Bentornato Presidente

Bentornato Presidente recensione

Claudio Bisio torna nei panni di Peppino Garibaldi in Bentornato Presidente. Ecco la recensione del film che abbiamo visto in anteprima.

In Benvenuto Presidente, Claudio Bisio, alias Giuseppe Garibaldi, detto Peppino, per un malinteso, finiva al Quirinale e diventava Presidente della Repubblica.
Nel sequel Bentornato Presidente, Bisio torna a Roma e diventa premier, ma lo fa per amore.

Bentornato Presidente, diretto da Giancarlo Fontana e Giuseppe G. Stasi, ci riporta nella vita di Peppino Garibaldi.
Peppino (Claudio Bisio), dopo la sua esperienza come Presidente della Repubblica, si trasferisce in un paesino di montagna con la sua amata Janis (stavolta interpretata da Sarah Felberbaum) ed ha una figlia con lei.
Ma a Janis la vita in una baita di montagna, isolata dal mondo, sta stretta e, quando viene contattata da Roma, per cercare di riparare una situazione politica tumultuosa, non ci pensa due volte e decide di lasciare Peppino e tornare a Roma.

Sara Felberbaum e Claudio Bisio
Sarah Felberbaum e Claudio Bisio in Bentornato Presidente

La situazione politica rispecchia molto quella dell’Italia: ci sono due leader che non riescono a trovare un accordo e nessuno dei due ha la maggioranza per governare da soli.
Da una parte abbiamo Teodoro Guerriero (interpretato da Paolo Calabresi), leader di Precedenza Italia, che si rifà molto sia alle idee politiche, che al modus operandi di Matteo Salvini; dall’altra, abbiamo il giovane Danilo Stella (Gugliemo Poggi), alla guida del Movimento Candidi, che ci ricorda molto Luigi Di Maio.
All’opposizione troviamo Vincenzo Maceria (Marco Ripoldi), segretario di Sovranità Democratica, anche lui ricco di riferimenti alla politica di oggi.
I due leader decidono di fare di Peppino il nuovo premier, facilmente manovrabile da entrambi, dopotutto, c’è bisogno solamente di una marionetta che dica le cose che i due leader vogliono.

Bentornato Presidente
Claudio Bisio, Paolo Calabresi e Gugliemo Poggi in Bentornato Presidente

Bentornato Presidente è una commedia brillante, che usa la situazione politica attuale per far ridere, arricchendo di riferimenti sia i personaggi che le vicende del film.

I due registi avevano pensato, inizialmente, di portare Peppino sul fronte europeo, ma l’idea è stata accantonata, poiché, la maggior parte degli italiani non ha idea delle dinamiche politiche europee, così, si è pensato di raccontare un nuovo capitolo di vita di Peppino, stavolta diventato Presidente del Consiglio.

Il film, però, non è solamente una critica alla politica di oggi “che si fa prevalentemente sui social”, ma una critica anche al cittadino.
Il produttore Nicola Giuliano afferma che:

In questo momento dove sembra sia obbligatorio stare per forza da un lato o dall’altro della barricata, volevamo far continuare le avventure di Peppino Garibaldi in un modo che aiutasse a guardarsi allo specchio, per cercare le ragioni che ci uniscono, invece di quelle che ci dividono.

Sara Felberbaum e Claudio Bisio
Sarah Felberbaum e Claudio Bisio in Bentornato Presidente

È proprio il protagonista del film, Claudio Bisio, a descrivere il film con una parola:

È un film che potremmo definire anticattivista, rivolto a quelli che si sono un po’ stufati di questo odio reciproco che si respira nel Paese.

Bentornato Presidente è un film decisamente attuale, che riprende molti dei temi discussi dall’opinione pubblica in questo periodo.
Ma è anche un film che, in qualche modo, ha anticipato i tempi. La pellicola era già in lavorazione prima che Giuseppe Conte diventasse premier.

Bentornato Presidente
Claudio Bisio nel film di Giancarlo Fontana e Giuseppe G. Stasi

Presente è anche l’urlo “Maledetti”, diventato solo dopo un tormentone su Internet:

Il suo urlo ci è entrato nell’audio, l’abbiamo cancellato e poi integrato in post-produzione.

La cronaca ha, poi, continuato a dare materiale e spunti per la caratterizzazione dei personaggi e degli eventi. Il film è un manifesto divertente e satirico della politica italiana di oggi, che non si schiera con nessuna delle parti, ma ne ha per tutti.

Bentornato Presidente è stato prodotto da Indigo Film e Vision ed arriverà in sala il 28 marzo, con ben 500 copie.

Sintesi

Commedia brillante che usa la situazione politica attuale per far ridere, Bentornato Presidente è un manifesto divertente e satirico della politica italiana di oggi, che non si schiera con nessuna delle parti, ma ne ha per tutti.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi [TFF 38]

Regina recensione film di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi, Barbara Giordano e Max Mazzotta al Torino Film Festival 38 Unico alfiere a rappresentare l’Italia...

Strange Days recensione film di Kathryn Bigelow [Flashback Friday]

Strange Days recensione del film di Kathryn Bigelow con Ralph Fiennes, Angela Bassett, Juliette Lewis, Vincent D'Onofrio, William Fichtner e Tom Sizemore Dopo Point Break -...

Cinema News del 27 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a Daria Nicolodi I progetti di Alex Garland Álex de la Iglesia e la Veneciafrenia La Radioscopie di Claire Denis Les promesses...

Pixar: i migliori film da vedere assolutamente [Throwback Thursday]

Le opere Pixar fanno parte della nostra infanzia ed adolescenza, grazie ai molti lungometraggi che ci hanno scaldato il cuore. Vediamo i cinque migliori...

Black Friday Amazon 2020: LEGO offerte Avengers, Jurassic World, Star Wars, Disney e Batman

Black Friday Amazon 2020: in offerta i set LEGO di Avengers, Jurassic World, Star Wars, Disney, Batman, The Mandalorian, Harry Potter e Fast &...

Cinema News del 26 novembre [Rassegna Stampa]

Mads Grindelwald Clifford il grande cane rosso The Mauritanian Amore e malattia in Life in a Year Amore e malattia in Little Fish ...