Venezia Day 6: Van Gogh, i poliziotti corrotti e la profezia dell’armadillo

Sesta giornata della Mostra che si apre con At Eternity’s Gate, il film di Julian Schnabel su Van Gogh: per leggere la recensione, cliccate qui.

La giornata prosegue con un film ad alto tasso di adrenalina, Dragged Across Concrete (Fuori Concorso) di S. Craig Zahler, regista che l’anno scorso aveva sconvolto Venezia con il sanguinolento Cell Block 99: Nessuno può fermarmi. Quello presentato in questa edizione è un poliziesco molto lungo ma altreattanto teso, a partire da un incipit folgorante. Nonostante si muova sul filo del rasoio dell’ambiguità, il film riesce sempre a evitare le cadute di stile attraverso un uso calibrato dell’ironia. Zahler ci descrive un safari metropolitano in cui a prevalere è la legge del più forte (e del più furbo). Sconsigliato ai facilmente impressionabili. (3 stelle su 5)

Dragged Across Concrete
Mel Gibson in Dragged Across Concrete

Altro film molto atteso ad approdare al Lido è La profezia dell’armadillo (Orizzonti), adattamento della graphic novel di grande successo Zerocalcare. Alla sua prima regia, Emanuele Scaringi prova a trasporre sullo schermo la carica eversiva di un fumetto citazionista, punk e fieramente borgataro. L’impresa non era semplice e, infatti, il giovane regista la fallisce in pieno, girando l’ennesimo ritratto giovanilista fatto di amori non corrisposti, parole non dette e retorica a fiume. Un compendio delle molte problematiche che affliggono la nostra commedia. Resta interessante, tuttavia, la scelta delle partecipazioni illustri (Adriano Panatta, Vincent Candela, Kasia Smutniak…).
(1,5 stelle su 5)

Nel Day 5 ci eravamo lasciati con Sunset, il nuovo film del Premio Oscar László Nemes. Come ne Il figlio di Saul, il regista ungherese pone al centro della scena una protagonista alla ricerca di se stessa e delle sue radici. Lo stile è il medesimo: la camera a mano segue il personaggio e ne sposa il punto di vista, ruotando intorno a lei e, alle volte, precedendola. Nemes continua a lavorare molto bene sul fuori campo e sulla sua estetica. Nonostante questa grande regia, il film perde però gradualmente il filo, cominciando a girare su se stesso, confondendosi e confondendo. La mancanza di un tema coinvolgente come quello della tragedia dell’Olocausto non viene sopperita dalla scelta di ambientazione nel periodo coincidente con l’inizio della caduta dell’Impero Austro-Ungarico. Alla lunga, la forma si mangia il contenuto. (3 stelle su 5)

Appuntamento a domani con il nuovo film di Florian Henckel von Donnersmack e gli altri in Concorso e nelle sezioni collaterali.

Sergio

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman, Jean-Louis Trintignant, Catherine Spaak, Claudio Gora e Luciana Angiolillo Il cinema italiano del dopoguerra, si sa,...

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova, Filipp Yankovskiy, Ignat Daniltsev, Oleg Yankovskiy e Alla Demidova Lo specchio, il regalo di Tarkovskij all’umanità...

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...