Full Time

Full Time recensione film di Eric Gravel con Laure Calamy e Anne Suarez [Venezia 78]

Full Time recensione film di Eric Gravel con Laure Calamy, Anne Suarez, Geneviève Mnich, Nolan Arizmendi, Sasha Lemaitre Cremaschi e Cyril Gueï

A tempo pieno e senza tregua: Eric Gravel fotografa la spossatezza di una generazione

Difficile dire cosa sia più angosciante in Full TimeÀ plein temps di Eric Gravel: la corsa senza fine della protagonista per garantire la sopravvivenza della sua famiglia e quella delle sue ambizioni o la strisciante consapevolezza che in questo ritratto c’è molto in cui possiamo riconoscerci.

Laure Calamy
Laure Calamy (Credits: Novoprod Cinema)

Una donna contro un mondo ostile e sfiancante

Laure Calamy interpreta una donna quarantenne francese dalle risorse e dalla tenacia pressoché infinite, messe a dura prova da un mondo circostante la cui unica missione sembra quella di sfiancarla. Si alza prima ancora che sorga il sole, lascia i bambini a un’anziana vicina baby sitter refrattaria e poi corre verso Parigi, dove lavora in un albergo a cinque stelle come cameriera di piano e responsabile dell’organizzazione dello staff dedicato alla pulizia delle stanze. Vivere in città le renderebbe la vita più semplice, ma la donna non vuole far crescere i propri figli in un pollaio, quindi è costretta a un estenuante pendolarismo. La pellicola è ambientata durante il lunghissimo braccio di ferro tra sindacati dei trasporti e governo francese, che qualche tempo fa paralizzò per settimane i trasporti d’Oltralpe. In mezzo c’è la protagonista di Full TimeÀ plein temps, costretta a soluzioni sempre più ingegnose e disperate (furgoni a noleggio, autostop, car sharing, hotel d’infimo livello) per tornare dai suoi figli e presentarsi al lavoro.

Il marito non le paga gli alimenti, i datori di lavoro le contestano i ritardi nonostante la situazione, le persone intorno a lei le chiedono di ridimensionare la sua ambizione. Che vada a vivere a Parigi, che cerchi un lavoro presso un supermercato locale, che smetta di sognare un impiego dignitoso nel settore che le compete: il marketing e le statistiche di mercato.

Laure Calamy
Laure Calamy (Credits: Novoprod Cinema)
Laure Calamy
Laure Calamy (Credits: Novoprod Cinema)

Il cinema francese è una sentinella vigile

Il ritratto femminile e umano che fa il regista Eric Gravel non può che ricordare il cinema dei fratelli Dardenne e in particolare Due giorni, una notte con Marion Cotillard. Anche Full TimeÀ plein temps è un film dal ritmo serrato che insegue la protagonista mentre cerca di stare a galla, di essere una buon madre e di non rinunciare a realizzarsi come professionista. È quasi straziante vedere una persona incarnazione stessa del concetto di problem solving applicare i suoi talenti incredibili per essere all’altezza di una società che la lascia sola e le fa mancare ogni sicurezza e appiglio. Nonostante tutta la sua tenacia e anche la sua disponibilità a compromettere la propria integrità per sopravvivere dignitosamente, è il caso a dire l’ultima parola a Full TimeÀ plein temps, che nella scena finale fa capire che tutto un ventaglio di sinistre possibilità era sul piatto.

Premio per la migliore regia a Eric Gravel e per la migliore attrice protagonista a Laure Calamy nella sezione Orizzonti della Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia 2021, Full TimeÀ plein temps testimonia ancora una volta l’enorme sensibilità sociale del cinema francese, che con film piccoli come questo riesce ad assolvere un ruolo di sentinella rispetto alle derive più preoccupanti della società occidentale, capitalistica e senza pietà.

Full Time recensione film di Eric Gravel con Laure Calamy Venezia 78
Full Time di Eric Gravel con Laure Calamy, Anne Suarez, Geneviève Mnich vincitore della sezione Orizzonti a Venezia 78 (Credits: Novoprod Cinema)

Sintesi

La regia e il comparto artistico - che danno grande dinamismo alla corsa senza fine della protagonista, che si ripete giorno dopo giorno ma che scivola contemporaneamente su una china degradante - non sono l'unico pregio di À plein temps. Laure Calamy dà una prova davvero eccellente come protagonista, reggendo il film sulle sue spalle, sulla forza della sua interpretazione. È il genere di prova che ha buone possibilità di portare a casa un riconoscimento ad un festival, come accaduto nella sezione Orizzonti di Venezia 78.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

La regia e il comparto artistico - che danno grande dinamismo alla corsa senza fine della protagonista, che si ripete giorno dopo giorno ma che scivola contemporaneamente su una china degradante - non sono l'unico pregio di À plein temps. Laure Calamy dà una prova davvero eccellente come protagonista, reggendo il film sulle sue spalle, sulla forza della sua interpretazione. È il genere di prova che ha buone possibilità di portare a casa un riconoscimento ad un festival, come accaduto nella sezione Orizzonti di Venezia 78.Full Time recensione film di Eric Gravel con Laure Calamy e Anne Suarez [Venezia 78]