Fiore Gemello

Fiore Gemello recensione

“E’ la storia di un’innocenza violata e riconquistata, considerando che sono due ragazzi così giovani e hanno il diritto di ritrovarla, lottando per il loro futuro.” (Laura Luchetti, Regia e Sceneggiatura)

Prima volta per due ragazzi come attori principali, prima volta di una regista con due attori alle prime armi.
Per chi non apprezza il cinema ‘lento’, il consiglio è di guardare Fiore Gemello fino alla fine. Il messaggio del film è reso in tutti i suoi novantacinque minuti, poche battute ma tanta umanità e bisogno di riscatto soprattutto per questi tempi difficili: un viaggio interessante tra la realtà in cui viviamo e la verità di chi affronta queste le traversate in mare, durante le quali c’è chi viene salvato, ma molti finiscono per scomparire.

“Non vorrei risultare troppo femmina nel fare questa affermazione però è stato un processo sentimentale ed emotivo molto forte. La scrittura ha avuto mille bozze, tanti cambi. Nel momento in cui tutti i nostri attori sono entrati in scena abbiamo capito quali cambiamenti fare e cosa era più giusto mostrare.” (Laura Luchetti)

Basim (Kalill Kone), immigrato africano, è il giovane che trovi nei parcheggi dei supermercati, quello che vuole aiutarti con la spesa ma che allontani: una scena che viviamo tutti i giorni, senza vedere però quanto costa quel “No” dall’altra parte. Basim, durante la ricerca di qualche moneta, riesce a trovare il momento per il gioco, anche se ha bisogno di cibo, di un posto caldo dove dormire e un lavoro che non può ottenere perché non ha permesso di soggiorno. E’ sbarcato illegalmente ‘grazie’ al padre di Anna (Anastasyia Bogach), una sedicenne il cui padre, Pietro (Mauro Addis), è trafficante di profughi. Anna vede costantemente questi ragazzi maltrattati da Pietro e dal suo capo, Manfredi (Aniello Arena).

Fiore Gemello
Anna (Anastasyia Bogach) e Basim (Kalill Kone) in Fiore Gemello

“Quest’uomo è come Frankenstein, non ha mai chiesto di essere messo insieme in quella maniera ma così è. C’è un dolore ed un orrore allo stesso tempo e, questo uomo che insegue i ragazzi, siamo anche un po’ noi con il mal pensare, il razzismo, la violenza che spinge ragazzi come Anna e Basim verso un angolo” (Laura Luchetti)

Basim fugge e anche Anna scappa da quel mondo quando il padre viene ucciso. I due si incontrano quando Basim interviene mentre Anna viene importunata da altri ragazzi: lei non parla, ma lo ringrazia condividendo un cracker ed affiancandolo per la sua strada.
Il tempo che passano insieme è scandito dal silenzio, una potente musica proveniente da un violino ed un legame che si stringe sempre di più; la natura che li circonda e ci fa sentire lì con loro è l’altro personaggio principale, per quanto invisibile, o minuscolo come una formica.

“Il filo conduttore è sempre stato questo potenziale poetico che Laura si è portata dietro per tutto il film. Questo è quello che io ho percepito alla fine di questo percorso. Penso di poter dire da parte mia che si tratti di un film sì delicato ma anche molto forte dove l’aspetto poetico è sicuramente predominante.” (Giuseppe Gallo, produttore)

Arrivati in un paesino, cercano un modo per mantenersi: purtroppo un ‘saggio’ fioraio (Giorgio Colangeli) accetta solo l’aiuto di Anna, ma, grazie al rapporto che instaura con la ragazza, l’uomo capisce di poter cambiare e fare ‘la cosa giusta’.

“E’ un personaggio che ha molto da nascondere, lo dice lui stesso, ed è uno che vive in maniera nascosta ma la sua è una piccola grande storia di redenzione. A certe cose si arriva ascoltando quello che c’è intorno piuttosto del voler per forza dire la sua, ecco questo è il maschile: io voglio dire la mia, ho la mia idea e la voglio dire; il femminile: sì, ce l’ho l’idea, per carità però intanto vedo, ascolto, mi apro a quello che ho intorno.” (Giorgio Colangeli)

“Nessuno è veramente buono e nessuno è veramente cattivo in Fiore Gemello.” (Laura Luchetti)

Fiore Gemello
Kalill Kone e Anastasyia Bogach in Fiore Gemello

Basim, come non fosse mai partito, è costretto a fare quello che non vuole, tra una vita diventata troppo adulta ed il gioco per non allontanare troppo l’infanzia. C’è solo una persona oltre ad Anna che lo avvicina ed è la transessuale Stella (Fausto Verginelli).

“Il fiore di cactus, il fiore di Loto, qualcosa che nasce e sotto c’è il fango, questa bellezza nella bruttezza in un mondo di persone che non sono mai troppo buone o troppo cattive che tende la mano a Basim.” (Laura Luchetti)

Anna scopre un’altra verità su Basim, e al suo ritorno nel loro rifugio si prende cura di lui, purificandosi attraverso un battesimo di vero sentimento e amore, cose che mancano ad entrambi in quel mondo e che hanno ritrovato non in un posto, non in una casa abbandonata ma tra loro stessi, in un incontro che ha cambiato loro la vita.

“Un fiore a doppio gambo non si può dividere, è una rarità. Le due parti devono stare insieme”

Sara

Sintesi

Un film con poche battute ma con tanta umanità e bisogno di riscatto per questi tempi difficili: un viaggio interessante tra la nostra realtà e quella di chi affronta una traversata in mare per cercare un futuro diverso

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Godzilla vs. Kong: il trailer italiano del quarto capitolo del MonsterVerse con Alexander Skarsgård e Millie Bobby Brown

Godzilla vs. Kong: il trailer italiano del quarto capitolo del MonsterVerse con Alexander Skarsgård, Millie Bobby Brown e Rebecca Hall, sequel dei due Godzilla...

Schindler’s List recensione film di Steven Spielberg con Liam Neeson e Ben Kingsley

Schindler's List recensione del film di Steven Spielberg con Liam Neeson, Ben Kingsley, Ralph Fiennes, Caroline Goodall, Embeth Davidtz e Olivia Dabrowska All'indomani del tiepido successo...

Cinema News del 24 gennaio [Rassegna Stampa]

Film in uscita: slittano A Quiet Place 2, The King’s Man e Morbius La serie animata Invincible di Robert Kirkman in arrivo su Amazon Prime...

Thor: Love and Thunder: Cate Blanchett ritorna Hela per consegnare la spada All-Black the Necrosword a Gorr di Christian Bale

Thor: Love and Thunder rivela la dimora del villain Gorr the God Butcher interpretato da Christian Bale ed il ritorno di Cate Blanchett come...

Cinema News del 23 gennaio [Rassegna Stampa]

Liam Neeson nel remake di Una pallottola spuntata Brie Larson in Lessons in Chemistry Peaky Blinders: il film di Steven Knight che concluderà...

Tutto in una notte recensione film di John Landis con Jeff Goldblum e Michelle Pfeiffer [Flashback Friday]

Tutto in una notte recensione del film di John Landis con Jeff Goldblum, Michelle Pfeiffer, Dan Aykroyd, David Bowie, Paul Mazursky e David Cronenberg Gli anni...

Cinema News del 22 gennaio [Rassegna Stampa]

Sony cede Superconnessi a Netflix Risincronizziamo i calendari Michelle Pfeiffer e Viola Davis sono The First Lady Epic Games si dà al cinema ...

21° Anniversario American Beauty [Throwback Thursday]

Ventuno anni fa usciva nelle sale italiane American Beauty: ricordiamo insieme l'acclamato film premio Oscar di Sam Mendes con Kevin Spacey Il 21 gennaio del...

L’inferno di cristallo recensione film con Paul Newman e Steve McQueen

L'inferno di cristallo recensione del film diretto da John Guillermin e Irwin Allen con Paul Newman, Steve McQueen, Faye Dunaway, William Holden, Fred Astaire...

Cinema News del 21 gennaio [Rassegna Stampa]

Lei mi parla ancora Il primo giorno della mia vita meravigliosa Heartstopper Brevissime Cinema News 21 gennaio Lei mi parla ancora Arriva su Sky Cinema l’8...