Il mostro di St. Pauli

Il mostro di St. Pauli recensione

Il mostro di St. Pauli recensione film di Fatih Akın con Jonas Dassler, Adam Bousdoukos, Margarete Tiesel, Greta Sophie Schmidt, Katja Studt e Marc Hosemann

In Europa si parla relativamente poco di serial killer o quanto meno sono davvero pochi i film dedicati a queste personaggi, anche perché il “mito” di questa figura pericolosa si accosta principalmente a un fenomeno tutto statunitense. Tuttavia anche il vecchio continente ha i suoi mostri, e recentemente, nel 2019, è stato presentato al Festival di Berlino un film di genere, cioè Il mostro di St. Pauli, tratto dal romanzo di Heinz Strunk
intitolato Il guanto d’oro. La storia narra di un serial killer realmente esistito di nome Fritz Honka ed è ambientata ad Amburgo negli anni Settanta.

Nel grottesco mondo di un serial killer

Diretto da Fatih Akın, Il mostro di St. Pauli racconta in un realismo quasi grottesco le giornate di questo inquietante, piccolo e deforme uomo, costantemente ossessionato dal sesso, dalle donne e con gravi problemi di alcolismo e questo non fa altro che accentuare la sua aggressività e libido. Di solito siamo abituati a vedere una vera e propria narrazione sul personaggio, le motivazioni che lo spingono a uccidere e in che modo, come si rapporta con gli altri e stralci del suo passato per comprendere come l’uomo sia poi diventato un mostro: anche se romanzati, ci si aspetta sempre una pseudo lezione di criminologia.

Il mostro di St. Pauli recensione
Il mostro di St. Pauli di Fatih Akın con Jonas Dassler
Greta Sophie Schmidt
Greta Sophie Schmidt

All’opposto, il film di Fatih Akın è crudo e realista all’inverosimile, sembra non esserci
una vera trama di fondo quanto piuttosto assistiamo in prima fila alla plateale esibizione delle grottesche voglie di Honka, senza tante spiegazioni. Un film a tratti disgustoso, talmente da renderne difficile la visione a meno che non abbiate lo stomaco abbastanza forte da resistere fino all’ultima scena.

Ciò che resta impresso in positivo in questo racconto è l’attore protagonista che interpreta
Honka, Jonas Dassler, abile interprete seppur molto giovane, classe 1996, autore di un’interpretazione magistrale supportata da un ottimo makeup che lo trasforma in un uomo maturo dal viso provato e grottesco.

Di rado si vedono attori di giovane età azzardare tale livello interpretativo, modificando
drasticamente il proprio aspetto (da attraente a sgradevole), ma anche mostrando una disarmante sicurezza e un intenso realismo davanti a scene assai crude, capace di trasmettere orrore, disgusto e disagio allo stesso tempo.

Jonas Dassler
Jonas Dassler
Il mostro di St. Pauli recensione
Il mostro di St. Pauli di Fatih Akın con Jonas Dassler

Sintesi

Con Il mostro di St. Pauli Fatih Akın mette in scena una visione sin troppo ravvicinata e splatter del serial killer Fritz Honka, tralasciando narrazione e contesto per soffermarsi sulle azioni macabre e disgustose perpetrate dal mostro, interpretato con bravura dal giovane Jonas Dassler.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Con Il mostro di St. Pauli Fatih Akın mette in scena una visione sin troppo ravvicinata e splatter del serial killer Fritz Honka, tralasciando narrazione e contesto per soffermarsi sulle azioni macabre e disgustose perpetrate dal mostro, interpretato con bravura dal giovane Jonas Dassler.Il mostro di St. Pauli recensione