The Lighthouse

The Lighthouse recensione film di Robert Eggers con Robert Pattinson e Willem Dafoe

The Lighthouse recensione film di Robert Eggers con Robert Pattinson, Willem Dafoe, Valeriia Karaman e Logan Hawkes scritto da Robert e Max Eggers

Con un quasi puro 4:3 in 35mm ed un’afasia crescente disturbata solo dalla singola nota del nautofono del faro, Robert Eggers, fin dai primi minuti di The Lighthouse, dichiara esplicitamente i suoi intenti: un horror psicologico puro con una fortissima matrice espressionista, un omaggio a Fritz Lang, Friedrich Wilhelm Murnau e Robert Wiene. Il formato cinematografico scelto, la fotografia in bianco e nero, particolari lenti e filtri utilizzati negli anni ’30, concorrono ad un solitario quadro teatrale: primi piani deformanti, con volti tagliati dalla luce, spesso proveniente dal basso al fine d’esaltare le espressioni demoniache ed isteriche dei personaggi.

MadMass.it consiglia by Amazon

Già con il suo lungometraggio d’esordio, The Witch, Eggers ridisegna le coordinate dell’horror, partendo sempre dai padri: le influenze di Bergman e di Dreyer, sono evidenti, tanto quanto il riferimento alla storia dell’arte, ad un’atmosfera famigliare semplice e dignitosa che richiama I mangiatori di patate di Van Gogh. Sceneggiato a partire dal romanzo incompiuto di Edgar Allan Poe, dal titolo The Light-House, il lungometraggio di Eggers, ambientato nel 1890 in una misteriosa e remota isola del New England, è un allucinato delirio dell’immaginazione: Ephraim Winslow (Robert Pattinson), è un giovane che giunge sull’isola per lavorare come operatore del faro, sotto la supervisione di Thomas Wake (Willem Dafoe), il guardiano del faro. I giorni passano, tra ostilità e intimi confronti tra i due: tra i pesanti compiti che Wake ordina al ragazzo, dal quale esige fin troppo, si scorgono anche momenti di dialogo, d’apertura, stimolati sia dalla necessità di un interlocutore, con il quale far passare notti e giorni che appaiono infiniti e sia dall’uso abbondante d’alcol che entrambi fanno.

Willem Dafoe e Robert Pattinson
Willem Dafoe e Robert Pattinson

L’elemento che ricorrerà nelle loro conversazioni, che è anche il grumo filosofico centrale del film, è la luce del faro: Wake infatti, non lascia che Winslow si avvicini alla luce; Winslow vive perciò nel desiderio costante di capire che cosa si nasconda lì in cima. Ma cosa rappresenta la luce? Come anticipato, il film vive di una forte componente mitologico-letteraria, la quale struttura le vicende, equiparando i due personaggi rispettivamente a Prometeo e Proteo: il vecchio guardiano protegge la luce del faro dalle insidie del giovane Winslow, il quale vuole acquisire la luce per impadronirsi del suo potere. Essa rappresenta la luce del sapere, della conoscenza, della saggezza conquistata.

Fuor di metafora, la luce del faro è il fuoco che Prometeo ruba agli dei per donarlo all’umanità, in modo che essa possa progredire nella propria civilizzazione; Zeus, di fronte alla trasgressione del titano, lo condanna all’eterno tormento: legato ad una roccia, il suo fegato sarà divorato ogni giorno da un’aquila, riformandosi per essere divorato nuovamente il giorno seguente. L’analogia e l’influenza del mito è tangibile, avvalorata dalla sequenza finale dove, non delle aquile, ma dei gabbiani che popolano l’isola fin dall’inizio, lacerano e inghiottiscono le viscere di Winslow. Una differenza è abissale tra il mito originario e la rivisitazione del film: Prometeo vuole fare un atto d’altruismo, Winslow vuole scoprire e godere egoisticamente della luce.

Zeus condanna Prometeo
Zeus condanna Prometeo

Una deviazione puramente contemporanea, che attualizza la mitologia greca e la rende fortemente riproponibile oggi. Ma concentriamoci sul rapporto combattente tra i due: chi è il pazzo? Winslow o Wake? Tutto si basa su un fenomeno moderno: il gaslighting, una manipolazione psicologica violenta e subdola, attraverso la quale avviene una rappresentazione di false informazioni con l’intento di spacciarle per vere, provocando, nella fragile mente umana della vittima, una crisi che sconfina nel dubitare della propria memoria e percezione. Chi è in questo caso la vittima? Al principio la vittima sembra Winslow, soggiogato dal guardiano che lo sottomette intasandogli la mente con storie e superstizioni, le quali porteranno il giovane a continue allucinazioni su mostri marini, sirene, teste mozzate e tronchi che galleggiano in mare.

Pur ammettendo che le allucinazioni siano state provocate dalla manipolazione del vecchio, è chiaro che le visioni provengano dall’inconscio e dalle ossessioni del giovane: il sesso e la continua tendenza all’appagamento sessuale (già chiari dal momento in cui Winslow si masturba sulla statuetta), vengono proiettati sul compimento dell’atto sessuale con la sirena; la testa mozzata priva d’occhio è del precedente assistente del guardiano, morto perché divenuto folle; i tronchi che galleggiano, rimandano alla vicenda che il giovane Winslow racconta: l’impossibilità o forse la non volontà di salvare il suo capo boscaiolo, di nome proprio Ephraim Winslow.

The Lighthouse di Robert Eggers
The Lighthouse di Robert Eggers

Ed ecco il cortocircuito di The Lighthouse, il ribaltarsi drastico e radicale delle prospettive: il giovane assistente è in realtà Thomas Howard, che dopo la morte del suo capo (il vero Ephraim Winslow), ha rubato il suo nome, la sua identità: “Perché hai sputato il tuo rospo, Tommy?”, lo accusa il guardiano. Da ora in poi, sarà il giovane Howard a perseguitare il vecchio, sottomettendolo, facendolo gattonare come un cane al guinzaglio fino alla buca dove lo sotterrerà vivo. Una lotta spietata tra i due personaggi per accaparrarsi la luce: non più rappresentata solo dalla luce greca del sapere, la meta ontologica alla quale nel passato si tendeva, ma una luce che si fonde con quella odierna del potere, della conquista e della sopraffazione.

Ecco un’altra differenza sostanziale rispetto al mito: se per i greci la sapienza è la meta più importante, oggi il potere è l’unica vetta alla quale, in modo inesausto, si tende. Dopo la morte del guardiano, Howard sale su in cima: qui la lente di Fresnel si apre da sola, l’uomo la osserva, la tocca al suo interno e si mette ad urlare; è un urlo sordo che racchiude la consapevolezza di trovarsi finalmente di fronte alla meta e scoprire che la meta sia in realtà il nulla. La luce del potere non sarà in nessun modo chiarificante o illuminante, ma accecante, così tanto da scaraventare il ragazzo giù per le scale.

Eggers ha una capacità fenomenale di rappresentare un mito classico nel nostro presente, non sfigurandolo nella sua essenza più intima, ma adattandolo ai nostri giorni, ai nuovi tormenti, alle nuove trasformazioni ontologiche, ai nuovi modi di percepire il mondo.

Sintesi

Il secondo lungometraggio di Eggers è un continuo oscillare tra gli insegnamenti del passato, rivisti e rimodulati, ed il mondo dell’arte, della letteratura e della filosofia: un viaggio in un incubo allucinato, dove il mito classico diventa specchio della nostra interiorità.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Cinema News: Indira Varma in Obi-Wan, Florence Pugh e Morgan Freeman in A Good Person di Zach Braff

Cinema News by Night su MadMass.it Indira Varma entra a far parte del cast di Obi-Wan Reeve Carney interpreterà Jeff Buckley nel biopic sul...

La sottile linea rossa recensione film di Terrence Malick [Disney+ Star]

La sottile linea rossa recensione del film di Terrence Malick con Jim Caviezel, George Clooney, Woody Harrelson, John Cusack, Nick Nolte, Adrien Brody, Sean Penn...

Netflix marzo 2021 uscite in programmazione: cosa vedere tra serie TV e film

Netflix marzo 2021 uscite in programmazione: dall'ultima stagione di Vikings alle novità in catalogo Sky Rojo, Gli Irregolari di Baker Street, Yes Day e...

Sound of Metal recensione film di Darius Marder con Riz Ahmed [Amazon Prime Video]

Sound of Metal recensione film di Darius Marder con Riz Ahmed, Olivia Cooke, Mathieu Amalric, Lauren Ridloff e Paul Raci Intenso e tragicamente reale Sound of...

Raya e l’ultimo drago recensione film di Don Hall e Carlos López Estrada [Disney+ Anteprima]

Raya e l’ultimo drago recensione del 59esimo film d'animazione Disney di Don Hall e Carlos López Estrada in uscita nelle sale e su Disney+ Raya...

Golden Globe 2021 vincitori: vince Nomadland e Chloe Zhao migliore regista, Borat 2 migliore commedia e Sacha Baron Cohen miglior attore

Golden Globe 2021 vincitori: vince Nomadland con Chloe Zhao migliore regista, Borat 2 migliore commedia con Sacha Baron Cohen miglior attore Netflix mette a frutto...

Golden Globe 2021: Chadwick Boseman Miglior Attore Protagonista in un Film Drammatico

Golden Globe 2021: Chadwick Boseman Miglior Attore Protagonista in un Film Drammatico per Ma Rainey's Black Bottom Premio postumo tanto atteso quanto meritato allo sfortunato...

Golden Globe 2021: Anya Taylor-Joy e La regina degli scacchi migliore attrice e miniserie TV

Golden Globe 2021: Anya Taylor-Joy e La regina degli scacchi migliore attrice e miniserie TV Trionfo di Anya Taylor-Joy e La regina degli scacchi rispettivamente...

Golden Globe 2021: The Crown vince Migliore Serie TV Drammatica

Golden Globe 2021: The Crown vince Migliore Serie TV Drammatica The Crown si afferma come migliore serie TV drammatica del 2021 ai Golden Globes, prevalendo...

Golden Globe 2021: Rosamund Pike Migliore Attrice Protagonista per I Care A Lot

Golden Globe 2021: Rosamund Pike Migliore Attrice Protagonista per I Care A Lot Vittoria a sorpresa per Rosamund Pike con I Care A Lot rispetto...