lo spettatore che, pur se la fine è nota, rimane ancorato al destino dei personaggi in campo.

L'ufficiale e la spia - J'accuse
L’ufficiale e la spia di Roman Polanski

C’è come sempre Hitchcock, quando lo sguardo di Roman autore si posa sui suoi attori: e c’è tanto cinema quando ripercorre le storie dentro le storie, ricostruisce un abile gioco di specchi confondendo realtà e finzione, edifica come scatole cinesi le sue sequenze che tirano dritte fino al tesissimo finale. Servito egregiamente da Jean Dujardin e Louis Garrel, Polanski scrive e dirige un dramma storico che si dissolve e lascia il dolore di un dramma personale, sfumato tra le pieghe della verità.

E restano solo gli occhi dolorosi, chiusi aperti di Emmanuelle Seigner, musa e attrice: trait d’union, catena indissolubile per collegare vero e falso, per misurare la lunghezza e la durata del dolore.

Gianlorenzo

Sintesi

L'ufficiale e la spia - J’accuse di Roman Polanski si pone come una delle opere più riuscite e personali del genio polacco. Purissimo cinema e confessione che si traveste da ricostruzione storica, Polanski dirige un dramma storico che si dissolve e lascia il dolore di un dramma personale, sfumato tra le pieghe della verità.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

The Wilds recensione serie TV di Sarah Streicher con Rachel Griffiths [Amazon Prime Video Anteprima]

The Wilds recensione serie TV di Sarah Streicher con Rachel Griffiths, Sophia Ali, Shannon Berry, Jenna Clause, Reign Edwards, Mia Healey e Sarah Pidgeon Quando un gruppo...

Kiss Kiss Bang Bang recensione film di Shane Black con Robert Downey Jr. e Val Kilmer [Flashback Friday]

Kiss Kiss Bang Bang recensione del film di Shane Black con Robert Downey Jr., Val Kilmer, Michelle Monaghan, Shannyn Sossamon e Corbin Bernsen Nel 1983, a...

Quarto potere recensione film di e con Orson Welles

Quarto potere recensione del film diretto e interpretato da Orson Welles con Joseph Cotten, Erskine Sanford, Dorothy Comingore, Ray Collins, Everett Sloane e William...

Cinema News del 4 dicembre [Rassegna Stampa]

Warner Bros. fa il grande passo La Fatale Hilary Swank Si arricchisce il cast di Hawkeye Cynthia Erivo e la Regina Vittoria La...

Il magico mondo della saga Harry Potter al cinema: origini storia e curiosità [Throwback Thursday]

La saga cinematografica di Harry Potter è sicuramente una delle più amate dai bambini (e dagli adulti). Ricordiamone insieme origini, storia e curiosità Ormai il...

Kadaver recensione film di Jarand Herdal con Gitte Witt [Netflix]

Kadaver recensione film di Jarand Herdal con Gitte Witt, Thomas Gullestad, Thorbjørn Harr, Maria Grazia Di Meo e Gjermund Gjesme disponibile su Netflix Nel futuro distopico...

Cinema News del 3 dicembre [Rassegna Stampa]

Emma Stone lascia Babylon Gal Gadot ha un cuore di pietra Jason Statham di nuovo spia Jason Statham di nuovo criminale Hawkeye ha...

Sebastian Jones: intervista al filmmaker e montatore di Terrence Malick

Intervista a Sebastian Jones, regista e montatore di Terrence Malick noto per Everybody's Everything, La vita nascosta - Hidden Life e Song to Song Sebastian...

Blackpink: Light Up the Sky recensione film documentario sulla K-pop band Blackpink [Netflix]

Blackpink: Light Up the Sky recensione documentario di Caroline Suh con Jennie Kim, Ji-soo Kim, Lalisa Manoban e Rosé dedicato alla K-pop band Blackpink Il...

Cinema News del 2 dicembre [Rassegna Stampa]

Il trailer di The Mauritanian Il making of de Il Padrino… Parte Seconda Jada Pinkett Smith in Redd Zone Il nuovo Van Helsing ...