Il lago delle oche selvatiche

Il lago delle oche selvatiche recensione

Il lago delle oche selvatiche è il secondo lungometraggio di Diao Yinan, un noir sulla malavita dei sobborghi di Wuhan.

Il lago delle oche selvatiche recensione film di Diao Yinan con Hu Ge, Gwei Lun-mei, Liao Fan, Wan Qian, Qi Dao e Chloe Maayan

Ne Il lago delle oche selvatiche ci sono guardie e ladri, inseguitori e inseguiti: personalità ben distinte e agli antipodi, ma alle volte il filo che li distingue è sempre più labile. In concorso alla settantaduesima edizione del Festival di Cannes, Il lago delle oche selvatiche è il secondo lungometraggio di Diao Yinan dopo il famoso Fuochi d’artificio in pieno giorno, vincitore dell’Orso d’oro a Berlino.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Zhou Zenong interpretato da Hu Ge
Zhou Zenong interpretato da Hu Ge

Il lago delle oche selvatiche recensione
The Wild Goose Lake di Diao Yinan

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Ci troviamo a Wuhan e Zhou Zenong (la star televisiva Hu Ge), appena uscito di prigione, viene immediatamente coinvolto in una lite fra bande rivali e per sbaglio uccide un membro delle forze dell’ordine, diventando così l’uomo più ricercato del Paese con una taglia sulla sua testa di ben 300.000 yuan.

Zhou non sarà da solo in questa fuga: il suo boss gli fa recapitare un messaggio tramite Liu (Gwei Lun-mei), una “signorina da spiaggia”, così chiamata perché la prostituzione veniva fatta proprio sulle sponde del lago delle oche selvatiche. I due affronteranno insieme questa caccia all’uomo, entrambi con l’unico obiettivo di ritrovare la libertà e perché no anche l’amore. Zhou cerca la moglie ma è Liu che si innamorerà di lui.

The Wild Goose Lake di Diao Yinan
The Wild Goose Lake di Diao Yinan

Chloe Maayan ne Il lago delle oche selvatiche
Chloe Maayan

Con Il lago delle oche selvatiche Diao Yinan, come Bong Joon-ho, ci racconta un sobborgo di Wuhan: una realtà governata dalla criminalità e da un popolo che non conosce la redenzione. Eppure, nonostante la lucubre ambientazione e il tema noir, la regia ci regala un’immagine curata e impeccabile.

Il lungometraggio è un sapiente mix di elementi: l’uso della luce al neon ispirata a The Neon Demon di Refn, un montaggio serrato e incalzante simile ad un servizio del telegiornale quando si tratta di inseguimenti e violenza splatter contrapposto a momenti di dilatazione temporale e contemplazione di spazi vuoti come unico momento di riflessione esistenziale che hanno come riferimento il cinema di Jia Zhangke e Wong Kar-wai.

Con Il lago delle oche selvatiche Diano Yinan si dimostra ancora una volta capace di raccontare il dolore e i dubbi dell’uomo comune ricordandoci come, in fondo, si scappa sempre da qualcosa.

Il lago delle oche selvatiche recensione
Zhou Zenong interpretato da Hu Ge

Sintesi

Il lago delle oche selvatiche è un film intenso, che ricerca l'intimo pensiero dell'uomo pur rimanendo un noir a tratti splatter. La regia di Diao Yinan coniuga sapientemente momenti cruenti con un montaggio veloce a momenti di riflessione e dilatazione temporale con la contemplazione di spazi vuoti.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Siberia recensione film di Abel Ferrara [Venezia 77]

Siberia recensione film di Abel Ferrara con Willem Dafoe, Dounia Sichov, Simon McBurney, Cristina Chiriac e Valentina Rozumenko Voglio vedere se possiamo raffigurare cinematograficamente...

Il re di Staten Island recensione

Il re di Staten Island recensione film di Judd Apatow con Pete Davidson, Marisa Tomei, Steve Buscemi, Bill Burr, Bel Powley, Maude Apatow e...

Cine Rassegna Stampa del 12 agosto

Cine Rassegna Stampa del 12 agosto: il prequel drammatico di Willy il Principe di Bel-Air, la trilogia Fear Street sbarca su Netflix, il trailer...

Lovecraft Country recensione serie TV Episodi 1-5 [Anteprima]

Lovecraft Country recensione della serie TV di Misha Green con Jurnee Smollett, Jonathan Majors, Courtney B. Vance, Aunjanue Ellis, Abbey Lee, Jada Harris, Wunmi Mosaku,...

Cine Rassegna Stampa 11 agosto

Cine Rassegna Stampa 11 agosto: Jared Leto protagonista del terzo capitolo di Tron e del biopic su Andy Warhol, Madonna e Diablo Cody per...

Cine Rassegna Stampa del 10 agosto

Cine Rassegna Stampa del 10 agosto: Ben Affleck alla regia di The Big Goodbye sulla storia della realizzazione di Chinatown, Jonas Cuarón dirige un...

Caleb recensione [Anteprima]

Caleb recensione del film diretto ed interpretato da Roberto D'Antona con Annamaria Lorusso, Francesco Emulo, Alex D'Antona, Nicole Blatto e Natalia Moro Quello di Roberto D'Antona...

Il buono, il brutto, il cattivo recensione

Il buono, il brutto, il cattivo recensione del terzo capitolo della Trilogia del Dollaro di Sergio Leone con Clint Eastwood, Lee Van Cleef ed Eli...

Mio zio recensione [Flashback Friday]

Mio zio recensione del film diretto e interpretato da Jacques Tati con Alain Bécourt, Jean-Pierre Zola e Adrienne Servantie Il cinema di Jacques Tati (Giorno di...

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto: i trailer di Sto pensando di finirla qui di Charlie Kaufman e di Judas and the Black Messiah...