Baby Driver - il genio della fuga

Baby Driver il genio della fuga recensione

Il fallimento della collaborazione con Marvel su Ant-Man deve aver lasciato Edgar Wright deluso e amareggiato. Assolutamente comprensibile quindi che abbia deciso, per riprendersi, di dedicarsi ad un passion project: Baby Driver.

« I was born one dark gray morn, with music coming in my ears. They call me Baby Driver and once upon a pair of wheels, hit the road and I’m gone »

L’omonima canzone di Simon & Garfunkel dice tutto quello che c’è da sapere: si tratta di un film che unisce musica e strada. Non è la prima volta che succede, e lo stesso Wright ha sciorinato la lista delle sue ispirazioni in una rassegna che ha curato per il British Film Institute. Qui l’obiettivo è più ambizioso: coniugare la playlist e una crime story su quattro ruote in modo che la prima dia il ritmo alla seconda, in modo che le sgommate, gli spari, i cambi di marcia del film siano sincronizzati con la colonna sonora. In pratica, un musical per auto (un musicar).

L’idea riposava nei cassetti di Wright da così tanto tempo che, nel 2003, quando gli fu commissionato di realizzare un video musicale, per mancanza di ispirazione decise di utilizzarla: il video di Blue Song dei Mint Royale ha funzionato come ‘prova su strada’, e i primi tre minuti del film non ne fanno mistero.

Siamo del tutto a favore dei passion project, e anzi ci piacerebbe che ogni film fosse al 100% un frutto della passione, però ci sono due problemi.

Primo, si può facilmente scivolare nell’autoindulgenza: l’autore è talmente innamorato della propria idea da non rendersi conto di quando il film frena bruscamente, o del fatto che certi personaggi cambino direzione in modo repentino e senza nessun indicatore.

Secondo, se il pubblico non condivide la stessa passione, non si lascerà trasportare incondizionatamente e vorrà scendere alla prima fermata.

Dato l’enorme successo di pubblico e di critica che Baby Driver ha riscosso a livello globale, sembra che siano in molti ad apprezzare la guida di Wright.

Tuttavia io credo che ci sia qualcun altro che, come me, potrebbe trovare il film tecnicamente ineccepibile, ma piatto e popolato da personaggi senza carisma, primi fra tutti Baby – il protagonista Ansel Elgort in cosplay da Han Solo – e la sua bella Debora (fa rima con ‘zebra’), Lily James. Su tutt’altro piano i premi Oscar (Kevin Spacey e Jamie Foxx) e Golden Globes (John Hamm), il cui ruolo però è limitato da una sceneggiatura che comincia presto a perdere colpi e nel terzo atto cede il passo a lunghe (troppo lunghe) scene d’azione.

Non mancano i momenti più squisitamente ‘Wright’ , ma anche questi – ad esclusione della prima scena ‘Harlem Shuffle’ – suonano in qualche modo forzati e ‘già visti’.

Ho fatto due giri con Baby Driver. Ora preferisco scendere e proseguire a piedi. Se volete unirvi, arriviamo giù all’angolo a prendere un Cornetto.

Sintesi

Dato l’enorme successo di pubblico e di critica che Baby Driver ha riscosso a livello globale, sembra che siano in molti ad apprezzare la guida di Wright. Altri potrebbero trovare il film tecnicamente ineccepibile, ma piatto e popolato da personaggi senza carisma.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

I migliori film ambientati a New York da vedere [Throwback Thursday]

Sono stati tanti i registi che hanno scelto New York come sfondo delle loro storie. Riscopriamo insieme 5 film ambientati nella Grande Mela da vedere...

Cinema News: Spider-Man No Way Home, Loki, Ryan Gosling e il trailer di The Mauritanian con Jodie Foster

Cinema News by Day su MadMass.it Spider-Man 3: rivelato il titolo del nuovo capitolo della saga con Tom Holland Tom Holland dichiara che con questo...

Buon compleanno Pinocchio: l’81esimo anniversario del capolavoro Disney

Buon compleanno Pinocchio: l'81esimo anniversario del capolavoro dell'animazione di Walt Disney tratto dal romanzo di Carlo Collodi Buon compleanno Pinocchio non è il solito articolo...

Tutta colpa di Freud recensione del film di Paolo Genovese con Marco Giallini [Netflix]

Tutta colpa di Freud recensione film di Paolo Genovese con Marco Giallini, Alessandro Gassmann, Claudia Gerini, Anna Foglietta e Vittoria Puccini Inizia così Tutta colpa...

Cinema News: il cast di The Outfit, i trailer di Natural Light e di A Week Away e Il grande Gatsby serie animata

Cinema News by Day su MadMass.it The Outfit: il cast del film di Graham Moore Natural Light: il trailer del film di Dénes Nagy...

Hanno crocifisso Jared Leto: nuove foto di Gal Gadot & Co. da Zack Snyder’s Justice League e il cameo segreto di un supereroe

Zack Snyder ci mostra alcuni nuovi scatti del dietro le quinte dei reshoot di Justice League, con Gal Gadot, Amber Heard, Ben Affleck e...

Alien recensione film di Ridley Scott con Sigourney Weaver [Disney+ Star]

Alien recensione del film di Ridley Scott, con Sigourney Weaver, Tom Skerritt, John Hurt, Ian Holm, Harry Dean Stanton, Yaphet Kotto e Veronica Cartwright "In...

Cinema News: Ethan Hawke spiega perché ha scelto Moon Knight e Gillian Anderson entra nel cast di First Lady

Cinema News by Day su MadMass.it Ethan Hawke spiega perché ha accettato di girare Moon Knight, la nuova serie Marvel Anche Gillian Anderson si...

Città invisibile recensione serie TV di Carlos Saldanha con Alessandra Negrini e Marco Pigossi [Netflix]

Città invisibile recensione serie TV di Carlos Saldanha con Alessandra Negrini, Marco Pigossi, Jéssica Córes, Julia Konrad, Wesley Guimarães e Fábio Lago Disponibile su Netflix, Città...

Your Honor recensione serie TV di Peter Moffat con Bryan Cranston [Sky Anteprima]

Your Honor recensione serie TV di Peter Moffat con Bryan Cranston, Michael Stuhlbarg, Hope Davis, Hunter Doohan, Carmen Ejogo, Isiah Whitlock Jr., Sofia Black-D'Elia e...