L'indice della paura

L’indice della paura recensione serie TV con Josh Hartnett e Leila Farzad [Sky Anteprima]

L'indice della paura, la serie TV di Sky Atlantic che sviscera la paura e la rende reale in un thriller pieno di mistero. La recensione

L’indice della paura recensione serie TV Sky di David Caffrey, Paul Andrew Williams e Caroline Bartleet con Josh Hartnett, Leila Farzad, Arsher Ali, Grégory Montel, Aïssa Maïga e Jerry Killick

Arriva su Sky Atlantic la miniserie tratta dal best seller di Robert Harris, L’indice della paura, adrenalinico thriller che, con i suoi quattro episodi, accende i riflettori sulla paura e la declina in tutte le sue forme più moderne. Le sue puntate sono disponibili anche in streaming sulla piattaforma NOW.

Alex Hoffman (Josh Hartnett) è un ricco imprenditore informatico che, con l’aiuto del suo migliore amico e socio Hugo (Arsher Ali), si inserisce nel mondo delle speculazioni economiche. Il suo genio gli ha, infatti, permesso di creare un algoritmo in grado di prevedere gli andamenti del mercato. Ma qualcosa inizia a cambiare nella sua vita nel momento in cui un uomo, nel cuore della notte, cerca di entrare in casa sua. Questo evento darà il via a un’escalation di eventi che coinvolgeranno l’uomo, e tutte le persone intorno a lui, in una fitta rete avvolta nel mistero.

Josh Hartnett
Josh Hartnett (Credits: Sky)
Leila Farzad
Leila Farzad (Credits: Sky)

La paura, come dichiara il titolo della serie stessa, è l’argomento intorno alla quale la trama della serie ruota. La penna di Robert Harris ha creato una storia in grado di eviscerare questo sentimento, inserendolo in un contesto tanto reale quanto immaginifico. Per capire meglio il contesto, siamo in un ambiente che segue un po’ quello stesso filone narrativo che ha reso famosa la serie TV inglese Black Mirror. La distopia nella quale la tecnologia la fa da padrona e se questa è connotata nel riconoscere e sfruttare solo un sentimento, cioè la paura, tutto può presto trasformarsi in un incubo.

Uno scontro tra Frankenstein e il suo mostro, nella quale l’uomo – Alex stesso nel nostro caso – è costretto a metter in dubbio la propria sanità mentale. Lui, del resto, è l’unico che ha dato tutti gli ordini, l’unico che aveva l’opportunità di architettare tutto ciò che lo vedrà coinvolto. Un conflitto archetipale nella quale vediamo la fragilità della psiche umana che viene frantumata. Il dubbio, così, si insinua dietro la ragione e dietro l’amore. Il timore, il dubbio, la paura, il buio e la mancanza di conoscenza che realizzano un po’ il mito della caverna di Platone.

Josh Hartnett e Arsher Ali
Josh Hartnett e Arsher Ali (Credits: Sky)
L'indice della paura recensione serie TV Sky con Josh Hartnett e Leila Farzad
Josh Hartnett (Credits: Sky)

Tutti i personaggi, in un modo o nell’altro, sono mossi dalla paura. Questo sentimento è uno dei più forti nell’animo umano e, molto spesso, ci spinge a prendere una decisione piuttosto che un’altra. Le paure umane, non importa la loro natura, sono quelle che muovono la narrazione, introducendo lo spettatore all’interno di un mondo non facile da trattare. L’indice della paura, infatti, non si perde mai in paroloni o in termini fin troppo specifici del mondo finanziario. Tutto ciò che viene trattato lo si può intendere e comprendere semplicemente attraverso la logica, ma comunque non resta essenziale e fondamentale all’interno di ciò che avviene.

Nonostante la narrazione si dispieghi in quattro ore circa, il tempo della diegesi è composto da una sola giornata. Quindi si ha modo di vedere come in un lasso di tempo ristretto la vita di un uomo possa andare tanto facilmente in pezzi.

Non sappiamo se sarà realizzata una seconda stagione, possiamo presupporlo dal cliffhanger finale. Sarebbe, del resto, interessante vedere le possibili evoluzioni di questa storia per poter comprendere fin dove gli autori della serie vorranno spingersi.

Sintesi

In soli quattro episodi la serie basata sul romanzo di di Robert Harris riesce a trovare il suo respiro. Crea una storia, ha il suo sviluppo e la sua conclusione. Nonostante, infatti, crediamo che possa essere interessante la creazione di un’altra stagione, la quantità di paure e di timore mostrate riesce ad essere esaustiva. Non si cade mai nella banalità, né si rischia di eccedere con linguaggi non comprensibili al pubblico più vasto. L’indice della paura sviscera le paure dell’animo umano in un contesto realistico nonostante il mistero che lo avvolge.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

In soli quattro episodi la serie basata sul romanzo di di Robert Harris riesce a trovare il suo respiro. Crea una storia, ha il suo sviluppo e la sua conclusione. Nonostante, infatti, crediamo che possa essere interessante la creazione di un’altra stagione, la quantità di paure e di timore mostrate riesce ad essere esaustiva. Non si cade mai nella banalità, né si rischia di eccedere con linguaggi non comprensibili al pubblico più vasto. L’indice della paura sviscera le paure dell’animo umano in un contesto realistico nonostante il mistero che lo avvolge. L'indice della paura recensione serie TV con Josh Hartnett e Leila Farzad [Sky Anteprima]