Un divano a Tunisi

Un divano a Tunisi recensione film di Manèle Labidi con Golshifteh Farahani [Anteprima]

Un divano a Tunisi recensione film di Manèle Labidi con Golshifteh Farahani, Majd Mastoura, Aïcha Ben Miled, Feriel Chamari e Najoua Zouhair

Il primo lungometraggio di Manéle Labidi Un divano a Tunisi ha vinto il Premio del Pubblico alla scorsa Mostra del Cinema di Venezia. Precedentemente, la regista franco-tunisina aveva realizzato soltanto un cortometraggio, Une chambre à moi. Manéle decide di portare sul grande schermo una commedia sugli stereotipi culturali più classici con protagonista Golshifteh Farahani, celebre attrice iraniana vista in Tyler Rake, Paterson e Exodus – Dei e re.

La 35enne Selma Derwich decide di lasciare Parigi per tornare in Tunisia, suo paese di origine, al fine di aprire uno studio psicoanalitico. Il suo ritorno però non sarà semplice visto che dovrà scrollarsi di dosso il suo carattere parigino, nonché fare i conti con una società reduce dalla Primavera araba. Una società che crede che il Mossad abbia ucciso Kennedy e che dire “sesso” davanti agli anziani sia gravissimo. Ma soprattutto, dovrà lottare contro la burocrazia tunisina intenzionata a farle chiudere lo studio.

Golshifteh Farahani e Najoua Zouhair
Golshifteh Farahani e Najoua Zouhair

Un divano a Tunisi di Manèle Labidi con Golshifteh Farahani
Un divano a Tunisi di Manèle Labidi con Golshifteh Farahani

Un’opera che già dalla trama si mostra coraggiosa, ma il vero coraggio è la rappresentazione di Selma: ha un viso orientale ma un carattere francese e questa commistione la rende affascinante. Selma lotta da sola contro la burocrazia e contro la sua famiglia che cerca di scoraggiarla. Una donna forte, indipendente, senza un velo e costantemente con la sigaretta in bocca.

Oltre al messaggio sull’emancipazione femminile e alle sequenze più prettamente comiche, che tuttavia funzionano solo a sprazzi, rimane purtroppo poco altro agli spettatori: Un divano a Tunisi riesce a far sorridere soltanto quando ironizza sulla politica, mentre si dimostra più debole nel ritrarre il rapporto tra la psicanalista e i suoi pazienti, che non si evolvono e non sembrano essere realmente aiutati dalla donna.

Una brava protagonista – Golshifteh Farahani – un soggetto coraggioso – scritto dalla regista Manèle Labidi insieme a Maud Ameline – una love story prevedibile e un epilogo un po’ stiracchiato fanno di Un divano a Tunisi un’opera riuscita solo a metà: il coraggio può essere una buona arma, ma se non se ne fa un buon uso ci si può ritorcere contro.

Hichem Yacoubi e Golshifteh Farahani
Hichem Yacoubi e Golshifteh Farahani

Un divano a Tunisi: il poster
Un divano a Tunisi: il poster

Sintesi

Una brava protagonista (Golshifteh Farahani), un soggetto coraggioso scritto dall'esordiente regista Manèle Labidi insieme a Maud Ameline, una love story prevedibile e un epilogo un po' stiracchiato fanno di Un divano a Tunisi un'opera riuscita soltanto a metà: il coraggio può essere una buona arma, ma se non se ne fa un buon uso ci si può ritorcere contro.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Tutto in una notte recensione film di John Landis con Jeff Goldblum e Michelle Pfeiffer [Flashback Friday]

Tutto in una notte recensione del film di John Landis con Jeff Goldblum, Michelle Pfeiffer, Dan Aykroyd, David Bowie, Paul Mazursky e David Cronenberg Gli anni...

Cinema News del 22 gennaio [Rassegna Stampa]

Sony cede Superconnessi a Netflix Risincronizziamo i calendari Michelle Pfeiffer e Viola Davis sono The First Lady Epic Games si dà al cinema ...

21° Anniversario American Beauty [Throwback Thursday]

Ventuno anni fa usciva nelle sale italiane American Beauty: ricordiamo insieme l'acclamato film premio Oscar di Sam Mendes con Kevin Spacey Il 21 gennaio del...

L’inferno di cristallo recensione film con Paul Newman e Steve McQueen

L'inferno di cristallo recensione del film diretto da John Guillermin e Irwin Allen con Paul Newman, Steve McQueen, Faye Dunaway, William Holden, Fred Astaire...

Cinema News del 21 gennaio [Rassegna Stampa]

Lei mi parla ancora Il primo giorno della mia vita meravigliosa Heartstopper Brevissime Cinema News 21 gennaio Lei mi parla ancora Arriva su Sky Cinema l’8...

Cinema News del 20 gennaio [Rassegna Stampa]

Wonka Quello che non ti uccide/Boss Level Fate: The Winx Saga Libra Nikolaj Coster-Waldau vs Il Ghiaccio The Walled City La miniserie su...

Cinema News del 19 gennaio [Rassegna Stampa]

La prima immagine di Luca James Gunn inizia le riprese di Peacemaker Matt Damon apparentemente in Thor: Love and Thunder Brevissime Il Martin Luther...

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain e John Malkovich [Netflix]

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain, John Malkovich, Colin Farrell, Common, Geena Davis, Jess Weixler, Diana Silvers e Joan Chen Non chiamare...

I cancelli del cielo recensione film di Michael Cimino con Kris Kristofferson e Isabelle Huppert

I cancelli del cielo recensione del film di Michael Cimino con Kris Kristofferson, Isabelle Huppert, Christopher Walken, Jeff Bridges, John Hurt e Sam Waterston Dalle stelle...

Intervista ad Alessandro Grande regista del film Regina

Intervista ad Alessandro Grande, regista di Regina, film in concorso al 38° Torino Film Festival Lo abbiamo visto e recensito in occasione della 38esima edizione...