Hammamet

Hammamet recensione

Hammamet recensione del film di Gianni Amelio con Pierfrancesco Favino, Livia Rossi, Luca Filippi, Renato Carpentieri, Claudia Gerini e Silvia Cohen

Un sorprendente Pierfrancesco Favino veste i panni di Bettino Craxi, leader del Partito Socialista Italiano prima di cadere in disgrazia a seguito dell’inchiesta Tangentopoli, nel nuovo film di Gianni Amelio, Hammamet. Frutto di una collaborazione fra RAI Cinema e Pepito Produzioni, Hammamet prende il titolo dal nome della città in cui si trovava la villa in Tunisia in cui Craxi si rifugiò negli ultimi anni della sua vita, rifiutandosi risolutamente di tornare in Italia dove avrebbe rischiato il carcere. Piuttosto che soffermarsi sul momento dello scandalo, culminato con il lancio delle monetine al Raphael, o al contrario sul momento del maggior successo di Craxi come statista, il braccio di ferro con gli USA a Sigonella, Amelio e il suo co-sceneggiatore Alberto Taraglio, dopo un incipit che mostra un comizio del PSI all’apice del potere, si sono soffermati sulla sua graduale agonia e sul rapporto con la figlia.

Pierfrancesco Favino è Bettino Craxi in Hammamet
Pierfrancesco Favino è Bettino Craxi in Hammamet

Nel tratteggiare il rapporto con la figlia di Craxi, interpretata da Livia Rossi, Amelio si è dichiaratamente ispirato ai modelli classici del rapporto fra Elettra e Agamennone, fra Cassandra e Priamo e fra Cordelia e Re Lear. Amelio ha scelto di non far mai pronunciare né il nome di Craxi “perché è talmente evidente che stiamo parlando di lui che non serve nominarlo”, né quello di altri personaggi storici o fittizi come il figlio, la moglie, la sua amante “storica” interpretata da Claudia Gerini o il democristiano ritirato di Renato Carpentieri; gli unici personaggi che hanno un nome sono appunto la figlia del “Presidente”, chiamata nel film Anita anche se nella realtà si chiama Stefania Craxi, Vincenzo (Giuseppe Cederna), l’unico politico socialista che cerca di avvisare Craxi dell’imminente inchiesta e che si suiciderà dopo lo scoppio dello scandalo, e Francesco (Luca Filippi), il figlio psicotico di Vincenzo che dopo la morte del padre si reca ad Hammamet con una pistola per interloquire, e forse anche per sparare, a Craxi.

Livia Rossi interpreta Stefania Craxi
Livia Rossi interpreta Stefania Craxi (Ph. Claudio Iannone)

Il film è ambientato e girato in buona parte in Tunisia, dove la famiglia Craxi ha concesso l’utilizzo della vera villa di Hammamet. Pur non volendo indugiare in banalità non si può mancare di sottolineare il risultato eccezionale raggiunto dal truccatore Andrea Leanza, che con il suo team ha applicato su Favino un make-up prostetico credibilissimo, dello stesso tipo di quello usato su Gary Oldman per L’ora più buia. Né si può mancare di sottolineare come, appena sei mesi dopo Il traditore, Pierfrancesco Favino ribadisce il suo strabiliante talento mimetico, che lo conferma come il miglior attore della sua generazione dopo Gifuni; il ruolo di Craxi non ha la stessa ampiezza emotiva di Tommaso Buscetta – il suo carattere resta pressocché immutato dall’inizio alla fine – ma Favino ha saputo calibrare alla perfezione ogni gesto, ogni parola, ogni smorfia. “Senza Favino questo film non l’avrei potuto fare”, ha commentato Gianni Amelio durante la conferenza stampa.

Nonostante il grande impegno di Favino e la derivazione per così dire classica del suo personaggio e di quello della figlia ad Hammamet manca quel qualcosa di profondamente “tragico” – nel senso etimologico del termine – che lo faccia assorgere a un vero e proprio capolavoro. Hammamet presenta una narrazione che procede essenzialmente per giustapposizione, mai per lineare e implacabile concatenazione di eventi o al contrario per singoli episodi significativi come altri biopic del calibro di Steve Jobs di Danny Boyle o del capolavoro Mishima di Paul Schrader. Il personaggio del tutto fittizio di Francesco, a cui pure è dedicato spazio non marginale e che Amelio ha definito “appartenente all’anima thriller del racconto”, non è stata l’aggiunta romanzesca meglio riuscita del film.

Pierfrancesco Favino e Gianni Amelio
Pierfrancesco Favino e Gianni Amelio (Ph. Claudio Iannone)

La fotografia, curata dal figlio adottivo del regista Luan Amelio Ujkaj, sarebbe ottima per un prodotto televisivo, non è particolarmente incisiva per un film da grande schermo; anche il montaggio delle musiche di Nicola Piovani, che per l’occasione ha riarrangiato e spezzettato l’Internazionale, a volte è un po’ fastidioso ed eccessivamente presente durante i dialoghi fra i personaggi. Risulta spontaneo, per vari motivi, il paragone con Loro di Paolo Sorrentino: i film sono accomunati da un’indagine sul potere interessata al momento della decadenza, e dalla comune ambientazione “bucolica”, e nel film di Amelio Silvio Berlusconi compare brevemente in TV come se ambisse a prendere il potere che Craxi ha perso; nondimeno il film di Sorrentino risulta più riuscito, perché accanto all’approfondimento psicologico del suo protagonista e delle sue vicende private ha saputo ritrarre con maggiore efficacia il suo entourage, il suo magnetismo e il suo disfarsi.

Hammamet può però vantarsi di una sequenza particolarmente originale e inattesa: si trova quasi alla fine del film, e in essa fa un’ultima graditissima comparsa l’attore Omero Antonutti, scomparso lo scorso novembre, nel ruolo del padre di Craxi, prima che tutto svanisca in fumo e Berlusconi al potere prosegua una Seconda repubblica per molti versi ancora più contestata e scandalosa della prima.

Ludovico

Hammamet: Il Poster
Hammamet: Il Poster

Sintesi

Un sorprendente Pierfrancesco Favino veste i panni di Bettino Craxi in un biopic che si sofferma sulla sua graduale agonia e sul rapporto con la figlia, ispirato ai modelli classici del rapporto fra Elettra e Agamennone, fra Cassandra e Priamo e fra Cordelia e Re Lear. Hammamet presenta una narrazione che procede essenzialmente per giustapposizione, mai per lineare e implacabile concatenazione di eventi o al contrario per singoli episodi significativi. Nonostante il grande impegno di Favino e la derivazione classica del suo personaggio e di quello della figlia, all'opera di Gianni Amelio manca quel qualcosa di profondamente “tragico” che lo faccia assorgere a un vero e proprio capolavoro.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi [TFF 38]

Regina recensione film di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi, Barbara Giordano e Max Mazzotta al Torino Film Festival 38 Unico alfiere a rappresentare l’Italia...