SKAM Italia 4

SKAM Italia 4 recensione [Netflix TIMvision]

SKAM Italia 4 arriva su Netflix con la stagione dedicata a Sana: dal suo punto di vista seguiremo le vincende di tutti gli altri personaggi. La recensione.

SKAM Italia 4 recensione serie TV NetflixTIMvision scritta e diretta da Ludovico Bessegato con Ludovica Martino, Beatrice Bruschi, Ludovico Tersigni, Greta Ragusa e Federico Cesari

Dopo 3 stagioni in esclusiva su TIMvision, SKAM Italia non viene più rinnovata e si trova davanti un futuro incerto deludendo il potentissimo fandom che aveva creato. Netflix però capisce che in questa serie, adattamento del format originale norvegese, c’è del potenziale. Così il 15 maggio esce SKAM Italia 4, distribuita contemporaneamente su TIMvision e Netflix, il quale fa conoscere la serie ad un pubblico decisamente più vasto aumentandone esponenzialmente il successo.

Federica, Eva, Sana e Silvia in SKAM Italia 4
Federica, Eva, Sana e Silvia in SKAM Italia 4

SKAM Italia è un tipico teen drama che vede al centro un gruppo di amici adolescenti che frequentano un liceo romano: la particolarità è che ogni stagione è legata al punto di vista e alla storia personale di un singolo personaggio, senza ovviamente tralasciare la narrazione corale. La prima stagione è incentrata su Eva (Ludovica Martino), la seconda su Martino (Federico Cesari), la terza su Eleonora (Benedetta Gargari) e infine la quarta su Sana (Beatrice Bruschi).

Con questo meccanismo ovviamente è fondamentale la caratterizzazione dei personaggi, che deve essere tridimensionale, di spessore, verosimile e con un notevole percorso di crescita da attuare in sole dieci puntate. È proprio per questo che la quarta stagione di SKAM Italia si rivela una spanna sopra le altre.

Sana Allagui interpretata da Beatrice Bruschi
Sana Allagui interpretata da Beatrice Bruschi

Sana è un’adolescente musulmana di seconda generazione. Come se già l’adolescenza non fosse abbastanza difficile per qualsiasi persona, su di lei incombe anche lo stigma del pregiudizio, della divisione fra due mondi tanto amati quanto diversi.

SKAM Italia 4 sviluppa Sana come un climax ascendente: all’inizio è a suo agio nell’organizzare la casa vacanza a Mykonos, nel nascondersi durante una festa per poter pregare, nell’indossare il velo più bello per far colpo su Malik (Mehdi Meskar), l’amico del fratello Rami (Ibrahim Keshk). Ma nel corso delle puntate entrambi i suoi mondi le crollano addosso rivelando così tutte le sue insicurezze e fragilità, fino a crollare.

Sana, Martino e Filippo in SKAM Italia 4
Sana, Martino e Filippo in SKAM Italia 4

I protagonisti di SKAM
I protagonisti di SKAM

Per quanto Sana possa essere distante dal nostro mondo, in realtà quello che attraversa in questa stagione, estrapolato dal contesto religioso, l’abbiamo provato tutti. Quando il ragazzo che ci piace bacia la nostra migliore amica, quando improvvisamente sentiamo cosa la gente pensa realmente di noi, ci sentiamo sbagliate e per proteggerci costruiamo una corazza invalicabile, rimanendo sole con noi stesse a combattere i nostri mostri.

Sana però riesce, anche grazie a Martino (Federico Cesari), a rimettere insieme i pezzi della sua vita, ad accettare che non sarà mai perfetta e che comunicare è la chiave per stare bene.

SKAM Italia 4 è più forte perché finalmente impariamo qualcosa di nuovo, non è tutto pervaso dalla banalità delle tipiche storielle teen ma mette in luce aspetti nuovi e diversi.

SKAM Italia 4 recensione serie Netflix TIMvision
Sana con il fratello Rami e i suoi amici

SKAM è molto amata perché viene definita “il più vicino possibile alla realtà” essenzialmente grazie alla presenza, a tratti invadente, dei social, elemento che la maggioranza dei nuovi teen drama (Baby, Summertime) presenta, come se inserire una chat sullo schermo significasse essere al passo con i tempi. Non sono i social network che fanno la “contemporaneità” di una serie, bensì i personaggi e le loro storie. SKAM 4 sarebbe altrettanto bella e attuale perché i suoi temi lo sono.

Non è reale, e non deve esserlo. Se il pubblico volesse vedere la realtà aprirebbe la porta di casa, non la televisione: la serialità è affascinante perché non è quello che viviamo abitualmente, per quello esistono i documentari.

Fiore all’occhiello di SKAM è l’estetica: la fotografia regala emozioni insistendo sui giochi di luce e la colonna sonora spazia fra diversi generi musicali rimanendo sempre attuale e coerente. SKAM Italia 4 è una serie che ci regala una grande consapevolezza, quella della comunicazione fra le persone che riesce ad abbattere l’ignoranza e le incomprensioni.

Sintesi

SKAM Italia 4 si posiziona una spanna sopra le altre stagioni: la regia di Ludovico Bessegato rimane uno dei punti di forza della serie e il racconto di Sana, l'adolescente musulmana interpretata da Beatrice Bruschi, apre le porte ad una storia nuova ed interessante che ci regala una grande consapevolezza, quella della comunicazione fra le persone che riesce ad abbattere l'ignoranza e le incomprensioni.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

I cinque migliori film sul razzismo [Throwback Thursday]

Il tema del razzismo è molto presente nel cinema. In tempi difficili come quelli che stiamo vivendo, ripercorriamo insieme i migliori film sul razzismo È...

Curon: il trailer della serie TV Netflix in attesa della recensione

Curon: in attesa della recensione in anteprima, vi mostriamo il trailer della serie TV italiana Netflix disponibile dal 10 giugno in streaming Nei prossimi giorni...

Sandman: la serie TV sta arrivando su Netflix!

Sandman di Neil Gaiman, una delle migliori saghe a fumetti mai stampata, sta finalmente arrivando su Netflix Neil Gaiman, autore di American Gods e Good...

L’immensità della notte – The Vast of Night: gli Easter Egg del film su Prime Video

L'immensità della notte - The Vast of Night, opera prima di Andrew Patterson con Sierra McCormick e Jake Horowitz, disponibile su Amazon Prime Video L'immensità...

Snowpiercer Netflix recensione prima stagione completa serie TV Episodi 6-10

Snowpiercer Netflix: recensione serie TV con Jennifer Connelly, Daveed Diggs, Mickey Sumner, Iddo Goldberg, Alison Wright, Sheila Vand e Lena Hall Keep the faith, and you...

The 100 recensione stagione 7 episodio 2 7×2 Il giardino

The 100 recensione 7x2 episodio 2 stagione 7 Il giardino - The Garden con Eliza Taylor, Bob Morley, Marie Avgeropoulos e Shelby Flannery Prosegue...

The 100: perché vedere la serie TV di fantascienza su Netflix

The 100: perché vale la pena vedere la serie TV di Jason Rothenberg basata sui romanzi di Kass Morgan con Eliza Taylor e Bob...

Snowpiercer, il treno della vita: il film di Bong Joon-ho prima della serie Netflix [Throwback Thursday]

In occasione dell'uscita della serie TV Netflix ricordiamo Snowpiercer, il film di fantascienza post-apocalittica di Bong Joon-ho che ci ricorda che non siamo tutti uguali Il...

Giffoni Film Festival presenta la 50esima edizione: ospiti, date e programma 2020

Giffoni Film Festival ritorna dal 18 al 22 e dal 25 al 29 agosto 2020 e dal 26 al 30 dicembre 2020: ospiti e programma...

Space Force recensione serie TV [Netflix Anteprima]

Space Force recensione serie TV di Greg Daniels e Steve Carell con Steve Carell, John Malkovich, Diana Silvers, Tawny Newsome, Ben Schwartz, Lisa Kudrow Boots...