Romance Doll

Romance Doll recensione [FEFF 22]

Romance Doll recensione film di Yuki Tanada con Issey Takahashi, Yū Aoi, Yasuhiro KosekiTaki Pierre al Far East Film Festival 2020

Fa il suo debutto sugli schermi virtuali della 22a edizione del Far East Film Festival anche il nono lungometraggio della regista giapponese Yuki Tanada: Romance Doll.

Scritto e diretto dalla stessa regista e scrittrice Tanada, il film, tratto da un suo romanzo pubblicato nel 2009 dalla casa editrice giapponese Kadokawa, racconta la storia di Tetsuo (Issey Takahashi) e della modella Sonoko (Yū Aoi) che, dopo essersi innamorati a prima vista, decidono di condividere le loro vite. Tuttavia entrambi nascondono uno scomodo segreto che, a causa di alcune circostanze particolari, saranno costretti a rivelare rischiando di mettere in pericolo il loro delicato e fragile equilibrio di coppia.

Yū Aoi e Issey Takahashi
Yū Aoi e Issey Takahashi
Yū Aoi e Issey Takahashi
Yū Aoi e Issey Takahashi

Romance Doll è una delle molte belle scoperte di questa edizione del FEFF: una storia umana, quasi vera, semplice, equilibrata e viva. La bravura di Yuki Tanada si nota soprattutto nella costruzione del dramma e nella sua capacità di alternare ad attimi di riflessione momenti di ironia e leggerezza. Il tutto inscritto all’interno di un quadro curato, dalle premesse insolite, che il regista utilizza per esaminare questioni umane fondamentali arricchendole di sensibilità e di una poetica del tutto personale e mai eccessiva.

Il cast non è da meno: Issey Takahashi e Yū Aoi tornano a lavorare assieme dopo All About Lily Chou-Chou (Shunji Iwai, 2001) confermando la loro bravura e la capacità di elaborare i ruoli loro assegnati attraverso una recitazione costruita sui minimi dettagli, sugli sguardi, sulle parole non dette e i sui più piccoli gesti. Anche il commento sonoro è stato utilizzato con parsimonia ed efficacia, preferendo alla musica attimi di silenzio e di riflessione volti ad enfatizzare la realtà e il lento ma inesorabile scorrere del tempo.

Yuki Tanada con Romance Doll mette in scena una storia efficace attraverso un’opera delicata, equilibrata e curata nei minimi particolari che riesce a non scadere in facili cliché.

Issey Takahashi e Yū Aoi
Issey Takahashi e Yū Aoi
Romance Doll di Yuki Tanada recensione [FEFF 22]
Romance Doll di Yuki Tanada

Sintesi

Delicato, equilibrato e curato nei minimi particolari, Romance Doll, è una delle molte belle scoperte della 22esima edizione del Far East Film Festival. Yuki Tanada, aiutata dalla bravura dei protagonisti, costruisce una storia efficace, basata sulle parole non dette e sui più piccoli gesti.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Delicato, equilibrato e curato nei minimi particolari, Romance Doll, è una delle molte belle scoperte della 22esima edizione del Far East Film Festival. Yuki Tanada, aiutata dalla bravura dei protagonisti, costruisce una storia efficace, basata sulle parole non dette e sui più piccoli gesti.Romance Doll recensione [FEFF 22]