C’era una volta a Hollywood: speciale su scenografia auto e costumi del 1969

C’era una volta a Hollywood: speciale sulla scenografia premio Oscar, le automobili, la moda e i costumi della Hollywood del 1969

Fresco vincitore di due premi Oscar al migliore attore non protagonista Brad Pitt e alla migliore scenografia di Barbara Ling e Nancy Haigh, C’era una volta a Hollywood ha convinto la maggior parte della critica e del pubblico: uno dei grandi meriti del film è quello di aver ricreato un’atmosfera unica in cui si respira a pieni polmoni l’aria del 1969. Come ha fatto Quentin Tarantino a riportare in scena così fedelmente la Los Angeles di 50 anni fa?

C’era una volta a Hollywood: la scenografia premio Oscar
C’era una volta a Hollywood: la scenografia premio Oscar

Le scenografie di C’era una volta a Hollywood

Come ricostruire accuratamente la Los Angeles del 1969 senza spendere una fortuna? È questa una delle prime domande che deve essere venuta in mente a Tarantino, e soprattutto ai produttori, quando lo script è stato ultimato. Essendo L.A. una città in grande cambiamento la scenografia – affidata a Barbara Ling e Nancy Haigh – ha richiesto un grande e maniacale studio. Tutti gli edifici, i cartelli e persino i volantini sono stati studiati per essere fedeli a quelli del 1969, Tarantino voleva una precisione assoluta e così anche i particolari visivi più insignificanti sono stati approfonditi nel dettaglio. Le scene ambientante nella Hollywood Boulevard sono state girate nella vera strada, naturalmente chiusa al traffico ed allestita a dovere per il set: DiCaprio stesso racconta di quanto fosse speciale quell’atmosfera nel girare le scene.
Sono state studiate persino tutte le programmazioni dei cinema delle giornate in cui è ambientato il film, dunque tutti i film che vediamo pubblicizzati nei cinema erano davvero proiettati in quei precisi giorni ed in quei precisi cinema.

Le automobili di Tarantino
Le automobili di Tarantino

Le automobili di Tarantino

Tarantino ama le auto, in molti dei suoi film esse diventano iconiche o fanno da ambiente per le scene più importanti (basti pensare alla Pussy Wagon di Kill Bill o alle sequenze adrenaliniche di Grindhouse – A prova di morte), ma in questo suo nono film esse sono delle vere e proprie rappresentazioni dei personaggi che le guidano. Steven Butcher e Leonard Jefferson sono i due esperti ingaggiati dalla produzione per occuparsi di tutte le auto e per soddisfare le difficili richieste del regista essi hanno svolto sia un lavoro di ricostruzione di alcune automobili sia di ricerca delle originali. Ad esempio, la macchina di Cliff Booth (Brad Pitt) è una Karmann Ghia costruita fedelmente e modificata nel motore in modo che essa venga utilizzata per la guida spericolata del personaggio, così come la curiosa Roadster MG che nel film viene guidata da Roman Polański (Rafał Zawierucha) e che era una macchina davvero di moda nella Los Angeles degli anni ’60. Entrambe dunque sono state pensate appositamente in fase di pre-produzione e raccontano qualcosa dei personaggi; naturalmente anche tutte le auto che si vedono di sfuggita sono frutto di una ricerca accurata e meticolosa.
Un lavoro lungo e molto preciso di ricerca e di ricostruzione ma che dimostra quanto l’attenzione ai dettagli nei film di Tarantino sia fondamentale.

I costumi e la moda del 1969

Un plauso finale va fatto per lo studio del look del personaggio di Sharon Tate. Per crearlo è stata contattata Debra Tate, sorella di Sharon, che ha aiutato la costumista Arianne Phillips e la produzione e che ha anche donato alcuni gioielli della defunta sorella: Margot Robbie in alcune sequenze indossa dei veri anelli e orecchini che appartenevano a Sharon.

È interessante notare come molti dei dettagli elencati siano quasi impercettibili per lo spettatore che usufruisce dell’opera ma siano fondamentali per il regista che li sfrutta per rendere l’atmosfera unica ed autentica.

Per conoscere proprio tutto sul film evento di Tarantino, vi invitiamo a scoprire contenuti speciali delle edizioni home video di C’era una volta a… Hollywood. Buona visione!

Andrea P.

Margot Robbie e i costumi di Sharon Tate
Margot Robbie e i costumi di Sharon Tate

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Un volto due destini recensione miniserie TV [Sky Anteprima]

Un volto due destini - I Know This Much is True recensione miniserie TV di Derek Cianfrance con Mark Ruffalo, Kathryn Hahn, Melissa Leo,...

Cinema News del 22 settembre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 22 settembre: i trailer di Druk di Thomas Vinterberg, The Glorias sull’attivista americana Gloria Steinem con Alicia Vikander e Julianne Moore...

Small Axe: trailer della serie di film di Steve McQueen con John Boyega in uscita su Amazon Prime Video

Small Axe: il trailer della serie di film Amazon e BBC scritta e diretta da Steve McQueen con John Boyega, Letitia Wright, Malachi Kirby...

The Vigil – Non ti lascerà andare recensione film

The Vigil - Non ti lascerà andare recensione film di Keith Thomas con Dave Davis, Menashe Lustig, Lynn Cohen, Malky Goldman e Fred Melamed Indubbiamente originale,...

Cobra Kai 2 recensione seconda stagione [Netflix]

Cobra Kai 2 recensione seconda stagione serie TV con Ralph Macchio, William Zabka, Mary Mouser, Xolo Maridueña, Martin Kove e Tanner Buchanan COBRA KAI 2...

Residue recensione film di Merawi Gerima [Netflix Anteprima]

Residue recensione film di Merawi Gerima con Obinna Nwachukwu, Dennis Lindsey, Taline Stewart, Derron Scott, Melody Tally e Ramon Thompson Le Giornate degli Autori di Venezia...

Emmy Awards 2020: tutti i vincitori le serie i programmi e gli attori premiati

Emmy Awards 2020: HBO batte Netflix con 30 premi a 21. 11 statuette per Watchmen, 9 per Schitt’s Creek e Succession, 7 per The...

Cinema news del 21 settembre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 21 settembre: il trailer italiano di WandaVision su Disney+, il trailer di The Wolf of Snow Hollow con Robert Forster, Tom...

Il giorno sbagliato recensione film con Russell Crowe [Anteprima]

Il giorno sbagliato recensione film di Derrick Borte con Russell Crowe, Caren Pistorius, Gabriel Bateman, Jimmi Simpson e Austin P. McKenzie Avete mai pensato come...

I nostri cuori chimici recensione film con Lili Reinhart [Amazon Prime Video]

I nostri cuori chimici - Chemical Hearts recensione film di Richard Tanne con Lili Reinhart, Austin Abrams, Sarah Jones, Adhir Kalyan, Kara Young e Coral Peña T’amo...