Un divano a Tunisi

Un divano a Tunisi recensione film di Manèle Labidi con Golshifteh Farahani [Anteprima]

Un divano a Tunisi recensione film di Manèle Labidi con Golshifteh Farahani, Majd Mastoura, Aïcha Ben Miled, Feriel Chamari e Najoua Zouhair

Il primo lungometraggio di Manéle Labidi Un divano a Tunisi ha vinto il Premio del Pubblico alla scorsa Mostra del Cinema di Venezia. Precedentemente, la regista franco-tunisina aveva realizzato soltanto un cortometraggio, Une chambre à moi. Manéle decide di portare sul grande schermo una commedia sugli stereotipi culturali più classici con protagonista Golshifteh Farahani, celebre attrice iraniana vista in Tyler Rake, Paterson e Exodus – Dei e re.

La 35enne Selma Derwich decide di lasciare Parigi per tornare in Tunisia, suo paese di origine, al fine di aprire uno studio psicoanalitico. Il suo ritorno però non sarà semplice visto che dovrà scrollarsi di dosso il suo carattere parigino, nonché fare i conti con una società reduce dalla Primavera araba. Una società che crede che il Mossad abbia ucciso Kennedy e che dire “sesso” davanti agli anziani sia gravissimo. Ma soprattutto, dovrà lottare contro la burocrazia tunisina intenzionata a farle chiudere lo studio.

Golshifteh Farahani e Najoua Zouhair
Golshifteh Farahani e Najoua Zouhair
Un divano a Tunisi di Manèle Labidi con Golshifteh Farahani
Un divano a Tunisi di Manèle Labidi con Golshifteh Farahani

Un’opera che già dalla trama si mostra coraggiosa, ma il vero coraggio è la rappresentazione di Selma: ha un viso orientale ma un carattere francese e questa commistione la rende affascinante. Selma lotta da sola contro la burocrazia e contro la sua famiglia che cerca di scoraggiarla. Una donna forte, indipendente, senza un velo e costantemente con la sigaretta in bocca.

Oltre al messaggio sull’emancipazione femminile e alle sequenze più prettamente comiche, che tuttavia funzionano solo a sprazzi, rimane purtroppo poco altro agli spettatori: Un divano a Tunisi riesce a far sorridere soltanto quando ironizza sulla politica, mentre si dimostra più debole nel ritrarre il rapporto tra la psicanalista e i suoi pazienti, che non si evolvono e non sembrano essere realmente aiutati dalla donna.

Una brava protagonista – Golshifteh Farahani – un soggetto coraggioso – scritto dalla regista Manèle Labidi insieme a Maud Ameline – una love story prevedibile e un epilogo un po’ stiracchiato fanno di Un divano a Tunisi un’opera riuscita solo a metà: il coraggio può essere una buona arma, ma se non se ne fa un buon uso ci si può ritorcere contro.

Hichem Yacoubi e Golshifteh Farahani
Hichem Yacoubi e Golshifteh Farahani
Un divano a Tunisi: il poster
Un divano a Tunisi: il poster

Sintesi

Una brava protagonista (Golshifteh Farahani), un soggetto coraggioso scritto dall'esordiente regista Manèle Labidi insieme a Maud Ameline, una love story prevedibile e un epilogo un po' stiracchiato fanno di Un divano a Tunisi un'opera riuscita soltanto a metà: il coraggio può essere una buona arma, ma se non se ne fa un buon uso ci si può ritorcere contro.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Una brava protagonista (Golshifteh Farahani), un soggetto coraggioso scritto dall'esordiente regista Manèle Labidi insieme a Maud Ameline, una love story prevedibile e un epilogo un po' stiracchiato fanno di Un divano a Tunisi un'opera riuscita soltanto a metà: il coraggio può essere una buona arma, ma se non se ne fa un buon uso ci si può ritorcere contro.Un divano a Tunisi recensione film di Manèle Labidi con Golshifteh Farahani [Anteprima]