Takara - La notte che ho nuotato

Takara – La notte che ho nuotato – recensione

A notte fonda, il piccolo Takara viene svegliato dal rumore dell’auto del papà, diretto al mercato del pesce, dove lavora. Invece di tornare a letto, il bambino si mette a giocare nella sua stanza, immaginando e disegnando un mondo sottomarino mentre la sorella e la mamma dormono. La mattina dopo, Takara viene spedito a scuola, ma insonnolito per la nottata in bianco e affascinato dalla coltre di neve che ricopre il paese, inizia ad esplorare la campagna imbiancata, fino a che gli verrà un’idea.

Takara La notte che ho nuotato

Takara – La notte che ho nuotato è la collaborazione di due registi, il Francese Damien Manivel ed il Giapponese Kohei Igarashi, i quali, dopo essersi conosciuti al Festival di Locarno, hanno deciso di unire le forze creative per raccontare un’infanzia sulle montagne giapponesi.

Il risultato dell’incontro di due diverse culture è un film inusuale, scevro (per scelta e forse per necessità) di dialoghi o testi esplicativi (ad eccezione dei titoli dei tre capitoli): snellito fino alle componenti di base del cinema, Takara sfrutta esclusivamente immagine e suono per un diverso tipo di narrazione, implicita, delicata e non affrettata, che non manca di incuriosire lo spettatore e coinvolgerlo nel tentativo di interpretare le silenziose intenzioni del bambino.

Il ritmo lento del racconto può portare talvolta la mente a vagare, ma, come in una meditazione, l’attenzione viene presto riportata sul presente, grazie al carisma del piccolo protagonista, Takara Kogawa. A soli sei anni, il giovane attore è incredibilmente espressivo e dotato di invidiabili tempi comici: una performance eccezionale, ottenuta anche grazie al tempo che i due autori si sono concessi per conoscere meglio il bambino ed includere elementi della sua vita reale nel processo creativo.

Con una durata di quasi ottanta minuti, Takara è una sorta di moderno film muto, un gioiellino che, grazie al rilassante paesaggio giapponese, al leggero accompagnamento di pianoforte e all’innocenza del piccolo Takara, ci lascia con un raro senso di purezza e di serenità.

Takara – la notte che ho nuotato arriverà nei nostri cinema il 23 maggio grazie a Tycoon Distribution.

Una scene di Takara – la notte che ho nuotato

Sintesi

Un gioiellino che, grazie al rilassante paesaggio giapponese, al leggero accompagnamento di pianoforte e al carisma e l’innocenza del piccolo Takara, ci lascia con un raro senso di purezza e di serenità.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Takara - La notte che ho nuotato - recensioneUn gioiellino che, grazie al rilassante paesaggio giapponese, al leggero accompagnamento di pianoforte e al carisma e l’innocenza del piccolo Takara, ci lascia con un raro senso di purezza e di serenità.