Vox Lux

Vox Lux recensione

Recensione del film Vox Lux di Brady Corbet in Concorso alla Mostra di Venezia, interpretato da Natalie Portman, Jude Law, Raffey Cassidy e Stacy Martin. Musiche di Scott Walker e Sia.

Premiato nel 2015 come miglior regista a Orizzonti per l’opera prima L’infanzia di un capo, Brady Corbet torna alla Mostra con un film in Concorso. Vox Lux racconta una storia profondamente americana: una giovane ragazza, scampata a una tragedia che ha i medesimi contorni del massacro alla Columbine High School, diventa una pop star di fama internazionale.

Attraverso una narrazione che copre un arco di tempo molto ampio, dal 1999 al 2017, il regista vuole raccontare il cambiamento sociale al quale abbiamo assistito in questi anni servendosi di un personaggio che è, a suo modo, l’incarnazione della stessa America.

Vox Lux
Natalie Portman nel film scritto e diretto da Brady Corbet

L’incipit è vigoroso e mette il film sulla buona strada, soffermandosi sul periodo di riabilitazione della ragazza e, soprattutto, sulla realizzazione del sogno nella terra in cui chiunque può farcela.

Corbet non fa sconti e utilizza la metafora per condannare una società che, per difendersi dalle minacce interne ed esterne, ha scelto la via del disimpegno e della vacuità. Le ferite della nazione vengono esposte chiaramente dal film e, in generale, a prevalere è una sensazione di angoscia e di incapacità di vivere serenamente in questi tempi bui. Corbet utilizza uno stile fortemente indipendente, lavorando sugli effetti stranianti e su una messa in scena frastornante.

Vox Lux
Natalie Portman e Raffey Cassidy in Vox Lux

Nella prima parte, quella della formazione, Vox Lux trova il suo orizzonte e riesce a toccare le giuste corde. Con l’entrata in campo di Natalie Portman, la quale si conferma comunque come un’attrice di sicuro affidamento, il film scivola rapidamente verso il baratro. La protagonista di Jackie, che interpreta la pop star nel suo momento di declino, non riesce infatti a limitare i danni causati da uno script che si perde improvvisamente, riproponendo l’ennesima storia di autodistruzione.

Il finale poi è estenuante e poco comprensibile a livello stilistico e narrativo. Resta l’amaro in bocca perché con un incipit di questo tipo il film avrebbe meritato una conclusione di tutt’altro respiro.

Sergio

Sintesi

Dopo un incipit vigoroso, Vox Lux si perde improvvisamente, riproponendo l'ennesima storia di autodistruzione.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Pixar: i migliori film da vedere assolutamente [Throwback Thursday]

Le opere Pixar fanno parte della nostra infanzia ed adolescenza, grazie ai molti lungometraggi che ci hanno scaldato il cuore. Vediamo i cinque migliori...

Black Friday Amazon 2020: LEGO offerte Avengers, Jurassic World, Star Wars, Disney e Batman

Black Friday Amazon 2020: in offerta i set LEGO di Avengers, Jurassic World, Star Wars, Disney, Batman, The Mandalorian, Harry Potter e Fast &...

Cinema News del 26 novembre [Rassegna Stampa]

Mads Grindelwald Clifford il grande cane rosso The Mauritanian Amore e malattia in Life in a Year Amore e malattia in Little Fish ...

Botox recensione film di Kaveh Mazaheri con Sussan Parvar [TFF 38]

Botox recensione film di Kaveh Mazaheri con Sussan Parvar, Mahdokht Molaei, Soroush Saeidi, Mohsen Kiani e Morteza Khanjani al Torino Film Festival 38 Il cinema iraniano...

Breeder recensione film di Jens Dahl con Sara Hjort Ditlevsen [TFF 38]

Breeder recensione film di Jens Dahl con Sara Hjort Ditlevsen, Anders Heinrichsen, Morten Holst, Signe Egholm Olsen e Eeva Putro al Torino Film Festival 38 L'immortalità...

Black Friday Amazon 2020: Disney Marvel offerte film Blu-ray steelbook e cofanetti

Black Friday Amazon 2020: le offerte Disney e Marvel in Blu-ray steelbook e cofanetti, da Avengers: Endgame a Frozen 2, Toy Story 4 e...

Black Friday Amazon 2020: film e serie TV Blu-ray e DVD in offerta

Black Friday Amazon 2020: film Blu-ray e DVD in offerta tra saghe cinematografiche, cofanetti, serie TV, anime e i migliori titoli Disney in steelbook Ci...

Cinema News del 25 novembre [Rassegna Stampa]

Gianfranco Rosi possibile candidato agli Oscar Tom Holland nelle prime immagini di Cherry La serie tv di Xavier Dolan Il trailer di Our...

Moving On recensione film di Yoon Dan-bi con Choi Jung-un [TFF 38]

Moving On recensione film di Yoon Dan-bi con Choi Jung-un, Yang Heung-ju, Park Hyeon-yeong e Park Seung-jun in concorso al Torino Film Festival 38 Crescere, cambiare,...

Elegia americana recensione film di Ron Howard con Amy Adams e Glenn Close [Netflix Anteprima]

Elegia americana recensione film Netflix di Ron Howard con Amy Adams, Glenn Close, Gabriel Basso, Haley Bennett, Freida Pinto e Owen Asztalos Tu non sai un...