SKAM Italia 4

SKAM Italia 4 recensione [Netflix TIMvision]

SKAM Italia 4 arriva su Netflix con la stagione dedicata a Sana: dal suo punto di vista seguiremo le vincende di tutti gli altri personaggi. La recensione.

SKAM Italia 4 recensione serie TV NetflixTIMvision scritta e diretta da Ludovico Bessegato con Ludovica Martino, Beatrice Bruschi, Ludovico Tersigni, Greta Ragusa e Federico Cesari

Dopo 3 stagioni in esclusiva su TIMvision, SKAM Italia non viene più rinnovata e si trova davanti un futuro incerto deludendo il potentissimo fandom che aveva creato. Netflix però capisce che in questa serie, adattamento del format originale norvegese, c’è del potenziale. Così il 15 maggio esce SKAM Italia 4, distribuita contemporaneamente su TIMvision e Netflix, il quale fa conoscere la serie ad un pubblico decisamente più vasto aumentandone esponenzialmente il successo.

Federica, Eva, Sana e Silvia in SKAM Italia 4
Federica, Eva, Sana e Silvia in SKAM Italia 4

SKAM Italia è un tipico teen drama che vede al centro un gruppo di amici adolescenti che frequentano un liceo romano: la particolarità è che ogni stagione è legata al punto di vista e alla storia personale di un singolo personaggio, senza ovviamente tralasciare la narrazione corale. La prima stagione è incentrata su Eva (Ludovica Martino), la seconda su Martino (Federico Cesari), la terza su Eleonora (Benedetta Gargari) e infine la quarta su Sana (Beatrice Bruschi).

Con questo meccanismo ovviamente è fondamentale la caratterizzazione dei personaggi, che deve essere tridimensionale, di spessore, verosimile e con un notevole percorso di crescita da attuare in sole dieci puntate. È proprio per questo che la quarta stagione di SKAM Italia si rivela una spanna sopra le altre.

Sana Allagui interpretata da Beatrice Bruschi
Sana Allagui interpretata da Beatrice Bruschi

Sana è un’adolescente musulmana di seconda generazione. Come se già l’adolescenza non fosse abbastanza difficile per qualsiasi persona, su di lei incombe anche lo stigma del pregiudizio, della divisione fra due mondi tanto amati quanto diversi.

SKAM Italia 4 sviluppa Sana come un climax ascendente: all’inizio è a suo agio nell’organizzare la casa vacanza a Mykonos, nel nascondersi durante una festa per poter pregare, nell’indossare il velo più bello per far colpo su Malik (Mehdi Meskar), l’amico del fratello Rami (Ibrahim Keshk). Ma nel corso delle puntate entrambi i suoi mondi le crollano addosso rivelando così tutte le sue insicurezze e fragilità, fino a crollare.

Sana, Martino e Filippo in SKAM Italia 4
Sana, Martino e Filippo in SKAM Italia 4

I protagonisti di SKAM
I protagonisti di SKAM

Per quanto Sana possa essere distante dal nostro mondo, in realtà quello che attraversa in questa stagione, estrapolato dal contesto religioso, l’abbiamo provato tutti. Quando il ragazzo che ci piace bacia la nostra migliore amica, quando improvvisamente sentiamo cosa la gente pensa realmente di noi, ci sentiamo sbagliate e per proteggerci costruiamo una corazza invalicabile, rimanendo sole con noi stesse a combattere i nostri mostri.

Sana però riesce, anche grazie a Martino (Federico Cesari), a rimettere insieme i pezzi della sua vita, ad accettare che non sarà mai perfetta e che comunicare è la chiave per stare bene.

SKAM Italia 4 è più forte perché finalmente impariamo qualcosa di nuovo, non è tutto pervaso dalla banalità delle tipiche storielle teen ma mette in luce aspetti nuovi e diversi.

SKAM Italia 4 recensione serie Netflix TIMvision
Sana con il fratello Rami e i suoi amici

SKAM è molto amata perché viene definita “il più vicino possibile alla realtà” essenzialmente grazie alla presenza, a tratti invadente, dei social, elemento che la maggioranza dei nuovi teen drama (Baby, Summertime) presenta, come se inserire una chat sullo schermo significasse essere al passo con i tempi. Non sono i social network che fanno la “contemporaneità” di una serie, bensì i personaggi e le loro storie. SKAM 4 sarebbe altrettanto bella e attuale perché i suoi temi lo sono.

Non è reale, e non deve esserlo. Se il pubblico volesse vedere la realtà aprirebbe la porta di casa, non la televisione: la serialità è affascinante perché non è quello che viviamo abitualmente, per quello esistono i documentari.

Fiore all’occhiello di SKAM è l’estetica: la fotografia regala emozioni insistendo sui giochi di luce e la colonna sonora spazia fra diversi generi musicali rimanendo sempre attuale e coerente. SKAM Italia 4 è una serie che ci regala una grande consapevolezza, quella della comunicazione fra le persone che riesce ad abbattere l’ignoranza e le incomprensioni.

Sintesi

SKAM Italia 4 si posiziona una spanna sopra le altre stagioni: la regia di Ludovico Bessegato rimane uno dei punti di forza della serie e il racconto di Sana, l'adolescente musulmana interpretata da Beatrice Bruschi, apre le porte ad una storia nuova ed interessante che ci regala una grande consapevolezza, quella della comunicazione fra le persone che riesce ad abbattere l'ignoranza e le incomprensioni.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Cinema News del 20 settembre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 20 settembre: Eddie Murphy vince il suo primo Emmy, Mark Wahlberg protagonista di Good Joe Bell, Matt Dillon ci racconta in...

Rifkin’s Festival: trailer e trama del nuovo film di Woody Allen

Rifkin’s Festival: trailer e trama del nuovo film di Woody Allen con Wallace Shawn e Gina Gershon presentato dal regista al San Sebastián Film...

Luca Zingaretti è Il Re nella nuova serie prison drama Sky Original

Il Re: Luca Zingaretti protagonista della nuova serie prison drama in onda su Sky Original nel 2021 Dopo il grandissimo successo di Vis a vis...

Cinema News del 19 settembre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 19 settembre: Colin Firth e Stanley Tucci in Supernova, John Boyega in The Test, Idris Elba a cavallo in Concrete Cowboy,...

Il postino recensione del film di e con Massimo Troisi [Disney+]

Il postino recensione del film di Michael Radford e co-diretto e interpretato da Massimo Troisi con Philippe Noiret e Maria Grazia Cucinotta Come spesso accade, i grandi talenti...

After 2 recensione film con Josephine Langford Hero Fiennes Tiffin e Dylan Sprouse

After 2 recensione film di Roger Kumble con Josephine Langford, Hero Fiennes Tiffin, Dylan Sprouse, Louise Lombard, Candice King e Pia Mia After 2 è il...

Cinema News del 18 settembre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 18 settembre: Tatiana Maslany è She-Hulk, arriva il sequel di Baby Boss intitolato The Boss Baby: Family Business, Rami Malek e...

Sentieri selvaggi recensione del film di John Ford con John Wayne [Flashback Friday]

Sentieri selvaggi recensione del film di John Ford con John Wayne, Natalie Wood, Ward Bond, Jeffrey Hunter, Vera Miles e Henry Brandon Nel parlare di...

Le strade del male recensione film con Tom Holland Robert Pattinson e Riley Keough [Netflix]

Le strade del male recensione film di Antonio Campos con Tom Holland, Robert Pattinson, Riley Keough, Jason Clarke, Bill Skarsgård, Haley Bennett, Mia Wasikowska, Eliza...

Django Unchained recensione del film di Quentin Tarantino

Django Unchained recensione del film di Quentin Tarantino con Jamie Foxx, Christoph Waltz, Leonardo DiCaprio, Kerry Washington, Samuel L. Jackson e Don Johnson La particolarità di quel...