Miscellanea edition [Daily Madness]

Nella lista dei ‘migliori film del 2015’ di molti critici compariva World of Tomorrow, un corto di 16 minuti realizzato dall’artista di animazione Don Hertzfeldt, che raccontava della piccola Emily, teletrasportata 227 anni nel futuro dove la accoglie un suo clone, che le illustra gli avvenimenti e i progressi dell’umanità negli ultimi secoli. Realizzato nel classico stile ‘stick figure ‘ di Hertzfeldt (un esempio del quale è la speciale sequenza iniziale dei Simpson da lui realizzata), il cortometraggio include nella sua breve durata moltissimi spunti di riflessione sul futuro (e il presente) degli esseri umani (se non l’avete mai visto, si può noleggiare su Vimeo).

Don Hertzfeldt è all’opera sul seguito, intitolato World of Tomorrow Episode Two: The Burden of Other People’s Thoughts, del quale è appena uscito il trailer:

Contrariamente a quanto diceva Phillip Jeffries… è ora di parlare di Judy. Renée Zellweger interpreterà una stanca Judy Garland in Judy, che metterà in scena il periodo, nel 1968, in cui l’attrice e cantante preparava una serie di concerti a Londra (l’anno dopo Garland morirà, a soli 47 anni, per overdose da barbiturici). Ci si aspetta che Zellweger si cimenti in alcuni numeri musicali, sedici anni dopo la sua performance in Chicago. La sceneggiatura è di Tom Edge, che ha recentemente lavorato a The Crown. La regia è di Rupert Goold, specializzato in spettacoli teatrali. (Deadline)

Liam Neeson sta diventando un po’ come Jessica Fletcher, ma per i mezzi di trasporto: dopo essersela cavata con gli aerei (Non-Stop, The Grey), ora è un treno ad essere in pericolo in The Commuter (tristissimo titolo, se posso permettermi). Per qualche motivo, Vera Farmiga vorrebbe che Liam indagasse sui passeggeri di un treno pendolari, ma da lì a trenta secondi di trailer sul treno succede il finimondo. E Jonathan Banks sembra finire sotto un bus! Nel trailer! Chi può eliminare Mike Ehrmantraut in meno di un minuto? Anche Patrick Wilson e Sam Neill sono nel film, la regia è di Jaume Collet-Serra, alla terza collaborazione con Neeson dopo Unknown e Non-Stop. Mi permetto di suggerire ai due di arruolare anche Sandra Bullock e cimentarsi con uno Speed 3. (Empire)

Dopo The Snowman, attualmente nei cinema, è la volta di The Hangman. Al Pacino e Karl Urban si mettono sulle tracce di un serial killer che ha una predilezione per il gioco de l’impiccato. Per salvaguardare la pace nella redazione di MadMass, non commento e vi lascio il trailer.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli