Una madre, una figlia

Una madre una figlia recensione film di Mahamat-Saleh Haroun [Anteprima]

Una madre, una figlia recensione film di Mahamat-Saleh Haroun con Achouackh Abakar Souleymane, Rihane Khalil Alio e Youssouf Djaoro

Mai come negli ultimi anni l’industria cinematografica si sta concentrando nel raccontare storie al femminile, con protagoniste capaci di smarcarsi dagli stereotipi di genere; è immediato pensare agli ultimi film trionfatori in due dei festival cinematografici più importanti al mondo: Titane a Cannes e La scelta di Anne – L’Événement a Venezia.
Una madre, una figlia ragiona proprio sullo stesso tema – quello dell’aborto – su cui si concentra il film di Audrey Diwan, ma se il film francese è ambientato negli anni ’60, quello di Mahamat-Saleh Haroun si svolge nel Ciad dei giorni nostri.

Il film racconta della 15enne Maria, rimasta incinta e intenzionata ad abortire in un paese in cui l’aborto è un reato ed è moralmente condannato anche da qualsiasi persona la circondi. Il grande pregio di Una madre, una figlia è proprio quello di riuscire a ritrarre l’ambiente circostante a Maria e alla madre Amina con grande attenzione e sincerità, denunciando un ostracismo ingiusto verso le giovani donne. Dall’imam alla scuola, ogni figura pubblica giudica Maria, la quale può confessare solo alla propria madre l’intenzione di non tenere il bambino. Come dichiarato dallo stesso regista, questo è un tema a lui molto caro: “Volevo ritrarre la vita di queste donne che vengono emarginate ma non vivono come vittime e non si considerano tali. Sono le eroine non riconosciute della vita di ogni giorno.”

Achouackh Abakar Souleymane
Achouackh Abakar Souleymane (Credits: Mathieu Giombini/Pili Films)
Una madre una figlia recensione film di Mahamat-Saleh Haroun
Una madre, una figlia di Mahamat-Saleh Haroun con Achouackh Abakar Souleymane e Rihane Khalil Alio (Credits: Mathieu Giombini/Pili Films)

Molti film di denuncia come Una madre, una figlia si concentrano principalmente su cosa vuole raccontare l’opera senza concentrarsi sulla forma e sulla tecnica, Mahamat-Saleh Haroun, invece, impone un’idea visiva ben precisa; ad esempio le due protagoniste sono spesso posizionate ai limiti dell’inquadratura, soprattutto quando si muovono non sono al centro dello sguardo della macchina da presa. Questo espediente non è sicuramente innovativo, ma è funzionale al racconto poiché in sé racchiude le sensazioni vissute dai personaggi. Inoltre il regista evita i cliché tipici di storie come questa, come i monologhi strappalacrime, e si dimostra molto rispettoso verso le tematiche affrontate senza che esse vengano spettacolarizzate.

Il titolo originale è Lingui, ossia legame. Ed è proprio il legame tra la madre – che in passato ha vissuto la stessa esperienza della figlia – e la figlia a funzionare meglio, ma anche i legami tra le varie donne costituiscono la spina dorsale che regge l’intera opera, non a caso un uomo chiederà una cifra molto alta per eseguire l’operazione mentre una donna si offrirà di aiutare la protagonista proprio per il legame solidale tra di loro.

Una madre, una figlia riesce dunque a emozionare senza essere ricattatorio, una qualità non così usuale nei film di denuncia che trattano tematiche così delicate.

Mahamat-Saleh Haroun
Mahamat-Saleh Haroun (Credits: Dana Farzanehpour)

Sintesi

Una madre, una figlia riesce ad emozionare senza essere ricattatorio: il film di Mahamat-Saleh Haroun denuncia con grande attenzione e sincerità l'ingiustizia e l'ostracismo verso le giovani donne sul delicato tema dell'aborto, smarcandosi dagli stereotipi di genere e regalandoci una regia accurata sia nella tecnica che nella forma.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Una madre, una figlia riesce ad emozionare senza essere ricattatorio: il film di Mahamat-Saleh Haroun denuncia con grande attenzione e sincerità l'ingiustizia e l'ostracismo verso le giovani donne sul delicato tema dell'aborto, smarcandosi dagli stereotipi di genere e regalandoci una regia accurata sia nella tecnica che nella forma.Una madre una figlia recensione film di Mahamat-Saleh Haroun [Anteprima]