I profumi di Madame Walberg

I profumi di Madame Walberg recensione film di Grégory Magne Emmanuelle Devos [Anteprima]

I profumi di Madame Walberg recensione film di Grégory Magne con Emmanuelle Devos, Grégory Montel, Gustave Kervern, Zélie Rixhon e Sergi López

Tra i cinque sensi l’olfatto è, insieme al gusto, il più difficile da “esplorare” dal punto di vista cinematografico. Guardando indietro, ci sono stati degli esperimenti per unire l’esperienza olfattiva a quella visiva e sonora, rivelatisi poi del tutto fallimentari. I profumi di Madame Walberg, distribuito da Satine Film, pone al centro della sua storia l’importanza dell’olfatto e delle sue sfumature, il film di Grégory Magne racconta la storia dell’amicizia tra Madame Walberg (Emmanuelle Devos) e Guillaume (Grégory Montel). La prima è un’altezzosa e sfuggente creatrice di profumi, il secondo è il suo pratico autista e tuttofare.

MadMass.it consiglia by Amazon

Il genere cinematografico in cui si allinea I profumi di Madame Walberg è preciso e molto nutrito: una strana coppia che per motivi più o meno casuali è costretta alla condivisione di tempi e spazi, da cui consegue una serie di incontri/scontri e allontanamenti/riavvicinamenti.

Emmanuelle Devos
Emmanuelle Devos (Credits: Satine Film)

Il film di Grégory Magne non fa eccezione, i personaggi seguono lo schema fisso già ampiamente rodato senza purtroppo uscire dalla loro comfort zone. In ogni caso, la pellicola si muove con toni eleganti in un racconto che risulta sicuramente gradevole e in cui la prevedibilità della narrazione viene difatti superata dalle buone dosi di umorismo che rendono la pellicola scorrevole e piacevole. I tocchi ironici tipici della commedia francese risultano sempre calzanti senza mai eccedere né risultare ridondanti.

Lei ha un buon olfatto, lui ha fiuto” così il regista descrive i suoi protagonisti e, come accennato, è il loro rapporto ad essere al centro del film. Se il primo ad essere presentato è Guillaume, la vera protagonista è Madame Walberg. Chiusa nella sua profumatissima e oscura bolla, è una sorta di diva ormai decaduta costretta a svolgere lavori decisamente al di sotto delle sue possibilità e limitata in un auto-isolamento dettato dalla paura. Elegante ed altezzosa, non è però un personaggio semplice da amare: inizialmente appare burbera verso chiunque e qualsiasi cosa, tranne i suoi profumi.

Emmanuelle Devos e Grégory Montel
Emmanuelle Devos e Grégory Montel (Credits: Satine Film)

Il legame tra la protagonista e le fragranze da lei create è descritto in modo preciso tanto da far immaginare l’odore delle sue creazioni. Il regista riesce così a raccontare un lavoro non comune con grande semplicità e riuscendo a coinvolgere sufficientemente lo spettatore. Anche Guillaume è chiuso nei limiti che si è auto-imposto e proprio come Madame Walberg deve uscirne fuori. Risultano perfettamente calzanti le sequenze al ristorante e sul tosaerba: è in questi due punti che i personaggi – nella prima Madame Walberg e nella seconda Guillaume – sembrano sbloccarsi definitivamente.

Non è mai semplice realizzare un film su un’amicizia uomo-donna senza che questa sfoci in amore e in facili sentimentalismi e il regista Grégory Magne, che ha curato anche la sceneggiatura, riesce a dare vita ad una pellicola non particolarmente ambiziosa ma che ha però il merito di lasciare grande leggerezza e buonumore in chi la guarda.

I profumi di Madame Walberg recensione film di Grégory Magne con Emmanuelle Devos
I profumi di Madame Walberg: il poster (Credits: Satine Film)

Sintesi

Diretto da Grégory Magne, I profumi di Madame Walberg è un film nel quale i personaggi seguono uno schema fisso già ampiamente rodato senza, purtroppo, uscire dalla loro comfort zone. Tuttavia, la pellicola si muove con toni eleganti in un racconto gradevole e in cui buone dosi di umorismo regalano allo spettatore leggerezza e buonumore.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli