The Velvet Underground

The Velvet Underground recensione film documentario di Todd Haynes con Lou Reed [Cannes 74]

The Velvet Underground recensione documentario di Todd Haynes con Lou Reed, John Cale, Maureen Tucker, Sterling Morrison presentato a Cannes 74

Lou, John, Nico e gli altri

Difficile pensare a un nome più adatto di quello del regista Todd Haynes per mettere insieme un documentario che restituisca l’America in cui si sono mossi i Velvet Underground, leggendaria band che scrisse le sue regole nel rock e nel pop, summa di individui singolarmente straordinari che hanno già ispirato il cinema in passato (vedi Nico dell’italiana Susanna Nicchiarelli). Quella di Lou Reed e John Cale è un’epoca per certi versi impenetrabile al sentito odierno, fatta di abissi interiori che si aprono durante infanzie solitarie ed evolvono in drammatici scontri con le dipendenze e con il mondo.

MadMass.it consiglia by Amazon

Haynes esplora questo mondo plurale e diversificato tante volte raccontato attraverso una singola prospettiva (solitamente quella di Lou Reed). Lo fa forte della sua grande efficacia formale ma anche di una sensibilità affine a quel panorama musicale, che nel documentario viene raccontato nelle sue molteplici incarnazioni e intricate connessioni con lo scenario culturale newyorkese degli anni ’60.

Paul Morrissey, Andy Warhol, Lou Reed e Moe Tucker
Paul Morrissey, Andy Warhol, Lou Reed e Moe Tucker (Credits: Apple)

Da Velvet Goldmine ai Velvet Underground

C’era molta aspettativa rispetto al documentario di Haynes perché già nel 1998 con Velvet Goldmine aveva saputo catturare l’essenza del glam rock in maniera memorabile, ispirandosi alla figura di David Bowie. Pur essendo il regista di pellicole eleganti come Carol e Dark Waters, Haynes ha una silente vena rock e talvolta sovversiva (vedi il bellissimo esordio Poison), che si rivela ideale per raccontare gli abissi interiori e le sperimentazioni musicali della band simbolo degli anni ’60.

In Velvet Goldmine il racconto era comunque fiction, qui siamo nei territori del documentario più tradizionale, la cui forma è ineccepibile ed elegante. Prodotto da Apple Original, il film si apre con alcuni primi piani di Cale e Reed in bianco e nero girati da Andy Warhol nella Factory, giustapposti a pubblicità e clip televisive degli anni ’60, quasi a mancare l’abissale distanza tra il sentito comune dell’epoca e una band che ne avrebbe raccontato il negativo fotografico.

John Cale, Paul Morrissey e Lou Reed
John Cale, Paul Morrissey e Lou Reed (Credits: Apple)

The Velvet Underground recensione documentario di Todd Haynes con Lou Reed
The Velvet Underground di Todd Haynes (Credits: Apple)

Un regista al servizio delle sue storie

L’approccio di Haynes è sobrio e impersonale, senza interventi diretti nel raccogliere e montare le testimonianze e la voce dei sopravvissuti che ricordano e tratteggiano i tormentati rapporti di amicizia e insofferenza alla base dei Velvet Underground. Haynes tira fuori un racconto collettivo, che non renda la figura di Lou Reed totalizzante, dando il giusto peso al talento e alla sensibilità di Nico e Maureen “Moe” Tucker, al contributo insostituibile di Andy Warhol nel lanciare la band, a una serie di figure che hanno orbitato attorno al gruppo ma che sono state ben più di un semplice contorno.

Il tutto con uno stile che replica e sublima i visuals di cui è composto lo stesso immaginario visivo della band: la banana in copertina, le videoproiezioni che scorrono sui corpi dei musicisti durante le performance newyorkesi, gli sguardi inquieti catturati dal bianco e nero dell’epoca.

Sintesi

Nel raccontare un mito musicale, Todd Haynes non fa davvero nulla di nuovo o radicale: pur senza essere una sterile celebrazione, il suo documentario è più interessato a ricostruire il mondo (reale e interiore) in cui si muovevano Lou Reed e gli altri, senza alcun colpo di mano. Un documentario ineccepibile e filologico che non si prende alcun rischio e forse per questo scontenterà qualche cinefilo. Per i fan della band e di Haynes invece è quasi obbligatorio.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli