Venezia 77: La MasterClass di Tilda Swinton

Tilda Swinton tiene la sua MasterClass alla 77esima Mostra del Cinema di Venezia dove riceve il Leone d’Oro alla Carriera

Tilda Swinton, Leone d’Oro alla Carriera di questa edizione del Festival di Venezia, tiene una MasterClass in cui racconta lo stretto rapporto con i registi, con il cinema d’autore e il cinema mainstream affrontando inoltre il futuro del cinema.

Si parte inevitabilmente con il sodalizio con Derek Jarman. Tilda ricercava a Londra il cinema italiano di Rossellini e Antonioni ma anche quello di Fassbinder, un’impresa difficile ma non impossibile, infatti può dire di averlo trovato proprio con con il regista britannico.
Una vera e propria palestra per il mestiere dell’attrice di Tilda, dove la vera scuola è stata imparare a comunicare.

Dopo la perdita di un grande amore (anche lavorativo) è difficile riuscire a trovare la stessa empatia in un’altra persona. La morte prematura di Jarman è stata difficile da digerire ma per fortuna Tilda ha conosciuto Luca Guadagnino e, anche se sembrava impossibile ritrovare la magia che aveva con Jarman, grazie a Guadagnino si è dovuta ricredere, infatti i due condividono la stessa sensibilità artistica e un rapporto di fratellanza dal quale nascono i loro film, come The Protagonists (1999), I Am Love (2010), A Bigger Splash (2015) e Suspiria (2018), con il quale nel 2018 hanno partecipato in Concorso a Venezia.

Tilda Swinton Venezia 77
Tilda Swinton tiene la sua MasterClass alla 77esima Mostra del Cinema di Venezia

Per la Swinton la carriera e la vita di un’artista non possono essere scisse, dovrebbero coincidere e andare di pari passo e questa sua concezione è riuscita a viverla con i diversi registi con i quali ha collaborato ripetutamente: Derek Jarman, Jim Jarmush, Luca Guadagnino e Wes Anderson.

Un elemento che caratterizza il percorso artistico di Tilda Swinton è la sua ecletticità: passando da film d’autore a film mainstream, per lei le etichette non sono da prendere in considerazione, tenendo fede al suo metodo di lavoro qualsiasi sia il genere. Non esiste un solo tipo di mainstream, poiché quello che è commerciale e atteso per alcuni non lo è per altri. Non bisogna essere snob perché il cinema è il gesto più umano di inclusività.

Se “solitamente” il percorso artistico di un’attrice comincia a declinare intorno ai quarant’anni, proprio negli anni successivi agli “anta” Tilda Swinton ha iniziato a fare le cose più interessanti. Ispirata da Greta Garbo, ogni suo film lo intende come l’ultimo per poter dare il meglio di sé e goderselo appieno.

I primi ricordi da spettatrice sono confusi con i sogni, il che oltre ad essere particolarmente interessante non è poi così strano dato che sognare è un’esperienza molto simile a quella cinematografica. Ricorda Almodóvar ma la prima vera proiezione a cui ha assistito è stata quella dei corti documentari Powers of ten scritti e diretti da Charles e Ray Eames.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi [TFF 38]

Regina recensione film di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi, Barbara Giordano e Max Mazzotta al Torino Film Festival 38 Unico alfiere a rappresentare l’Italia...