C’era una volta a Hollywood: speciale su scenografia auto e costumi del 1969

C’era una volta a Hollywood: speciale sulla scenografia premio Oscar, le automobili, la moda e i costumi della Hollywood del 1969

Fresco vincitore di due premi Oscar al migliore attore non protagonista Brad Pitt e alla migliore scenografia di Barbara Ling e Nancy Haigh, C’era una volta a Hollywood ha convinto la maggior parte della critica e del pubblico: uno dei grandi meriti del film è quello di aver ricreato un’atmosfera unica in cui si respira a pieni polmoni l’aria del 1969. Come ha fatto Quentin Tarantino a riportare in scena così fedelmente la Los Angeles di 50 anni fa?

C’era una volta a Hollywood: la scenografia premio Oscar
C’era una volta a Hollywood: la scenografia premio Oscar

Le scenografie di C’era una volta a Hollywood

Come ricostruire accuratamente la Los Angeles del 1969 senza spendere una fortuna? È questa una delle prime domande che deve essere venuta in mente a Tarantino, e soprattutto ai produttori, quando lo script è stato ultimato. Essendo L.A. una città in grande cambiamento la scenografia – affidata a Barbara Ling e Nancy Haigh – ha richiesto un grande e maniacale studio. Tutti gli edifici, i cartelli e persino i volantini sono stati studiati per essere fedeli a quelli del 1969, Tarantino voleva una precisione assoluta e così anche i particolari visivi più insignificanti sono stati approfonditi nel dettaglio. Le scene ambientante nella Hollywood Boulevard sono state girate nella vera strada, naturalmente chiusa al traffico ed allestita a dovere per il set: DiCaprio stesso racconta di quanto fosse speciale quell’atmosfera nel girare le scene.
Sono state studiate persino tutte le programmazioni dei cinema delle giornate in cui è ambientato il film, dunque tutti i film che vediamo pubblicizzati nei cinema erano davvero proiettati in quei precisi giorni ed in quei precisi cinema.

Le automobili di Tarantino
Le automobili di Tarantino

Le automobili di Tarantino

Tarantino ama le auto, in molti dei suoi film esse diventano iconiche o fanno da ambiente per le scene più importanti (basti pensare alla Pussy Wagon di Kill Bill o alle sequenze adrenaliniche di Grindhouse – A prova di morte), ma in questo suo nono film esse sono delle vere e proprie rappresentazioni dei personaggi che le guidano. Steven Butcher e Leonard Jefferson sono i due esperti ingaggiati dalla produzione per occuparsi di tutte le auto e per soddisfare le difficili richieste del regista essi hanno svolto sia un lavoro di ricostruzione di alcune automobili sia di ricerca delle originali. Ad esempio, la macchina di Cliff Booth (Brad Pitt) è una Karmann Ghia costruita fedelmente e modificata nel motore in modo che essa venga utilizzata per la guida spericolata del personaggio, così come la curiosa Roadster MG che nel film viene guidata da Roman Polański (Rafał Zawierucha) e che era una macchina davvero di moda nella Los Angeles degli anni ’60. Entrambe dunque sono state pensate appositamente in fase di pre-produzione e raccontano qualcosa dei personaggi; naturalmente anche tutte le auto che si vedono di sfuggita sono frutto di una ricerca accurata e meticolosa.
Un lavoro lungo e molto preciso di ricerca e di ricostruzione ma che dimostra quanto l’attenzione ai dettagli nei film di Tarantino sia fondamentale.

I costumi e la moda del 1969

Un plauso finale va fatto per lo studio del look del personaggio di Sharon Tate. Per crearlo è stata contattata Debra Tate, sorella di Sharon, che ha aiutato la costumista Arianne Phillips e la produzione e che ha anche donato alcuni gioielli della defunta sorella: Margot Robbie in alcune sequenze indossa dei veri anelli e orecchini che appartenevano a Sharon.

È interessante notare come molti dei dettagli elencati siano quasi impercettibili per lo spettatore che usufruisce dell’opera ma siano fondamentali per il regista che li sfrutta per rendere l’atmosfera unica ed autentica.

Per conoscere proprio tutto sul film evento di Tarantino, vi invitiamo a scoprire contenuti speciali delle edizioni home video di C’era una volta a… Hollywood. Buona visione!

Andrea P.

Margot Robbie e i costumi di Sharon Tate
Margot Robbie e i costumi di Sharon Tate

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Moving On recensione film di Yoon Dan-bi con Choi Jung-un [TFF 38]

Moving On recensione film di Yoon Dan-bi con Choi Jung-un, Yang Heung-ju, Park Hyeon-yeong e Park Seung-jun in concorso al Torino Film Festival 38 Crescere, cambiare,...

Elegia americana recensione film di Ron Howard con Amy Adams e Glenn Close [Netflix Anteprima]

Elegia americana recensione film Netflix di Ron Howard con Amy Adams, Glenn Close, Gabriel Basso, Haley Bennett, Freida Pinto e Owen Asztalos Tu non sai un...

Memory House (Casa de Antiguidades) recensione film di João Paulo Miranda Maria [TFF 38]

Memory House (Casa de Antiguidades) recensione film di João Paulo Miranda Maria con Antonio Pitanga e Ana Flavia Cavalcanti al Torino Film Festival 38 Memory...

Cinema News del 24 novembre [Rassegna Stampa]

Luca Guadagnino produce un biopic su Tennesee Williams Mark Ruffalo papà di Ryan Reynolds in The Adam Project Anthony Mackie in versione Liam...

Vera de Verdad recensione film di Beniamino Catena con Marta Gastini [TFF 38]

Vera de Verdad recensione film di Beniamino Catena con Marta Gastini, Marcelo Alonso, Davide Iacopini, Anita Caprioli e Paolo Pierobon al Torino Film Festival Parla...

Antidisturbios recensione serie TV di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña Episodi 1-2 [TFF 38]

Antidisturbios recensione miniserie TV di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña con Vicky Luengo, Raúl Arévalo e Álex García al Torino Film Festival 38 Sono stati presentati...

Mi chiamo Francesco Totti recensione film documentario di Alex Infascelli [Sky Now TV]

Mi chiamo Francesco Totti recensione documentario di Alex Infascelli scritto da Francesco Totti con Paolo Condò disponibile su Sky e Now TV Alex Infascelli nella sua...

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto e Anna Foglietta [Amazon Prime Video]

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, Anna Foglietta e Marina Occhionero su Prime Video La storia raccontata da...

Logan – The Wolverine recensione film di James Mangold con Hugh Jackman

Logan - The Wolverine recensione del film di James Mangold, con Hugh Jackman, Patrick Stewart, Dafne Keen, Boyd Holbrook e Stephen Merchant Da un paio d'anni il...

Cinema News del 23 novembre [Rassegna Stampa]

Black Panther 2 inizierà le riprese a luglio Weekend su Amazon Prime Video a dicembre L’Associazione delle Film Commission Europee mette in palio...