Just Beyond

Just Beyond recensione serie TV di Seth Grahame-Smith con Mckenna Grace [Disney+ Anteprima]

Just Beyond recensione serie TV Disney+ di Seth Grahame-Smith con Mckenna GraceLexi Underwood, Cedric Joe, Tim HeideckerRiki Lindhome, Leeann Ross, Gabriel Bateman, Megan Stott e Rachel Marsh

Serie antologica in otto episodi, ispirata all’omonima graphic novel di R.L. Stine ed edita da BOOM! StudiosJust Beyond debutterà sulla piattaforma Disney+ il 13 ottobre.

Otto storie che mescolano realtà ed elementi di fantasia, sci-fi e horror per raccontare le sfide degli adolescenti di oggi, le loro paure e le difficoltà nel relazionarsi con i coetanei e gli adulti. Just Beyond si inserisce perfettamente nella lunga lista di prodotti targati Disney rivolti al pubblico preadolescenziale: i protagonisti della serie hanno tutti e tutte tra i 13 e il 16 anni, sono iperconnessi sui social, comunicano tramite app e hanno un disagio interiore che la serie rende manifesto sotto forma di demoni, mostri o situazioni al limite del paranormale.

Jy Prishkulnik, Rachel Marsh e Sarah Borne
Jy Prishkulnik, Rachel Marsh e Sarah Borne (Credits: Disney+)
Lexi Underwood
Lexi Underwood (Credits: Disney+)

Ecco che Fiona (Rachel Marsch), protagonista dell’episodio 4 Which Witch deve fare i conti con la propria identità di strega, in una scuola dove è l’unica ad avere poteri magici. L’elemento innovativo dell’episodio è che tutti sanno dell’esistenza delle streghe e ne accettano la presenza, ma la magia e di conseguenza individui come Fiona, dotati di poteri magici, sono percepiti come esotici, una cultura esterna e diversa da quella dominante (i senza poteri in questo caso) da studiare e osservare al microscopio, emulandone gli aspetti più commerciabili e rischiando così di feticizzarla. L’arrivo della cugina di Fiona, Luna (Jy Prishkulnik) dimostra questa teoria, soprattutto perché mentre quest’ultima mostra tutti gli aspetti del suo essere strega e ne rivendica orgogliosamente la potenza, Fiona non riesce ancora a essere completamente se stessa e preferisce mostrare il suo lato magico solo nella misura in cui sa che potrà essere accettato e benvoluto dai coetanei e professori, ancorati a un’idea di magia commercializzata e privata dei suoi significati più profondi.

Al disagio che si prova nel non essere come gli altri e il conseguente desiderio di vedersi più alla moda, belli, adulti è dedicato l’episodio 5 Unfiltered in cui la protagonista Lily (Izabela Vidovic) è una studentessa liceale timida, che ama partecipare alle gare di cultura con la migliore amica Carmen (Jordan Sherley). Ma il desiderio di somigliare alla bella e spigliata Harper (Leela Owen) e attirare le attenzioni di Ben (Connor Christie) la spingono ad accettare l’aiuto della nuova professoressa di arte, Ms. Fausse (Christine Ko) e a utilizzare un’app che non modifica il suo aspetto solo nelle foto, ma anche nella realtà. Peccato che la situazione le sfugga di mano e Lily dovrà affrontare Ms. Fausse (che anche nel nome ricorda il mefistofelico Dottor Faust) e riprendersi il suo vero io.

Mckenna Grace
Mckenna Grace (Credits: Disney+)

L’autoaffermazione del proprio sé, quando non rientra nei binari imposti dalla società, è al centro dell’episodio 1 Leave Them Kids Alone in cui Veronica (Mckenna Grace) è costretta a frequentare un collegio femminile in cui vengono mandate tutte le ragazze ribelli. Dallo scontro con la Preside dell’Istituto, Miss Genevieve (Nasim Pedrad), Veronica apprende una terrificante verità: le altre studentesse con i loro capelli perfettamente in ordine, le divise tutte inamidate e atteggiamento sottomesso sono tutte state manipolate e sottoposte a un processo di lavaggio del cervello che oltre a mettere in ordine i loro capelli, riordina ciò che gli altri percepivano come disordine e ribellione, fino ad annullare completamente la loro personalità.

Al rapporto con gli adulti, genitori o simili, sono dedicati, invece gli episodi 2 e 8. Nell’episodio 2 Parents Are From Mars, Kids Are From Venus l’elemento fantascientifico è piegato all’esigenza di mostrare come, talvolta, non sono soltanto gli adulti a non comprendere i ragazzi, ma anche l’opposto.
Anche nell’episodio 8 The Treehouse il legame tra l’adolescente Sam (Cedric Joe) e sua madre è filtrato dall’elaborazione del lutto per la perdita del padre e dal legame con la casa sull’albero che hanno costruito insieme.

Just Beyond recensione serie TV Disney+ con Mckenna Grace
Megan Stott (Credits: Disney+)

Infine, Just Beyond affronta, sempre in chiave disneyana, il disagio psichico e il trauma dell’affrontare il divorzio tra i genitori, punto centrale dell’episodio 4 My Monster che vede protagonista Megan Stott nel ruolo di Olivia, ragazza di quattordici anni che si trasferisce in una nuova casa con il fratellino e la madre, dopo il divorzio dei suoi. Qui scopre che la casa è infestata da una presenza, un uomo mascherato che le appare quando l’ansia e la paura la sommergono. Olivia scoprirà che lo stesso mostro visitava sua madre e sua nonna quando vivevano nella stessa casa e che, anche da adulte, talvolta anche a loro capita di rivederlo. L’episodio mostra, prendendo le distanze dal concetto di positività tossica per cui “se vuoi, puoi“, che i nostri demoni ci accompagnano spesso, sono davanti a noi nei momenti meno opportuni, ma più che presenze esterne da allontanare, essi sono parte di noi, del nostro vissuto. Facendo nostro il trauma, il dolore che abbiamo riusciamo a conviverci e anche se non è detto che lo allontaneremo mai davvero, potremmo imparare a viverlo con maggiore serenità.

Just Beyond si avvale di un team di sceneggiatori e registi di tutto rispetto, guidati da Seth Grahame-Smith, grazie al quale crea un prodotto curato, adatto al pubblico di riferimento, di cui riprende codici e linguaggi e riesce a mostrare le difficoltà dell’essere adolescenti in un mondo che ti vorrebbe già adulto. Una serie che, attraverso l’uso di generi come l’horror e la fantascienza racconta la cosa più spaventosa di tutte: crescere.

Sintesi

Just Beyond è l'ultimo arrivo in casa Disney+ dedicato al mondo dei preadolescenti. Sfruttando i generi dell'horror, della fantascienza e del paranormale attraverso otto storie antologiche, la serie racconta con profondità e tatto le difficoltà degli adolescenti di oggi nel rapportarsi con gli adulti e con se stessi, mentre affrontano l'avventura più spaventosa di tutte: crescere.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Just Beyond è l'ultimo arrivo in casa Disney+ dedicato al mondo dei preadolescenti. Sfruttando i generi dell'horror, della fantascienza e del paranormale attraverso otto storie antologiche, la serie racconta con profondità e tatto le difficoltà degli adolescenti di oggi nel rapportarsi con gli adulti e con se stessi, mentre affrontano l'avventura più spaventosa di tutte: crescere.Just Beyond recensione serie TV di Seth Grahame-Smith con Mckenna Grace [Disney+ Anteprima]