Finestra di distribuzione ridotta a 30 giorni nei cinema in Italia e la reazione di ANEC

I cinema in Italia beneficeranno di una finestra di distribuzione in esclusiva ridotta a 30 giorni prima dell’uscita in streaming: la reazione di ANEC

Mentre in Nord America prende forma il nuovo modello di distribuzione che prevede una finestra di distribuzione in esclusiva per le sale cinematografiche stabilito in 45 giorni, o meglio dai 30 ai 45 giorni in base anche al rendimento e alla tenuta dei titoli nei cinema, in Italia i primi smottamenti ed (inevitabili) cambiamenti nei modelli di distribuzione arrivano nei confronti dei film prodotti grazie alla ricezione di contributi dello Stato: dal 1 maggio 2021 e per tutto il 2021 infatti per i suddetti film il nuovo decreto finestre firmato dal Ministro della Cultura Dario Franceschini prevede l’obbligo di uscita in sala per almeno 30 giorni, dopo i quali potranno essere distribuiti sulle piattaforme streaming e in televisione.

MadMass.it consiglia by Amazon

La scelta viene dettata dalla valutazione politica di sostenere le sale cinematografiche così facendo, riequilibrando allo stesso tempo le regole per evitare che il cinema italiano sia penalizzato rispetto a quello internazionale.

Non dello stesso avviso l’Associazione Nazionale Esercenti Cinema (ANEC) che ricorda le importanti perdite del comparto anche nel 2021, nella misura di 400 milioni di euro registrate nel primo quadrimestre, nessuno nuovo stanziamento ancora definito dal fondo emergenza cinema – discorso diverso per i ristori agli esercenti che, parlando con gli addetti ai lavori, sembrano essere stati più che incisivi e superiori alle aspettative – e soprattutto la grande assenza dei titoli italiani in programmazione e pianificati per l’uscita, rendendo di fatto il decreto finestre poco incisivo allorché non sta fattivamente (ri)portando in sala i titoli eppure prodotti con i talvolta ingenti contributi dello Stato.

Non c’è dubbio che per una vera ripartenza che restituisca ossigeno a tutta la filiera servano tutte quelle nuove e attese uscite cinematografiche che al momento sembrano latitare, soprattutto sul fronte dei titoli italiani, con la speranza che nel frattempo le valutazioni politiche pro apertura siano supportate da una finalmente efficace campagna di vaccinazione che possa sciogliere paure e riserve nella popolazione, permettendo a tutti noi di riappropriarci del nostro tempo e delle nostre passioni e abitudini più care.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli